COME AIUTARCI...

Siamo una associazione completamente autofinanziata, grazie a chi vorrà aiutarci.
 5 x 1000 Associazione Antimafie Rita Atria

Aiuta le attività totalmente autofinanziate

dell'Associazione Antimafie Rita Atria

Dona il tuo 5 x 1000

Codice Fiscale: 92020250830


 Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
Intesa Sanpaolo filiale di Milazzo

IBAN: IT57C0306982292100000002659

Per Pagamento con PayPal

Segnalate le donazioni anche via email a: info@ritaatria.it con oggetto: Donazione

AVVISO

Stiamo lavorando al nuovo sito... migrare anni di storia non è facile... ci scusiamo per la poca responsività.

...

"Finché il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci

News

messinaora.it, Il metodo Nania: Accusare dal Senato chi denuncia, per evitare i controlli sui possibili condizionamenti mafiosi nell'affaire Parco Commerciale di Barcellona P.G.

gen 26

Scritto da:
26/01/2012 11:32  RSS

Ringraziamo tutte le voci Libere che ci stanno esprimendo solidarietà 

SCARICA IL DOCUMENTO 

fonte: http://www.messinaora.it/joomla/politica/item/1099-il-metodo-nania-accusare-dal-senato-chi-denuncia-per-evitare-i-controlli-sui-possibili-condizionamenti-mafiosi-nell%E2%80%99affaire-parco-commerciale-di-barcellona-pg.html

 

IL METODO NANIA: ACCUSARE DAL SENATO CHI DENUNCIA, PER EVITARE I CONTROLLI SUI POSSIBILI CONDIZIONAMENTI MAFIOSI NELL’AFFAIRE PARCO COMMERCIALE DI BARCELLONA PG

 

L’affaire Parco Commerciale di Barcellona Pozzo di Gotto arriva in Parlamento, dove il vicepresidente del senato Domenico Nania interroga il Ministro degli Interni, non potendo accettare il provvedimento con cui il prefetto Alecci, il 9 dicembre del 2011, avvertiva la necessità di verificare possibili condizionamenti della criminalità organizzata nell'attività amministrativa del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto.

La difesa del senatore, che teme per le eventuali conseguenze politiche del provvedimento  a  4 mesi dal rinnovo del consiglio comunale previsto per la primavera del 2012, ripercorre i fatti contestati sulla redazione del nuovo PRG, delle Norme Tecniche di Attuazione (NTA)  e delle Norme tecniche di attuazione delle previsioni urbanistiche del settore commerciale ( NTAC), nella localizzazione del parco commerciale e nell'inserimento dei terreni di contrada Siena, che sono state al centro di una denuncia presentata dalle associazioni antimafia “Rita Atria”  e "Città Aperta", “secondo principi – che a detta del senatore -  non è chiaro dove e come vengano ricavati e secondo cui i privati non avrebbero potuto presentare un PRP”.

La sgradevolezza dell’interrogazione (che è possibile leggere per intero al seguente link) è dovuta non solo al linguaggio inquietante usato dal senatore a difesa dell’operato del cugino Sindaco Candeloro Nania, ma per come il senatore “scandalizzato” chiede al ministro “se risulti che esiste una sola città in Italia, dove si è disposto, come nel Comune di Barcellona PG, l'atto di Accesso su tutti gli atti amministrativi, non in funzione delle relazioni annuali sul controllo del territorio, riguardanti gli Enti locali, redatte da Questura, Arma dei Carabinieri e Guardia di finanza, ma di articoli e interrogazioni dal contenuto distorto ed errato”.

Gli articoli e le interrogazioni “dal contenuto distorto ed errato” sarebbero quelli di Antonio Mazzeo, divenuto una vera e propria ossessione per il senatore Nania, che durante la sua relazione, in cui più volte lo accusa di “straparlare”, lo nomina ben otto volte. Una di queste per definirlo, con l’associazione antimafia Rita Atria (ma la parola antimafia nel documento in effetti non compare), come “suggeritore locale”  di un esponente politico palermitano di cui, evidentemente per rispetto di “casta” non fa il nome.

Ecco uno stralcio esemplificativo di come il sen. Nania ha affrontato la questione in Parlamento:

“Le sollecitazioni dell'esponente politico palermitano e dei suoi "suggeritori locali" per sciogliere il Consiglio comunale della Città di Barcellona PG si basano tutte su presupposti politici e sul citato teorema come si evince dal commento di Antonio Mazzeo, dove si affermava: "Scoraggiante l'impasse che ha caratterizzato sino ad oggi la Prefettura di Messina, nonostante le denunce stampa e la circostanziata ricostruzione" (circostanziata, ovviamente, perché scritta dallo stesso Antonio Mazzeo) "sull'anomalo iter progettuale del Parco Commerciale di Barcellona abbiano fornito sufficienti elementi per istituire una commissione d'indagine ed accertare l'esistenza di eventuali condizionamenti esterni sulla vita amministrativa locale".

Insomma il nome di Lumia, che invece il senatore fece qualche mese fa durante una conferenza stampa seguita a quella dell’associazione Rita Atria, parlando di “teorema LAM (Lumia, Atria, Mazzeo)”, non compare nella lunga interrogazione, che resta, per l'appunto, inquietante.

Il senatore Nania, infatti,  espone ad altissimo rischio di ritorsione coloro i quali con il loro impegno antimafia svelano intrecci e legami. Con dei toni che nulla avrebbero a che vedere con un normale,  pur se evidentemente spiacevole per il senatore,  controllo per verificare se, alla luce della procedura adottata per la localizzazione di un piano commerciale, l' azione del Comune sia stata e sia condizionata dalla criminalità organizzata.

L’attacco personalizzato di un Vicepresidente del Senato ad un giornalista, non può che essere considerato intimidatorio, visti i toni e le circostanze che lo hanno determinato: per il senatore infatti, resta incomprensibile come mai, in una democrazia, la denuncia giornalistica abbia la stessa dignità di una “riservata” della Prefettura, della Questura o dei Carabinieri.

Eppure è questo il compito dei giornalisti: far conoscere ai lettori quelle zone d’ombra, altrimenti “riservate”. 

 

"Rita Atria" - Primo Piano

Bari: il Melograno della legalità rubato...
ripiantato in meno di 48 ore

Alla nostra Associazione il premio Parmaliana

In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce



PER INFORMAZIONI SCRIVERE AGLI INDIRIZZI:
assculturaleimmaginarte@gmail.com - info@stefaniamule.it 
slatella@ritaatria.it - nfurnari@ritaatria.it

DIRETTO e INTERPRETATO

DA STEFANIA MULÈ

“In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce”, il cui format è firmato dall’Associazione Culturale immaginARTE, è uno spettacolo che con il quale si vogliono ricordare queste due giovani donne, facendo “Memoria Attiva” delle loro Idee e delle loro lotte, attraverso le poesie ed i pensieri di Stefania Noce, volata per mano assassina su una Stella, le vicissitudini di Rita Atria ed il significato simbolico delle loro rose rosse, la Musica che ascoltavano…. “In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce” narra di queste due giovani donne, attraverso un Viaggio tra le Idee, i Sogni, le Speranze, che raccontano, innanzitutto, le loro Vite.

In questo modo, ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno, specchio della propria coerenza.

http://www.stefaniamule.it/ac-immaginarte/blog/in-viaggio-con-rita-atria-e-stefania-noce/

... in primo piano

Intervento di Nadia Furnari al Parlamento Europeo nell'ambito dell'iniziativa organizzata da EFDD

Tutti gli interventi all'indirizzo: https://www.youtube.com/watch?t=8105&v=GzrezGJauWU

Verità e Giustizia per Sandro Marcucci ...

"Finche’ il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci
 

"Con le nostre storie e con il nostro impegno... dobbiamo avvicinarci agli altri..."


La bellezza contro la mafia

 
                                   
   

Facebook

Radiazione Ciancarella - Firma falsa Pertini

Radiazione Ciancarella firma falsa

Rita Atria

Rita Atria

Sandro Marcucci

Aspetta Giustizia dal 2 febbraio 1992


Rita Atria a Teatro...

Una collaborazione con A.C. immaginARTE di Stefania Mulè

Stefania Mulè - Teatro Rita Atria Stefania Noce

"E' una delle più belle manifestazioni di ricordo e di lotta e di richiesta di verità e giustizia a cui io abbia mai partecipato. Siete stati veramente bravi ma non solo bravi.Ci vuole anima ci vuole cuore, ci vuole passione per fare quello che avete fatto"

Franca Imbergamo (Distrettuale Nazionale Antimafia - Roma)

...

Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
BANCA NUOVA FILIALE MILAZZO

IBAN: IT23J0513282291870570232673

Per Pagamento con PayPal

YouTube

Rita Atria YouTube Channel

Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 1/2


Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 2/2

Informazione di Frontiera

Casablanca


20 Anni: 1994 - 2014

Il Ventennale a Milazzo ...
prossima tappa in autunno a Bari


 


 

Memoria Attiva (WITKO)
pensato e scritto per i 20 anni
dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

Noi non siamo l'individuo medio metropolitano 
Giustizieri parolieri 
Da un comodo divano 
Noi pensiamo che giustizia 
Sia una parola amica 
Che contiene in se il rispetto e il suono alto della vita 
il suono alto della vita
Siamo nati da vent'anni e portiamo un nome buono 
Una lacrima di rabbia 
E speranza dentro al cuore 
speranza fa rumore 

E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura

Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
E' mio

 I nostri passi fuori dai cancelli americani 
Sono un no deciso e secco 
Come i calli delle mani 
A macchine di morte a segreti senza fine 
Alle prese per il culo di cent'anni di regime 
Il pesce puzza sempre dalla testa e quell’odore 
Anche se cambi l'aria 
La puzza non si muove 
Se il pesce resta al sole


E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura
Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
è anche mio
 

Grazie a questa gente
Che condivide il senso
Che esiste un mondo nuovo
A volerlo fino in fondo
Puoi cercarci nelle piazze
Al di fuori dei palazzi
Dove mischiano le carte
E la chiamano la legge
Puoi cercarci nei quartieri
Dove brucia la speranza
Dove è scritto no alle mafie
Dove è scritto
Resistenza 
Dove è scritto
Resistenza 


Io non ho paura
Di aver paura
Io non ho paura 
Di aver paura

Io non ho paura