COME AIUTARCI...

Siamo una associazione completamente autofinanziata, grazie a chi vorrà aiutarci.
 5 x 1000 Associazione Antimafie Rita Atria

Aiuta le attività totalmente autofinanziate

dell'Associazione Antimafie Rita Atria

Dona il tuo 5 x 1000

Codice Fiscale: 92020250830


 Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
Intesa Sanpaolo filiale di Milazzo

IBAN: IT57C0306982292100000002659

Per Pagamento con PayPal

Segnalate le donazioni anche via email a: info@ritaatria.it con oggetto: Donazione

AVVISO

Stiamo lavorando al nuovo sito... migrare anni di storia non è facile... ci scusiamo per la poca responsività.

...

"Finché il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci

News

La mappa mafiosa della fascia tirrenica del messinese nella Relazione annuale della Dna

mar 28

Scritto da:
28/03/2016 18:39  RSS

di Carmelo Catania - referente per la provincia di Messina - «Può ritenersi dimostrato che la mafia “barcellonese” presenta una strutturazione e metodi operativi del tutto omologhi a quella di Cosa nostra palermitana.»

Era stato già il procuratore capo di Messina, Guido Lo Forte, ad evidenziarlo nella conferenza stampa dell’operazione Gotha 6, il concetto viene ribadito ulteriormente dalla relazione annuale della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo a cura, per il distretto di Messina, della dottoressa Eugenia Pontassuglia.

Il territorio della “fascia tirrenica”, da Mistretta a Barcellona Pozzo di Gotto, si legge nella relazione, si caratterizza per il “controllo virtualmente totalizzante dell’economia”, ad opera delle famiglie mafiose di Tortorici, Mistretta e Barcellona.
Un controllo “pieno ed incondizionato” soprattutto nel settore degli appalti pubblici che, per anni, ha costituito il principale obiettivo della mafia “barcellonese” come è stato sancito da numerose sentenze della magistratura.
Il procedimento “Gotha”, in particolare, ha dimostrato l’interesse della famiglia barcellonese per tutte le opere pubbliche realizzate in provincia, a partire dagli anni novanta, come il raddoppio della linea ferroviaria Messina-Palermo, il completamento dell’autostrada Messina-Palermo, i lavori di realizzazione del metanodotto, la realizzazione di alcuni parchi eolici e la ristrutturazione di alcuni centri storici.
Organizzazione mafiosa molto spesso supportata in questo suo illecito business da diversi imprenditori messinesi, sia con un’attività di riciclaggio di capitali provenienti da gruppi mafiosi sia con l’aggiudicazione, attraverso il metodo mafioso, di importanti appalti e commesse pubbliche. Le indagini nei confronti di questi “colletti sporchi” hanno attestato che le “imprese mafiose” del messinese operano principalmente nei settori degli appalti pubblici, dell’edilizia, dello smaltimento dei rifiuti e della gestione delle attività commerciali.
Oltre che ad infiltrarsi negli appalti pubblici, la criminalità organizzata interviene sulla realtà economico-sociale attraverso i “tradizionali” sistemi delle estorsioni, dell’usura e del traffico di stupefacenti.
Come evidenziato dalle indagini non c’è tipologia di attività economiche, anche minori, immune dal del racket.
L’odiosa pratica del “pizzo” è funzionale infatti all’organizzazione mafiosa, non solo per sostenere economicamente gli affiliati e i familiari dei carcerati ma, soprattutto, ad un controllo capillare del territorio senza la necessità di dover ricorrere a dimostrazioni violente.
Secondo un documentato studio della Fondazione Chinnici, segnalato dal dottor Lo Forte, il costo economico-sociale del racket costa alla Sicilia 1,3 punti percentuali del PIL e le tangenti richieste nella provincia di Messina, superando la soglia media dei 400 euro corrisposta dai commercianti al dettaglio di Catania, Siracusa e Palermo, sono le più elevate della regione.
Il racket tuttavia non si esaurisce nel “costo aggiuntivo” per gli imprenditori e i commercianti, trasferito di riflesso anche sui consumatori.
La percezione dell’insicurezza caratterizza il sistema economico disincentivando la creazione di nuove imprese e scoraggiando quanti operano già nel settore dall’espandere la propria attività commerciale. L’imprenditore sceglie di non espandere la propria attività pur avendone i margini e le potenzialità, per non attrarre l’interesse dell’organizzazione criminale, creando così un ostacolo allo sviluppo e favorendo il declino dell’economia messinese.
La relazione della dottoressa Pontassuglia – sulla base dei dati emergenti dalle indagini e dalle decisioni giudiziarie – evidenzia inoltre un’area grigia della società costituita da elementi o gruppi che, pur non facendo parte integrante delle organizzazioni mafiose, hanno stabilito con esse contatti, collaborazioni, forme di contiguità più o meno strette.
Naturalmente l’esistenza di questa “zona grigia” non è la causa ma l’effetto di uno sviluppo economico inquinato e inquinante: inquinato dalla criminalità organizzata e a sua volta inquinante di componenti della società di per sé estranee alla criminalità organizzata.
Anche nella provincia di Messina, come in altre zone del Mezzogiorno, la illegalità “mafiosa” si combina quasi sistematicamente con almeno altre due forme di illegalità: lo scambio occulto, connesso ai reati di corruzione e concussione, e la c.d. “legalità debole”, vale a dire l’inefficacia o la distorsione di norme rilevanti per l’attività economica, diverse da quelle di diritto penale (regole stabilite in materia ambientale, previdenziale, lavoristica, commerciale, fiscale, urbanistica, e così via).
Alcune indagini hanno rivelato come, in alcuni casi, l’organizzazione abbia potuto contare sull’appoggio concreto del soggetto di vertice di un’amministrazione comunale1.
L’attività investigativa, insieme al determinante contributo fornito da collaboratori di giustizia, ha confermato un dato ricorrente, l’esistenza di un settore particolarmente sensibile alle infiltrazioni della criminalità organizzata: quello degli uffici tecnici di quei Comuni – nel cui territorio insiste il “pervasivo controllo del sodalizio criminoso” – retti da pubblici impiegati infedeli.
Le indagini svolte nell’ambito del procedimento Gotha 3, ad esempio, hanno evidenziato che il geometra Roberto Ravidà, impiegato presso l’Ufficio Tecnico del comune di Mazzarà Sant’Andrea, era soggetto “a disposizione” dei barcellonesi.
Ravidà, in virtù dell’ufficio pubblico ricoperto, oltre ad “orientare” l’aggiudicazione di appalti per opere pubbliche da realizzarsi in quel comune in favore di imprese riconducibili al boss barcellonese Sem Di Salvo e, comunque, all’organizzazione barcellonese, era solito segnalare a quest’ultima imprese da taglieggiare, ricevendo, quale contropartita, somme di danaro e benefici di vario genere.
Del pari significative appaiono le risultanze di altra indagine volta far luce su eventuali condizionamenti della criminalità organizzata “barcellonese”, attraverso il gruppo dei mazzarroti

, su esponenti della pubblica amministrazione, in merito alla gestione dei lavori per la realizzazione dell’impianto eolico denominato “Alcantara-Peloritani” nei comuni di Fondachelli Fantina, Antillo e Francavilla di Sicilia, che lasciavano emergere un complesso intreccio politico-mafioso nella gestione dei suddetti lavori consentendo di identificare, tra i protagonisti principali della vicenda, oltre ad alcuni imprenditori ritenuti contigui al gruppo criminale dei “barcellonesi” (tra i quali Michele Rotella e Santino Bonanno2), anche l’allora sindaco del comune di Fondachelli Fantina, Francesco Pettinato, il cugino, Giuseppe Pettinato, titolare di una società che aveva ottenuto parte dei lavori, e un tecnico comunale, Giuseppe Catalano, che lo aveva favorito.

Nella città di Messina l’intenso lavoro che la Procura sta portando avanti, attraverso la complessiva ricostruzione degli assetti delle varie organizzazioni criminali operanti in città e delle zone di rispettiva competenza, ha fatto emergere, nell’ambito di procedimenti ancora coperti dal segreto istruttorio, chiari legami esistenti tra la mafia locale ed esponenti pubblici, anche con riferimento alla compravendita dei voti.
Pur confermando la presenza di un’area grigia della società messinese costituita da elementi o gruppi che – pur non essendo parte integrante delle organizzazioni mafiose – stabiliscono con esse contatti, collaborazioni, forme di contiguità più o meno strette, in vari segmenti delle istituzioni, la relazione evidenzia che, sebbene in talune indagini, si siano rilevati contatti impropri, caratterizzati da scambio di favori, tra imprenditori in “odore di mafia” e appartenenti ad amministrazioni pubbliche, l’assenza di un apporto dichiarativo di collaboratori, unitamente, alla difficoltà di individuare le singole controprestazioni poste dal funzionario infedele a disposizione dell’imprenditore colluso (e, tramite costui, a un gruppo mafioso di riferimento, compiutamente individuabile), non ha consentito di acquisire elementi di prova idonei ad inquadrare tali condotte entro lo schema del concorso esterno in associazione mafiosa.


1 L’ex sindaco del Comune di Furnari, Salvatore Lopes, è attualmente imputato innanzi al Tribunale di Barcellona P.ozzo di Gotto, per il delitto di concorso esterno in associazione mafiosa, nel processo c.d. Torrente.

Quest’ultimo, di recente, condannato in primo grado dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto a 7 anni di reclusione, per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa.

"Rita Atria" - Primo Piano

Bari: il Melograno della legalità rubato...
ripiantato in meno di 48 ore

Alla nostra Associazione il premio Parmaliana

In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce



PER INFORMAZIONI SCRIVERE AGLI INDIRIZZI:
assculturaleimmaginarte@gmail.com - info@stefaniamule.it 
slatella@ritaatria.it - nfurnari@ritaatria.it

DIRETTO e INTERPRETATO

DA STEFANIA MULÈ

“In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce”, il cui format è firmato dall’Associazione Culturale immaginARTE, è uno spettacolo che con il quale si vogliono ricordare queste due giovani donne, facendo “Memoria Attiva” delle loro Idee e delle loro lotte, attraverso le poesie ed i pensieri di Stefania Noce, volata per mano assassina su una Stella, le vicissitudini di Rita Atria ed il significato simbolico delle loro rose rosse, la Musica che ascoltavano…. “In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce” narra di queste due giovani donne, attraverso un Viaggio tra le Idee, i Sogni, le Speranze, che raccontano, innanzitutto, le loro Vite.

In questo modo, ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno, specchio della propria coerenza.

http://www.stefaniamule.it/ac-immaginarte/blog/in-viaggio-con-rita-atria-e-stefania-noce/

... in primo piano

Intervento di Nadia Furnari al Parlamento Europeo nell'ambito dell'iniziativa organizzata da EFDD

Tutti gli interventi all'indirizzo: https://www.youtube.com/watch?t=8105&v=GzrezGJauWU

Verità e Giustizia per Sandro Marcucci ...

"Finche’ il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci
 

"Con le nostre storie e con il nostro impegno... dobbiamo avvicinarci agli altri..."


La bellezza contro la mafia

 
                                   
   

Facebook

Radiazione Ciancarella - Firma falsa Pertini

Radiazione Ciancarella firma falsa

Rita Atria

Rita Atria

Sandro Marcucci

Aspetta Giustizia dal 2 febbraio 1992


Rita Atria a Teatro...

Una collaborazione con A.C. immaginARTE di Stefania Mulè

Stefania Mulè - Teatro Rita Atria Stefania Noce

"E' una delle più belle manifestazioni di ricordo e di lotta e di richiesta di verità e giustizia a cui io abbia mai partecipato. Siete stati veramente bravi ma non solo bravi.Ci vuole anima ci vuole cuore, ci vuole passione per fare quello che avete fatto"

Franca Imbergamo (Distrettuale Nazionale Antimafia - Roma)

...

Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
BANCA NUOVA FILIALE MILAZZO

IBAN: IT23J0513282291870570232673

Per Pagamento con PayPal

YouTube

Rita Atria YouTube Channel

Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 1/2


Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 2/2

Informazione di Frontiera

Casablanca


20 Anni: 1994 - 2014

Il Ventennale a Milazzo ...
prossima tappa in autunno a Bari


 


 

Memoria Attiva (WITKO)
pensato e scritto per i 20 anni
dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

Noi non siamo l'individuo medio metropolitano 
Giustizieri parolieri 
Da un comodo divano 
Noi pensiamo che giustizia 
Sia una parola amica 
Che contiene in se il rispetto e il suono alto della vita 
il suono alto della vita
Siamo nati da vent'anni e portiamo un nome buono 
Una lacrima di rabbia 
E speranza dentro al cuore 
speranza fa rumore 

E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura

Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
E' mio

 I nostri passi fuori dai cancelli americani 
Sono un no deciso e secco 
Come i calli delle mani 
A macchine di morte a segreti senza fine 
Alle prese per il culo di cent'anni di regime 
Il pesce puzza sempre dalla testa e quell’odore 
Anche se cambi l'aria 
La puzza non si muove 
Se il pesce resta al sole


E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura
Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
è anche mio
 

Grazie a questa gente
Che condivide il senso
Che esiste un mondo nuovo
A volerlo fino in fondo
Puoi cercarci nelle piazze
Al di fuori dei palazzi
Dove mischiano le carte
E la chiamano la legge
Puoi cercarci nei quartieri
Dove brucia la speranza
Dove è scritto no alle mafie
Dove è scritto
Resistenza 
Dove è scritto
Resistenza 


Io non ho paura
Di aver paura
Io non ho paura 
Di aver paura

Io non ho paura