COME AIUTARCI...

Siamo una associazione completamente autofinanziata, grazie a chi vorrà aiutarci.
 5 x 1000 Associazione Antimafie Rita Atria

Aiuta le attività totalmente autofinanziate

dell'Associazione Antimafie Rita Atria

Dona il tuo 5 x 1000

Codice Fiscale: 92020250830


 Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
Intesa Sanpaolo filiale di Milazzo

IBAN: IT57C0306982292100000002659

Per Pagamento con PayPal

Segnalate le donazioni anche via email a: info@ritaatria.it con oggetto: Donazione

AVVISO

Stiamo lavorando al nuovo sito... migrare anni di storia non è facile... ci scusiamo per la poca responsività.

...

"Finché il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci

News

Rifiuti in Sicilia: chiesta l’ennesima emergenza

mar 24

Scritto da:
24/03/2016 18:59  RSS

di Carmelo Catania (referente per Messina Associazione Antimafie Rita Atria) Ci avevano già provato a dicembre 2014 Rosario Crocetta e Vania Contraffatto a chiedere al governo nazionale l’ennesima dichiarazione dello stato di emergenza per la gestione dei rifiuti isolani, la prima risale al lontano 1999, il resto è storia, tragica, ben raccontata in centinaia di pagine di verbali delle commissioni parlamentari d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti.

Allora si erano sentiti rispondere un bel no, con la motivazione che la Sicilia sono anni che gestisce in regime di emergenza i rifiuti con risultati che definire fallimentari è pure poco.
Si è così andati avanti a colpi di ordinanze contingibili e urgenti, quelle previste dal famigerato articolo 191 del cosiddetto Codice dell’ambiente, per aumentare la capacità di conferimento delle discariche, persino di quelle che la stessa Regione aveva dichiarato abusive e al di fuori di ogni regola, ordinandone chiusura e bonifica, chiedere per conferma ai cittadini di Motta Sant’Anastasia e Misterbianco.
Ma i diciotto mesi previsti dalla legge come limite alle gestioni straordinarie, di ordinanza in ordinanza, non solo sono stati abbondantemente superati, adesso non bastano neanche più: a fronte di una produzione quotidiana di 6200 tonnellate, la capacità di conferimento delle discariche siciliane è di 4500 tonnellate giornaliere. 
I flussi più rilevanti sono rappresentati dalle 1000 tonnellate al giorno di Bellolampo e le 1800 della Sicula trasporti. I due impianti, uno pubblico e l’altro privato, che smaltiscono da soli il 60% circa dei rifiuti prodotti nell’Isola, causa alcuni dubbi interpretativi circa la reitera del regime delle ordinanze, potrebbero vedere limitata o ridotta la capacità di riferimento.
Seguono poi le 800 all’impianto dell’imprenditore Catanzaro e le 450 alla Trapani servizi.
Di fronte a questa realtà, e prendendo atto che prima di almeno un altro anno non saranno completati gli impianti di trattamento meccanico biologico e le piattaforme di Enna e Caltanissetta, il presidente e la sua assessora hanno scritto al presidente del Consiglio, al ministero dell’ambiente e al dipartimento della protezione Civile chiedendo di proclamare lo stato di emergenza rifiuti nel territorio siciliano «al fine di scongiurare la ulteriore compromissione dello stato ambientale e sanitario».
Infatti, come si legge nella nota: «L’utilizzo dello strumento dell’ordinanza urgente, per ovviare alla carenza impiantistica, se da un lato ha consentito di rimanere “autosufficienti” ed evitare situazioni di pericolo per la salute pubblica, dall’altro ha portato alla saturazione degli impianti di smaltimento (leggasi discariche, ndr) esistenti sul territorio regionale».
«La presenza insufficiente di impianti – si legge ancora –nel territorio regionale peraltro si ripercuote sulla raccolta differenziata che, in Sicilia, nonostante gli interventi regionali, presenta ancora delle percentuali talmente basse che, oltre  a rappresentare quasi certamente un problema di carattere economico-finanziario, poiché potrebbe costituire presupposto per l’eventuale apertura di specifiche procedure d’infrazione da parte dell’Unione europea.
Cosa risponderà il governo? Se dichiarasse l’emergenza, verrebbe nominato un commissario, dotato di ampi poteri connessi all’emergenzialità.
In passato, si deve rilevare, che lo stato di emergenza ha contribuito a determinare le condizioni per l'intervento delle organizzazioni mafiose, nella misura in cui lo stato di crisi ha fatto saltare i normali processi di regolamentazione e controllo. Cosicché l'emergenza e la crisi sono sempre state le benvenute, in qualsiasi settore di intervento, per la criminalità organizzata, perché esse sono sintomo di disorganizzazione, di mancanza di regole, di provvedimenti straordinari da adottare, tutte condizioni in cui chi esercita il controllo del territorio e dispone di immense liquidità economiche e finanziarie, riesce a inserirsi facilmente.
L'ipotesi dell’ennesimo commissariamento della gestione dei rifiuti siciliani, e la previsione della costruzione dei termovalorizzatori (leggasi inceneritori, ndr), due o sei che saranno, decisa dal governo nazionale con il famigerato articolo 35 dello Sblocca Italia rappresenterebbero una bella opportunità di business, anche per le mafie.

"Rita Atria" - Primo Piano

Bari: il Melograno della legalità rubato...
ripiantato in meno di 48 ore

Alla nostra Associazione il premio Parmaliana

In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce



PER INFORMAZIONI SCRIVERE AGLI INDIRIZZI:
assculturaleimmaginarte@gmail.com - info@stefaniamule.it 
slatella@ritaatria.it - nfurnari@ritaatria.it

DIRETTO e INTERPRETATO

DA STEFANIA MULÈ

“In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce”, il cui format è firmato dall’Associazione Culturale immaginARTE, è uno spettacolo che con il quale si vogliono ricordare queste due giovani donne, facendo “Memoria Attiva” delle loro Idee e delle loro lotte, attraverso le poesie ed i pensieri di Stefania Noce, volata per mano assassina su una Stella, le vicissitudini di Rita Atria ed il significato simbolico delle loro rose rosse, la Musica che ascoltavano…. “In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce” narra di queste due giovani donne, attraverso un Viaggio tra le Idee, i Sogni, le Speranze, che raccontano, innanzitutto, le loro Vite.

In questo modo, ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno, specchio della propria coerenza.

http://www.stefaniamule.it/ac-immaginarte/blog/in-viaggio-con-rita-atria-e-stefania-noce/

... in primo piano

Intervento di Nadia Furnari al Parlamento Europeo nell'ambito dell'iniziativa organizzata da EFDD

Tutti gli interventi all'indirizzo: https://www.youtube.com/watch?t=8105&v=GzrezGJauWU

Verità e Giustizia per Sandro Marcucci ...

"Finche’ il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci
 

"Con le nostre storie e con il nostro impegno... dobbiamo avvicinarci agli altri..."


La bellezza contro la mafia

 
                                   
   

Facebook

Radiazione Ciancarella - Firma falsa Pertini

Radiazione Ciancarella firma falsa

Rita Atria

Rita Atria

Sandro Marcucci

Aspetta Giustizia dal 2 febbraio 1992


Rita Atria a Teatro...

Una collaborazione con A.C. immaginARTE di Stefania Mulè

Stefania Mulè - Teatro Rita Atria Stefania Noce

"E' una delle più belle manifestazioni di ricordo e di lotta e di richiesta di verità e giustizia a cui io abbia mai partecipato. Siete stati veramente bravi ma non solo bravi.Ci vuole anima ci vuole cuore, ci vuole passione per fare quello che avete fatto"

Franca Imbergamo (Distrettuale Nazionale Antimafia - Roma)

...

Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
BANCA NUOVA FILIALE MILAZZO

IBAN: IT23J0513282291870570232673

Per Pagamento con PayPal

YouTube

Rita Atria YouTube Channel

Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 1/2


Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 2/2

Informazione di Frontiera

Casablanca


20 Anni: 1994 - 2014

Il Ventennale a Milazzo ...
prossima tappa in autunno a Bari


 


 

Memoria Attiva (WITKO)
pensato e scritto per i 20 anni
dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

Noi non siamo l'individuo medio metropolitano 
Giustizieri parolieri 
Da un comodo divano 
Noi pensiamo che giustizia 
Sia una parola amica 
Che contiene in se il rispetto e il suono alto della vita 
il suono alto della vita
Siamo nati da vent'anni e portiamo un nome buono 
Una lacrima di rabbia 
E speranza dentro al cuore 
speranza fa rumore 

E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura

Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
E' mio

 I nostri passi fuori dai cancelli americani 
Sono un no deciso e secco 
Come i calli delle mani 
A macchine di morte a segreti senza fine 
Alle prese per il culo di cent'anni di regime 
Il pesce puzza sempre dalla testa e quell’odore 
Anche se cambi l'aria 
La puzza non si muove 
Se il pesce resta al sole


E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura
Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
è anche mio
 

Grazie a questa gente
Che condivide il senso
Che esiste un mondo nuovo
A volerlo fino in fondo
Puoi cercarci nelle piazze
Al di fuori dei palazzi
Dove mischiano le carte
E la chiamano la legge
Puoi cercarci nei quartieri
Dove brucia la speranza
Dove è scritto no alle mafie
Dove è scritto
Resistenza 
Dove è scritto
Resistenza 


Io non ho paura
Di aver paura
Io non ho paura 
Di aver paura

Io non ho paura