COME AIUTARCI...

Siamo una associazione completamente autofinanziata, grazie a chi vorrà aiutarci.
 5 x 1000 Associazione Antimafie Rita Atria

Aiuta le attività totalmente autofinanziate

dell'Associazione Antimafie Rita Atria

Dona il tuo 5 x 1000

Codice Fiscale: 92020250830


 Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
Intesa Sanpaolo filiale di Milazzo

IBAN: IT57C0306982292100000002659

Per Pagamento con PayPal

Segnalate le donazioni anche via email a: info@ritaatria.it con oggetto: Donazione

AVVISO

Stiamo lavorando al nuovo sito... migrare anni di storia non è facile... ci scusiamo per la poca responsività.

...

"Finché il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci

News

Mazzette e discariche, riprende a Palermo il processo Terra mia

mar 23

Scritto da:
23/03/2015 23:55  RSS

di Carmelo Catania (referente presidio Messina)

Il processo, scaturito dall’inchiesta Terra mia – condotta dalla procura di Palermo e dalla Dia di Agrigento – dello scorso luglio che vede coinvolti con l’accusa di corruzione il funzionario dell'ufficio dell'assessorato regionale al Territorio e ambiente addetto al rilascio e il rinnovo delle Aia (Autorizzazione integrata ambientale) per gli impianti di smaltimento dei rifiuti, Gianfranco Cannova e gli imprenditori della munnizza Antonioli (Tirrenoambiente), Proto (Oikos) e i fratelli Sodano (Soambiente), è ripartito oggi davanti la terza sezione del tribunale palermitano, senza la costituzione di parte civile della Regione siciliana che, nonostante la gravità delle accuse, è stata consigliata dall'avvocatura dello Stato di non costituirsi parte civile. Le mazzette «non sono un fattore di particolare allarme sociale» è il parere espresso dall’avvocatura.

L'inchiesta, partita nel 2011, attraverso un complesso sistema di intercettazioni ha delineato il ruolo centrale del funzionario Cannova, accusato non solo di fare da mediatore nei rapporti tra la macchina regionale e gli imprenditori legati al settore dei rifiuti, ma anche di avvisare i responsabili degli impianti in occasione dei controlli delle autorità e di consigliare le procedure da seguire o ricorsi da presentare in cambio di denaro, viaggi, soggiorni in alberghi di lusso, impianti stereo e un'automobile, un'Audi, acquistata da una concessionaria della provincia di Novara che sarebbe stato uno dei “regali” ricevuti da Cannova da parte di Giuseppe Antonioli, ex ad (e attuale direttore generale) di Tirrenoambiente, società proprietaria della discarica di Mazzarrà sant’Andrea nel messinese. L'imprenditore è anche amministratore delegato della novarese Osmon spa, società titolare di un impianto per la produzione di biogas all'interno della stessa discarica. La struttura è oggi chiusa dalla magistratura e sull'iter seguito da Cannova pendono due sentenze del Tar che hanno annullato le due Aia rilasciate dall'ex funzionario. Anche in questo caso non sarebbe mancato il passaggio di denaro contante e le promesse: l'ex dipendente regionale avrebbe avanzato l'ipotesi di una partecipazione della Tirrenoambiente ad altre gare per impianti nel resto della regione.

Molto più stretto sembrerebbe invece il legame tra Cannova e Domenico Proto, presidente della catanese Oikos. Secondo la ricostruzione dell'accusa, l'ex funzionario – in cambio di denaro, prostitute, vacanze e una tv da 16mila euro – avrebbe permesso l'ampliamento della discarica di contrada Valanghe d'inverno, vicina a quella ormai satura di contrada Tiritì. In alcune occasioni, Gianfranco Cannova avrebbe anche consigliato a Proto come agire, sia in occasione dei controlli dell'Arpa che nella gestione dei cosiddetti fermo impianto. Situazioni nelle quali la procedura prevederebbe l'allerta delle autorità competenti e il blocco dello stoccaggio dei rifiuti, ma che non sarebbe stata messa in atto producendo – secondo quanto appurato nel corso delle indagini – oltre 700mila euro di utili. Il dipendente regionale avrebbe pure consigliato alla OIkos di aumentare i costi del conferimento in discarica, suggerendo di addurre come causa il costo maggiore del carburante ostacolando anche la potenziale concorrenza, come quella creata da un nuovo impianto nel territorio di Ramacca. Un iter che sarebbe stato stoppato proprio da Cannova con un provvedimento Aia negativo.

Mentre i fratelli Nicolò e Calogero Sudano, rappresentanti della Sicedil srl e della Soambiente srl, società con interessi nell'ambito dello smaltimento dei rifiuti nell'agrigentino, avrebbero chiesto l'intercessione del funzionario per le autorizzazioni degli impianti di Pachino e Noto (in provincia di Siracusa) e di Sciacca e Siculiana, ad Agrigento. Su Pachino sarebbero state numerose le pressioni – anche dell'ex governatore Raffaele Lombardo – per impedire la creazione di un nuovo impianto, facendo registrate i malumori dei due imprenditori. Nonostante tutto, i fratelli avrebbero pagato mazzette per almeno centomila euro e un cesto con prodotti natalizi, oltre alla promessa di una villetta nei dintorni della Scala dei Turchi.

La gravità del quadro a carico degli imputati, soprattutto nei confronti di Cannova, ha spinto il tribunale a non accettare la richiesta di patteggiamento proposta dai legali di quest’ultimo a quattro anni di carcere. Il processo potrebbe concludersi – nelle intenzioni degli inquirenti– probabilmente entro l'anno.

"Rita Atria" - Primo Piano

Bari: il Melograno della legalità rubato...
ripiantato in meno di 48 ore

Alla nostra Associazione il premio Parmaliana

In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce



PER INFORMAZIONI SCRIVERE AGLI INDIRIZZI:
assculturaleimmaginarte@gmail.com - info@stefaniamule.it 
slatella@ritaatria.it - nfurnari@ritaatria.it

DIRETTO e INTERPRETATO

DA STEFANIA MULÈ

“In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce”, il cui format è firmato dall’Associazione Culturale immaginARTE, è uno spettacolo che con il quale si vogliono ricordare queste due giovani donne, facendo “Memoria Attiva” delle loro Idee e delle loro lotte, attraverso le poesie ed i pensieri di Stefania Noce, volata per mano assassina su una Stella, le vicissitudini di Rita Atria ed il significato simbolico delle loro rose rosse, la Musica che ascoltavano…. “In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce” narra di queste due giovani donne, attraverso un Viaggio tra le Idee, i Sogni, le Speranze, che raccontano, innanzitutto, le loro Vite.

In questo modo, ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno, specchio della propria coerenza.

http://www.stefaniamule.it/ac-immaginarte/blog/in-viaggio-con-rita-atria-e-stefania-noce/

... in primo piano

Intervento di Nadia Furnari al Parlamento Europeo nell'ambito dell'iniziativa organizzata da EFDD

Tutti gli interventi all'indirizzo: https://www.youtube.com/watch?t=8105&v=GzrezGJauWU

Verità e Giustizia per Sandro Marcucci ...

"Finche’ il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci
 

"Con le nostre storie e con il nostro impegno... dobbiamo avvicinarci agli altri..."


La bellezza contro la mafia

 
                                   
   

Facebook

Radiazione Ciancarella - Firma falsa Pertini

Radiazione Ciancarella firma falsa

Rita Atria

Rita Atria

Sandro Marcucci

Aspetta Giustizia dal 2 febbraio 1992


Rita Atria a Teatro...

Una collaborazione con A.C. immaginARTE di Stefania Mulè

Stefania Mulè - Teatro Rita Atria Stefania Noce

"E' una delle più belle manifestazioni di ricordo e di lotta e di richiesta di verità e giustizia a cui io abbia mai partecipato. Siete stati veramente bravi ma non solo bravi.Ci vuole anima ci vuole cuore, ci vuole passione per fare quello che avete fatto"

Franca Imbergamo (Distrettuale Nazionale Antimafia - Roma)

...

Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
BANCA NUOVA FILIALE MILAZZO

IBAN: IT23J0513282291870570232673

Per Pagamento con PayPal

YouTube

Rita Atria YouTube Channel

Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 1/2


Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 2/2

Informazione di Frontiera

Casablanca


20 Anni: 1994 - 2014

Il Ventennale a Milazzo ...
prossima tappa in autunno a Bari


 


 

Memoria Attiva (WITKO)
pensato e scritto per i 20 anni
dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

Noi non siamo l'individuo medio metropolitano 
Giustizieri parolieri 
Da un comodo divano 
Noi pensiamo che giustizia 
Sia una parola amica 
Che contiene in se il rispetto e il suono alto della vita 
il suono alto della vita
Siamo nati da vent'anni e portiamo un nome buono 
Una lacrima di rabbia 
E speranza dentro al cuore 
speranza fa rumore 

E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura

Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
E' mio

 I nostri passi fuori dai cancelli americani 
Sono un no deciso e secco 
Come i calli delle mani 
A macchine di morte a segreti senza fine 
Alle prese per il culo di cent'anni di regime 
Il pesce puzza sempre dalla testa e quell’odore 
Anche se cambi l'aria 
La puzza non si muove 
Se il pesce resta al sole


E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura
Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
è anche mio
 

Grazie a questa gente
Che condivide il senso
Che esiste un mondo nuovo
A volerlo fino in fondo
Puoi cercarci nelle piazze
Al di fuori dei palazzi
Dove mischiano le carte
E la chiamano la legge
Puoi cercarci nei quartieri
Dove brucia la speranza
Dove è scritto no alle mafie
Dove è scritto
Resistenza 
Dove è scritto
Resistenza 


Io non ho paura
Di aver paura
Io non ho paura 
Di aver paura

Io non ho paura