COME AIUTARCI...

Siamo una associazione completamente autofinanziata, grazie a chi vorrà aiutarci.
 5 x 1000 Associazione Antimafie Rita Atria

Aiuta le attività totalmente autofinanziate

dell'Associazione Antimafie Rita Atria

Dona il tuo 5 x 1000

Codice Fiscale: 92020250830


 Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
Intesa Sanpaolo filiale di Milazzo

IBAN: IT57C0306982292100000002659

Per Pagamento con PayPal

Segnalate le donazioni anche via email a: info@ritaatria.it con oggetto: Donazione

AVVISO

Stiamo lavorando al nuovo sito... migrare anni di storia non è facile... ci scusiamo per la poca responsività.

...

"Finché il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci

News

Le Siciliane n. 58

mag 8

Scritto da:
08/05/2019 13:31  RSS

http://www.lesiciliane.org/le-siciliane-casablanca-n-58

https://issuu.com/casablanca_sicilia/docs/cb58

Le Siciliane - Casablanca n. 58
EDITORIALE - di Graziella Proto

SOLITUDINI, AFFANNI, LOTTE

Certamente lo si percepisce in ogni minuto della giornata, in ogni aspetto della quotidianità. Lo conferma un recente studio: il clima nelle nostre società è cambiato. Il livello di empatia è crollato. Ciò che tutti percepiamo senza tanti fronzoli e baruffe è che domina il “cattivismo” contro “il buonismo”. L’individualismo contro il senso di solidarietà, collettività, bene comune. Le reti sociali sono sempre più deboli. Pezzi di “nobili autobiografie” (tanto per citare la molto amata Lidia Menapace) dominano la rete. Un narcisismo mai visto prima! Sia uomini che donne. Le amicizie sono sempre più virtuali.

Solitudini, fatica di vivere, affanni, ingiustizie e sfruttamenti sono a portata di molti. Troppi.

Forse è per questa ragione che quest’anno la festa dei lavoratori ha ripreso vigore.

Ci giunge voce di tante feste del Primo maggio all’insegna della commozione. Della memoria. Della resistenza.

A Cassibile in provincia di Siracusa (cittadina nota per l’armistizio di Cassibile, atto siglato segretamente il 3 settembre del 1943 durante la Seconda guerra mondiale) all’insegna di #PRIMATUTTI i migranti sono usciti dalle indecorose baracche e hanno manifestato in piazza rivendicando diritti e dignità. La dignità di ogni persona degna di questo nome. Una festa inclusiva, di tutti e per tutti. Per costruire ponti di alleanze, e offrire un momento di festa, a tutti coloro che lavorano in condizioni disumane e immorali. Migranti e non.

A Portella della Ginestra – luogo simbolo della lotta dei lavoratori dove il primo maggio del 1947 la banda di Salvatore Giuliano sparò contro la folla radunata per la festa – ha fatto il corteo e preso la parola un emozionato ed emozionante Manuele Macaluso, anni 95. Forse questa è l’ultima volta, dice accorato. Commosso. Io sono nato qui tra le lotte dei lavoratori, tra i braccianti… racconta dal palco.


La sinistra – dice ancora Macaluso – rischia di non capire più il senso delle lotte, lotte per i diritti che significano lotte per il lavoro, contro la mafia e per la libertà.

A prescindere da qualsiasi nostalgia, sintonia o contrasto politico con lo storico deputato comunista, quanta passione nelle sue parole in quella bellissima vallata ricordata per la strage. Quanto pathos. Quante emozioni ha scatenato la voce vibrante e palpitante di questo grande vecchio.

***

La sinistra, è vero, ha preso troppe batoste (a volte meritate), il sindacato è stato smantellato e da alcune parti politiche deriso, umiliato, emarginato… Ben venga una alleanza con chi, da posizioni diverse, su una ancora ipotetica rinascita e rilancio del sindacato è d’accordo. Peppino Di Vittorio diceva che bisogna stare uniti se si vuole che vincano i lavoratori.

I lavoratori, questi sconosciuti…. Gli stessi che in tanti, da parecchi anni, si affannano a spiegarci che sono scomparsi. Invece ci sono. Esistono. Si affannano. Subiscono la deriva.

Landini, l’idea di un sindacato forte ci piace moltissimo, di te ci fidiamo.

Tuttavia, sul sindacato unitario? Vorremmo saperne di più sulle differenze e autonomia delle diverse sigle. E soprattutto: in quale direzione occorrerebbe muoversi?

 

Solidarietà ai cinque operai licenziati di Pomigliano.

 

 

FEMMINISTE DI TUTTO IL MONDO UNIAMOCI!

 

I due militanti di CasaPound, Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci, i due stupratori fascisti, squadristi che il 12 aprile scorso a Viterbo hanno violentato una ragazza, dal carcere ci fanno sapere che sono provati e sotto shock.

Certo per loro due è stato un grande trauma picchiare e stuprare una donna. La loro è stata una prova che gli ha causato grandi turbamenti! Comprendiamo.

 

Tutto ciò è assurdo. Non c’è nemmeno il pudore del silenzio.

 

D’altronde, la “tempesta emotiva” ormai ce lo ha spiegato. Non c’è legge che ci tuteli totalmente, soprattutto dalle interpretazioni dei magistrati.

Non c’è un partito che si faccia carico delle problematiche delle donne e delle ingiustizie che giorno dopo giorno scaturiscono in sede giudiziaria. Anzi il capitolo (diciamo per sintesi) donne, così come a suo tempo il capitolo lotta alle mafie, è completamente sparito.

Le associazioni femministe o comunque di donne, non riescono a mettersi d’accordo su nulla, nemmeno quando di fronte ad una ennesima violenza su una donna bisognerebbe stare assieme per manifestare. Per dare vigore, produrre forti momenti di aggregazioni, creare parole d’ordine.

Compagne, sorelle, amiche è giunto il momento. Il momento di dare basta. Di stare insieme e fare un partito. Tutte diverse. Tutte unite. Tutte autonome. Un solo obiettivo: dimostrare che ci siamo. Che vogliamo contare.

Un partito delle donne? Sì, un partito delle donne, per le donne, fatto da donne. Aperto a tutti. Esiste già, per esempio in Svezia.

In ogni paese del pianeta le donne sono la maggioranza della popolazione, come mai nelle architetture sociali, politiche, economiche non viene fuori? Come mai per la maggior parte le donne occupano per lo più gli strati sociali più modesti?

Perché continuare a stare in una democrazia rappresentativa che non rappresenta mai le donne? Mobilitiamoci per cambiare.

Ci siamo, ma… come genere meno “nobile”… anche se abbiamo in tasca la soluzione per gestire al meglio tante situazioni e trasmettere valori.







"Rita Atria" - Primo Piano

Bari: il Melograno della legalità rubato...
ripiantato in meno di 48 ore

Alla nostra Associazione il premio Parmaliana

In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce



PER INFORMAZIONI SCRIVERE AGLI INDIRIZZI:
assculturaleimmaginarte@gmail.com - info@stefaniamule.it 
slatella@ritaatria.it - nfurnari@ritaatria.it

DIRETTO e INTERPRETATO

DA STEFANIA MULÈ

“In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce”, il cui format è firmato dall’Associazione Culturale immaginARTE, è uno spettacolo che con il quale si vogliono ricordare queste due giovani donne, facendo “Memoria Attiva” delle loro Idee e delle loro lotte, attraverso le poesie ed i pensieri di Stefania Noce, volata per mano assassina su una Stella, le vicissitudini di Rita Atria ed il significato simbolico delle loro rose rosse, la Musica che ascoltavano…. “In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce” narra di queste due giovani donne, attraverso un Viaggio tra le Idee, i Sogni, le Speranze, che raccontano, innanzitutto, le loro Vite.

In questo modo, ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno, specchio della propria coerenza.

http://www.stefaniamule.it/ac-immaginarte/blog/in-viaggio-con-rita-atria-e-stefania-noce/

... in primo piano

Intervento di Nadia Furnari al Parlamento Europeo nell'ambito dell'iniziativa organizzata da EFDD

Tutti gli interventi all'indirizzo: https://www.youtube.com/watch?t=8105&v=GzrezGJauWU

Verità e Giustizia per Sandro Marcucci ...

"Finche’ il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci
 

"Con le nostre storie e con il nostro impegno... dobbiamo avvicinarci agli altri..."


La bellezza contro la mafia

 
                                   
   

Facebook

Radiazione Ciancarella - Firma falsa Pertini

Radiazione Ciancarella firma falsa

Rita Atria

Rita Atria

Sandro Marcucci

Aspetta Giustizia dal 2 febbraio 1992


Rita Atria a Teatro...

Una collaborazione con A.C. immaginARTE di Stefania Mulè

Stefania Mulè - Teatro Rita Atria Stefania Noce

"E' una delle più belle manifestazioni di ricordo e di lotta e di richiesta di verità e giustizia a cui io abbia mai partecipato. Siete stati veramente bravi ma non solo bravi.Ci vuole anima ci vuole cuore, ci vuole passione per fare quello che avete fatto"

Franca Imbergamo (Distrettuale Nazionale Antimafia - Roma)

...

Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
BANCA NUOVA FILIALE MILAZZO

IBAN: IT23J0513282291870570232673

Per Pagamento con PayPal

YouTube

Rita Atria YouTube Channel

Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 1/2


Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 2/2

Informazione di Frontiera

Casablanca


20 Anni: 1994 - 2014

Il Ventennale a Milazzo ...
prossima tappa in autunno a Bari


 


 

Memoria Attiva (WITKO)
pensato e scritto per i 20 anni
dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

Noi non siamo l'individuo medio metropolitano 
Giustizieri parolieri 
Da un comodo divano 
Noi pensiamo che giustizia 
Sia una parola amica 
Che contiene in se il rispetto e il suono alto della vita 
il suono alto della vita
Siamo nati da vent'anni e portiamo un nome buono 
Una lacrima di rabbia 
E speranza dentro al cuore 
speranza fa rumore 

E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura

Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
E' mio

 I nostri passi fuori dai cancelli americani 
Sono un no deciso e secco 
Come i calli delle mani 
A macchine di morte a segreti senza fine 
Alle prese per il culo di cent'anni di regime 
Il pesce puzza sempre dalla testa e quell’odore 
Anche se cambi l'aria 
La puzza non si muove 
Se il pesce resta al sole


E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura
Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
è anche mio
 

Grazie a questa gente
Che condivide il senso
Che esiste un mondo nuovo
A volerlo fino in fondo
Puoi cercarci nelle piazze
Al di fuori dei palazzi
Dove mischiano le carte
E la chiamano la legge
Puoi cercarci nei quartieri
Dove brucia la speranza
Dove è scritto no alle mafie
Dove è scritto
Resistenza 
Dove è scritto
Resistenza 


Io non ho paura
Di aver paura
Io non ho paura 
Di aver paura

Io non ho paura