...

"Finché il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci

In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce



PER INFORMAZIONI SCRIVERE AGLI INDIRIZZI:
assculturaleimmaginarte@gmail.com - info@stefaniamule.it 
slatella@ritaatria.it - nfurnari@ritaatria.it

DIRETTO e INTERPRETATO

DA STEFANIA MULÈ

“In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce”, il cui format è firmato dall’Associazione Culturale immaginARTE, è uno spettacolo che con il quale si vogliono ricordare queste due giovani donne, facendo “Memoria Attiva” delle loro Idee e delle loro lotte, attraverso le poesie ed i pensieri di Stefania Noce, volata per mano assassina su una Stella, le vicissitudini di Rita Atria ed il significato simbolico delle loro rose rosse, la Musica che ascoltavano…. “In Viaggio con Rita Atria e Stefania Noce” narra di queste due giovani donne, attraverso un Viaggio tra le Idee, i Sogni, le Speranze, che raccontano, innanzitutto, le loro Vite.

In questo modo, ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno, specchio della propria coerenza.

http://www.stefaniamule.it/ac-immaginarte/blog/in-viaggio-con-rita-atria-e-stefania-noce/

News

Caso Scieri: Ciancarella aveva ragione! Ma continua ad essere offeso da questo Stato. Anche da un governo che quando era all'opposizione gridava all'indignazione...

ago 3

Scritto da:
03/08/2018 08:45  RSS

Emanuele ScieriRiceviamo e pubblichiamo dal nostro Amico, Socio ed esponente del Direttivo, Capitano Mario Ciancarella, una email che desideriamo rendere pubblica (con il suo consenso).

Come associazione non staremo a guardare perché ci sono responsabilità precise che devono essere indagate. Come associazione non siamo stati noi a ricordare alla politica che su caso Scieri c'era stato un comportamento degno di uno stato sudamericano. Mario Ciancarella arrestato in maniera plateale con la figlia minorenne per calunnia. La bambina portata in macchina con un arrestato senza che nessuno delle istituzioni si indignasse troppo. Ricordiamo i banchetti organizzati dall'Associazione Dare Voce al Silenzio degli innocenti e il nostro supporto sia ai banchetti che politicamente. Trovammo un solo politico disponibile ad andare a trovare Mario Ciancarella in carcere: Niki Vendola. Il resto il vuoto. 

Così come abbiamo fatto per il caso Marcucci e il caso Dettori, grazie al lavoro della commissione di indagine e al lavoro della magistratura, è arrivato il tempo di chiedere conto e ragione di quel comportamento assurdo.

Anche la nostra attuale vice presidente fu interrogata dai carabinieri perché era tra le persone che si sentivano al telefono con Ciancarella. Questo è successo in Italia... una Italia in cui chi oggi è presidente della commissione difesa e detiene le quote di maggiornaza del ministero della difesa quando era all'opposizione faceva interventi indignati mentre adesso tace in un complice silenzio.

Questa è l'Italia! Ma noi non ci faremo trascinare dal fiume dell'ignavia e dell'ipocrisia.

Associazione Antimafie Rita Atria


2 agosto 2018

A fronte di quanto emerge sulle responsabilità per la morte di Emanuele Scieri provo un solo sentimento: sollievo. E non solo per i familiari di Emanuele ma anche per le Istituzioni di questo sciagurato Paese nel quale a causa di funzionari deviati e devianti si sono commesse efferatezze, delitti e stragi rimaste impunite solo per la ignavia di alcuni investigatori e per la presunzione di alterità di alcuni ambienti ordinariamente militari che piuttosto di attenersi ad una docilità costituzionale si sono posti al di sopra della Legge e della Costituzione.

Panella ora dovrebbe dire da chi e con quali obiettivi fosse stato disposto il trattamento che avrebbe portato alla morte di Emanuele Scieri. Solo allora si ricomporrebbe il puzzle di un delitto già prefigurato nello Zibaldone del Gen. Celentano ove si scriveva che la "punizione" per chi non avesse accettato le "tradizioni logiche" del reparto consisteva nel considerarlo un "cane morto" e di fatto estraneo al Reparto.

Ho subito carcerazione per aver interferito in indagini relative al caso Scieri su richiesta dal Giudice Iannelli e dal sostituto Giambartolomei, e disposta dal G.I.P. Dott. Di Bugno che definì il mio intervento un atto di "sciacallaggio" nei confronti dei familiari.

Sono stato poi prosciolto con formule ampie nei cinque processi successivi che mi videro anche imputato di diffamazione su istanza personale del Gen. Celentano.

Oggi dopo dicinnove anni, e dopo essere stato anche audito dalla Commissione Parlamentare di inchiesta, emerge una drammatica realtà che conferma ogni mia affermazione.

Come non ricollegare quella accusa di sciacallaggio con la definizione che meritai dal Giudice Priore dopo quattro audizioni che mi dipinse come "un inconsapevole portatore di elementi inquinanti" per la vicenda Ustica? Li' mi si definiva inconsapevole per evitare una incriminazione che avrebbe costretto a misurarsi sulle mie scomode dichiarazioni, nella vicenda Scieri mi si definiva sciacallo al fine di evitare qualsiasi revisione di uno sciagurato impianto investigativo partito con l'assenza del PM sul luogo del delitto in quanto il Giudice Giambartolomei aveva solo dato disposizioni telefoniche al medico legale per i rilievi sul cadavere e la rimozione del corpo di Emanuele, senza recarsi sul luogo del delitto.

Rimango e sono un uomo dello Stato che ha giurato fedeltà alla Costituzione e ad essa sola anche se questo gli è costato una radiazione disposta tramite la falsificazione della firma del Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, sul decreto previsto per la radiazione di un Ufficiale.

E provo sollievo per questa vicenda solo perché dice che mai deve venire meno la fiducia istituzionale su vicende di devianza dalla legalità democratica fossero anche compiute dai più alti vertici di quelle stesse istituzioni. E perché ripete ai miei familiari che può essere valsa la pena di portare tutte le sofferenze che ho loro causato se la scelta era quella di non divenire un "bastardo" dimentico degli impegni assunti con un giuramento che per me e' stato pelle e sangue insieme.

E' l'incrollabile fiducia che ci era stata richiesta dal Presidente Pertini nel colloquio che volle riservare a me Sandro Marcucci e Lino Totaro, uomini della Forza Armata Aeronautica ma ancor più uomini della Costituzione.

Mi auguro che la Magistratura porti a compimento questa nuova indagine e sappia chiedere conto a chiunque delle responsabilità che emergessero, e non si fermasse davanti all'arcano e all'insondabile con cui alcuni vorrebbero preservare il proprio potere e le prerogative attribuite per lo svolgimento di compiti istituzionali e non per la esibizione di un proprio potere ritenuto insindacabile.


... in primo piano

Intervento di Nadia Furnari al Parlamento Europeo nell'ambito dell'iniziativa organizzata da EFDD

Tutti gli interventi all'indirizzo: https://www.youtube.com/watch?t=8105&v=GzrezGJauWU

Verità e Giustizia per Sandro Marcucci ...

"Finche’ il sangue dei figli degli altri varrà meno del sangue dei nostri figli, fin quando il dolore degli altri per la morte dei loro figli, varrà meno del nostro dolore per la morte dei nostri figli, ci sarà sempre qualcuno che potrà organizzare stragi in piazze, banche o stazioni, su treni o su aerei, con bombe o missili, con la certezza di rimanere impunito."

Sandro Marcucci
 

"Con le nostre storie e con il nostro impegno... dobbiamo avvicinarci agli altri..."


La bellezza contro la mafia

 
                                   
   

Facebook

Radiazione Ciancarella - Firma falsa Pertini

Radiazione Ciancarella firma falsa

NO MUOS

NO MUOS

5 x 1000

5 x 1000 Associazione Antimafie Rita Atria

Aiuta le attività totalmente autofinanziate

dell'Associazione Antimafie Rita Atria

Dona il tuo 5 x 1000

Codice Fiscale: 92020250830

Rita Atria

Rita Atria

Sandro Marcucci

Aspetta Giustizia dal 2 febbraio 1992


Rita Atria a Teatro...

Una collaborazione con A.C. immaginARTE di Stefania Mulè

Stefania Mulè - Teatro Rita Atria Stefania Noce

"E' una delle più belle manifestazioni di ricordo e di lotta e di richiesta di verità e giustizia a cui io abbia mai partecipato. Siete stati veramente bravi ma non solo bravi.Ci vuole anima ci vuole cuore, ci vuole passione per fare quello che avete fatto"

Franca Imbergamo (Distrettuale Nazionale Antimafia - Roma)

...

Siamo un'associazione completamente autofinanziata

Associazione Antimafie "Rita Atria"
C.F. 92020250830
BANCA NUOVA FILIALE MILAZZO

IBAN: IT23J0513282291870570232673

Per Pagamento con PayPal

YouTube

Rita Atria YouTube Channel

Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 1/2


Ustica: Telejato intervista il Cap. Ciancarella 2/2

Informazione di Frontiera

Casablanca


20 Anni: 1994 - 2014

Il Ventennale a Milazzo ...
prossima tappa in autunno a Bari


 


 

Memoria Attiva (WITKO)
pensato e scritto per i 20 anni
dell'Associazione Antimafie "Rita Atria"

Noi non siamo l'individuo medio metropolitano 
Giustizieri parolieri 
Da un comodo divano 
Noi pensiamo che giustizia 
Sia una parola amica 
Che contiene in se il rispetto e il suono alto della vita 
il suono alto della vita
Siamo nati da vent'anni e portiamo un nome buono 
Una lacrima di rabbia 
E speranza dentro al cuore 
speranza fa rumore 

E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura

Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
E' mio

 I nostri passi fuori dai cancelli americani 
Sono un no deciso e secco 
Come i calli delle mani 
A macchine di morte a segreti senza fine 
Alle prese per il culo di cent'anni di regime 
Il pesce puzza sempre dalla testa e quell’odore 
Anche se cambi l'aria 
La puzza non si muove 
Se il pesce resta al sole


E avanti
a mani nude
E pugni chiusi
Senza avere paura
Avanti
La verità non sa morire
Avanti
Il mondo è fatto per cambiare
è anche mio
 

Grazie a questa gente
Che condivide il senso
Che esiste un mondo nuovo
A volerlo fino in fondo
Puoi cercarci nelle piazze
Al di fuori dei palazzi
Dove mischiano le carte
E la chiamano la legge
Puoi cercarci nei quartieri
Dove brucia la speranza
Dove è scritto no alle mafie
Dove è scritto
Resistenza 
Dove è scritto
Resistenza 


Io non ho paura
Di aver paura
Io non ho paura 
Di aver paura

Io non ho paura 





"Rita Atria" - Primo Piano

Bari: il Melograno della legalità rubato...
ripiantato in meno di 48 ore

Alla nostra Associazione il premio Parmaliana