Archivio News dell'Associazione Antimafie Rita Atria Archivio News - Mario Ciancarella

Ricerca

View_Blog

Da admin Il 19/01/2017 08:55

Conferenza Stampa MOntecitorio CiancarellaIeri, 18 gennaio si è svolto l'atteso Question Time sul caso Ciancarella. Un Question time annunciato dagli onorevoli Claudio Fava e Davide Mattiello nella conferenza stampa a Montecitorio del 10 novembre. Mattiello e Fava, gli unici due parlamentari, che nell'ottobre del  2016 hanno accolto l'invito dell'Associazione Antimafie Rita Atria ad occuparsi sul piano politico della scandalosa vicenda.

Non faremo il riassunto delle puntate precedenti perché il nostro sito è pieno di dettagli* ma sentiamo l'obbligo innanzitutto di dire grazie per il coraggio politico a Davide Mattiello che ha accolto subito l'invito dell'Associazione Antimafie Rita Atria ad occuparsi di quello che è ormai diventato "il caso Ciancarella"; dobbiamo ringraziare Claudio Fava per essere l'unico superstite della stagione politica del 92 a mantenere la Memoria Viva su questa vicenda accogliendo subito l'invito di Mattiello a camminare insieme. E così nasce una conferenza stampa, il 10 novembre, a Montecitorio e un Question Time. [continua...]

Da admin Il 26/10/2016 17:24
Egregio signor Presidente, 
chi le scrive è Santa Latella, la Presidente, nonché legale rappresentante, dell'Associazione Antimafie “Rita Atria”. 
Mi rivolgo a Lei, a nome e per conto dell'Associazione che presiedo, affinché si faccia garante della Nostra Costituzione e ne salvaguardi i Principi Fondatori, che furono dell'Assemblea Costituente. 
Le sottopongo, nel particolare, per i provvedimenti che, siamo certi, Lei riterrà di adottare, la vicenda di Mario Ciancarella. Mario Ciancarella al momento della strage di Ustica era Capitano Pilota dell’A.M. nonché leader del Movimento Democratico dei militari (che nasceva dalla contaminazione delle forze armate con la cultura sociale e democratica). Convocato e ricevuto, nel 1979, al Quirinale dal Presidente Pertini, insieme a Sandro Marcucci e Lino Totaro, era divenuto referente delle rivelazioni da tutta Italia delle vere o false ignobiltà che si compivano nel mondo militare. In questo contesto, anche il maresciallo Mario Alberto Dettori, radarista a Poggio Ballone la notte di Ustica, decise di fidarsi di lui e di confidargli: "Capitano siamo stati noi..." "Capitano dopo questa puttanata del mig libico...". Mario Alberto Dettori verrà trovato impiccato nel 1987  e l'inchiesta verrà chiusa dicendo che si era trattato di un suicidio. Conclusione che non ha mai convinto i suoi familiari e le persone a lui vicine. 
Per questo suo ruolo di esponente di punta, il Capitano Ciancarella divenne talmente scomodo da indurre "qualcuno molto in alto" a falsificare, nell'ottobre 1983, la firma del Presidente Pertini nel Decreto Presidenziale di radiazione. Un vero e proprio colpo di Stato. La copia del decreto di radiazione gli verrà consegnata, su sua richiesta, solo 9 anni più tardi e dopo la morte di Pertini. 
L'Associazione Antimafie Rita Atria, con orgoglio, da 22 anni (da quando è stata fondata), lotta accanto a Mario Ciancarella senza mai retrocedere di un solo passo. 

Il giorno 30 del mese di luglio u.s., il Tribunale Civile di Firenze, II Sezione Civile, con la sentenza n. 2812/16, ha confermato i dubbi del Capitano Ciancarella (e anche i nostri): la firma del Presidente Pertini che compare sul quel decreto e' un volgare falso. Tanto e' stato accertato sulla base di due perizie - una di parte ed una disposta dal Magistrato - che hanno potuto rilevare come il falso sia tanto evidente quanto eseguito con assoluta approssimazione. [...]

Da admin Il 18/02/2014 08:24
Questa è la storia di un perdente. Una storia iniziata sui banchi e sui piazzali della Accademia Aeronautica e approdata sui banchi degli imputati in procedimenti militari - penali e disciplinari - che si sono conclusi con l'infamante provvedimento della rimozione dal grado e della conseguente espulsione dalle Forze Armate. Ma è una storia non ancora conclusa, anche se molti ed in molti modi avrebbero voluto scrivere la parola "Fine".  (Mario Ciancarella) [...]


Questa è la storia di una forza che si chiama DIGNITA' - Mario, noi con te domani! [...]

Da admin Il 27/06/2012 07:15

In questo mondo esistono coloro che pur avendo dedicato una vita nel rispetto innanzitutto della propria dignità di essere umano, non viene concessa neanche la gloria di un piccolo riflettore. Bisogna essere "accreditati" da qualcuno o da qualcosa per essere credibili per l'opinione pubblica. Così, anche chi dovrebbe fare Memoria cade nel gioco del potere limitandosi a vedere le cose che si vogliono vedere. Abbiamo pensato di andare in controtendenza rispetto a quanti oggi sprecheranno parole di rito per ricordare che la strage di Ustica grida ancora giustizia. Ma questi coloro ometteranno di ricordare le responsabilità italiane dirottandole su altri Stati. E se noi cittadini cosiddetti "impegnati", anzi di ascoltare i guru dell'informazione, avessimo la volontà di studiare, di andare incontro la nostra storia ci renderemmo conto che siamo stati ingannati dal 1943.  L'Italia è un paese senza giustizia. L'Italia è un paese senza Memoria. Se non abbiamo il coraggio di chiederci veramente chi sono i mandanti dei Portella della Ginestra; i mandanti dell'omicidio di Pio La Torre; i mandati delle stragi di Stato; i mandanti della strage di Ustica, chi decide che la Sicilia deve diventare la portaerei dei Droni nel Mediterraneo... se non abbiamo il coraggio di farci queste domande, allora finiamola di definirci "impegnati" perché il nostro impegno senza Memoria è strumentale a chi ha fatto dell'oblio il sedativo di una intera popolazione.

Ass. Antimafie "Rita Atria"

[...] Ma può essere utile pensare che, se ogni goccia compie con fedeltà il suo percorso, è indubbio che le gocce finiranno per incontrarsi e diverranno sorgente e poi ruscello e poi fiume ed infine mare.

Tutto questo non è poesia ma la Legge fondamentale della Vita, immutabile. Dove essa viene tradita tutto diviene arido ed infecondo. Questa semplice certezza è stata la pelle ed il sangue di ciascuno di noi. La sofferenza e la consapevolezza di "aver perso" non possono mutare il giudizio finale: "E' impossibile pentirsi". [...]

Archivio

Archivio
<dicembre 2017>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mese
Vai