Archivio News dell'Associazione Antimafie Rita Atria Archivio News - Comunicati Stampa

Ricerca

View_Blog

Da admin Il 05/08/2017 16:23
È stata archiviata la posizione della nostra socia Santa Mondello coinvolta, suo malgrado, nell’indagine della Procura di Barcellona sui casi di assenteismo al comune di Milazzo del 3 ottobre scorso.
Da admin Il 20/07/2017 16:10

Iniziative in Memoria di Rita Atria
“L’unica speranza è non arrendersi mai” e quest’anno lo ribadiremo il prossimo 26 luglio in viale Amelia a Roma dove ricorderemo Rita Atria nell’ultimo luogo che la vide viva e dove decise di darsi la morte, dopo la morte di Paolo Borsellino, per restare libera e non condannata all’isolamento e all’infamia da una politica e da una società che chiede solo martiri senza provare a cambiare. [...]

Da admin Il 20/07/2017 08:48

Il nostro 19 luglio è iniziato in Tribunale al processo Maniaci. Come Associazione Antimafie Rita Atria che ha supportato in passato, così come altre realtà, l’azione di Telejato e del suo direttore Pino Manici, esserci significava voler andare fino in fondo, senza delegare, poiché a noi non piace affidarci all’opinione altrui ma cercare la verità leggendo e studiando direttamente le carte. Tutte.[...]

Da admin Il 27/06/2017 23:21
Angelo NicetaSiamo assolutamente consapevoli che è impossibile seguire tutti i casi in cui lo Stato riesce a dare il peggio di sé. Ieri, 27 giugno, la vice presidente dell'Associazione, Nadia Furnari, ha incontrato il Testimone di Giustizia (non abbiamo bisogno di carte bollate per definirlo tale) Angelo Niceta al fine di comprendere esattamente i termini della questione.

L'esito del colloquio con il Testimone di Giustizia Angelo Niceta è stato presentato al direttivo nazionale che ha deciso di seguire direttamente il caso dando delega alla Vice Presidente di contattare tutti gli attori coinvolti  in questa vicenda. Possiamo dire sin da subito che non solo auspichiamo in una risoluzione del caso ma che auspichiamo che lo Stato dimostri la forza della Giustizia e non la debolezza di un sistema come quello del Servizio di Protezione che dovrebbe...
Da admin Il 27/06/2017 08:27

Strage di Ustica. Stato hai una opportunità: quella di tacere!

Non ci uniremo all'oceano di belle parole o di stupori di presidenti di associazioni che si accorgono solo adesso che le carte messe a disposizione dallo Stato sono monche e omissive.

Al Capo dello Stato che continua a fare proclami sulla Verità ricordiamo che non ha MAI risposto sul caso Ciancarella. E il suo silenzio per noi è Voce chiara e forte. Mai una telefonata al Capitano Ciancarella; mai una telefonata alla famiglia Dettori; mai una parola sulle denunce da noi presentate; mai una risposta alle nostre lettere (l'unico Presidente a non rispondere)...ma queste cose la stampa non le dirà...

Riproponiamo la nostra lettera al Presidente della Repubblica:
http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/961/Comunicato-stampa-Sig-Presidente-Sergio-Mattarella-la-invitiamo-a-Rimuovere-le-Opacita.aspx


Per chi desidera documentarsi meglio: http://www.lesiciliane.org/casablanca-n47

Da admin Il 17/05/2017 13:57
Pur avendo deciso di aspettare di leggere la sentenza di primo grado (che non verrà probabilmente appellata perché, ricordiamo, che la prescrizione sarebbe scattata il 17 maggio 2017) per commentare l’esito del processo sul Parco Commerciale di Barcellona Pozzo di Gotto, dobbiamo però rispondere agli strali e alle offese gratuite e diffamatorie che stanno arrivando da un coro numericamente sempre più ampio, anche da parte di chi fino ad oggi era stato nel più assoluto silenzio e non aveva avuto il coraggio di prendere posizioni ma che oggi, come da tradizione, trova improvvisamente la voce per esprimere giudizi.

Ma non staremo in questa sede a difenderci né ci interessa fomentare sterili polemiche specialmente con interlocutori che non riteniamo nemmeno degni di essere presi in considerazione, o che credono di fare buon giornalismo eliminando...
Da admin Il 12/05/2017 21:54

Dopo tre anni, la prima udienza è datata 2 maggio 2014, il processo per il Piano particolareggiato del Parco commerciale di contrada Siena a Barcellona Pozzo di Gotto si è concluso in maniera favorevole per gli imputati al termine di una lunga requisitoria, da parte del sostituto procuratore Alessandro Liprino, che aveva ereditato il processo dal collega Francesco Massara,  nonostante le 13 richieste di condanna e il riconoscimento da parte della Procura della validità dell'esposto depositato dalla nostra Associazione e dall'Associazione Città Aperta.Attendiamo di leggere le motivazioni prima di rilasciare ulteriori commenti.


Da admin Il 22/04/2017 14:09
OGGETTO: Appello di Barbara Dettori e dell’Associazione Antimafie Rita Atria a sostegno del Capitano Ciancarella

Egregio signor Sindaco, chi le scrive è Barbara Dettori, figlia di Mario Alberto radarista di Poggio Ballone la sera della strage di Ustica.

Mi rivolgo a Lei, insieme all’Associazione Antimafie Rita Atria, nella speranza che voglia prendere posizione su una questione di rilevante importanza, che riguarda me e la mia famiglia, ma soprattutto la salvaguardia dei Principi Costituzionali e la stessa Democrazia di questo Paese.

Sono qui a chiederLe di sostenere e condividere politicamente la causa di Mario Ciancarella che, come saprà, è il Capitano Pilota dell’A.M. nonché leader del Movimento Democratico dei militari che insieme a Sandro Marcucci, era divenuto referente delle rivelazioni da tutta Italia delle vere o false...
Da admin Il 13/04/2017 10:58
Il 15 marzo scorso la notizia della nomina di Nino Di Matteo alla Procura Nazionale Antimafia. Una nomina che avevamo accolto con gioia e che prima degli ultimi risvolti eravamo pronti a commentare pubblicamente con questa nota :

Il CSM ha ufficializzato la nomina del PM Antonino Di Matteo a Sostituto Procuratore presso la Procura Nazionale Antimafia (il trasferimento sarà operativo tra circa 2 mesi). Il PM si trasferirà a Roma dopo oltre 25 anni di attività sul territorio siciliano, alla Procura di Caltanissetta prima e a quella di Palermo poi. 
Da admin Il 06/04/2017 07:39


Eccoci! Come ci aspettavamo la risposta dell'Avvocatura di Stato richiesta dalla ministra Pinotti, non si è fatta attendere troppo.

E come ci aspettavamo non è a sostegno della reintegra del Capitano Mario Ciancarella ma “versus” ossia contro.

E non solo lo Stato, attraverso i suoi legali, non si pronuncia duramente contro chi avrebbe dovuto, condannando un atto gravissimo, la firma falsa di un Presidente della Repubblica (il Partigiano Sandro Pertini), effettuato ai danni della Democrazia di questo Paese e della sua Carica Istituzionale più alta, ma tenta di sminuirne la portata affermando che su un atto di radiazione, in fondo, la firma del Presidente è una semplice formalità, in quanto l'unica ad avere valore su quell'atto è la firma Ministro della Difesa che allora era Spadolini (la perizia del Tribunale di Firenze ha dubbi...
Da admin Il 06/04/2017 07:23
Comunque la si possa pensare sui fatti giudiziari in cui è incorso il suo fondatore, sui quali terremo comunque viva l'attenzione, che nulla hanno a che fare con l'attività indiscutibile della televisione, la chiusura di telejato è un fatto gravissimo e sintomatico di quanto molto ci sia ancora da fare in tema di legalità e di lotta alle mafie in questo Paese.

Da admin Il 05/04/2017 12:36
Il prossimo 7 aprile, davanti al Tribunale di Messina, Antonio Mazzeo dovrà affrontare il  processo, dal sapore kafkiano, per diffamazione a mezzo stampa scaturito da una querela presentata dal Comune di Falcone e dall’ex sindaco Cirella  per l’inchiesta pubblicata sul periodico I Siciliani giovani (n. 7 luglio-agosto 2012), dal titolo “Falcone comune di mafia fra Tindari e Barcellona Pozzo di Gotto”.

Da admin Il 31/03/2017 09:43
Abbiamo avuta notizia che l'avvocato Goffredo D'Antona, legale della nostra Associazione, sarebbe stato deferito all'Ordine degli Avvocati dal sindacato "Autonomi di Polizia" per aver segnalato al Questore di Catania ciò che, secondo quanto dichiarato da una sua assistita, parrebbe configurarsi come una inadempienza di un agente di Polizia nell'esercizio delle sue funzioni.

Esprimiamo, senza alcun dubbio, la nostra totale solidarietà al nostro avvocato, non solo perché ne conosciamo l'impegno gratuito e la passione per la difesa dei diritti civili, ma soprattutto perché abbiamo prova da sempre della sua grande correttezza e serietà, della sua professionalità e del suo totale ed incondizionato rispetto per le Istituzioni.

Nell'esprimergli la nostra vicinanza, vorremmo anche evidenziare che il virgolettato citato dal sindacato non è, intanto, una dichiarazione pubblica, ma un brevissimo stralcio estrapolato da una comunicazione più ampia, corredata, oltretutto, di altra documentazione a sostegno, diretta...
Da admin Il 31/03/2017 07:02

Mario Alberto DettoriAllo scoccare dei trent’anni possiamo finalmente commemorare la morte del Maresciallo Mario Alberto Dettori senza retorica considerato che da quest’anno, grazie alla riapertura delle indagini presso la Procura di Grosseto, possiamo sperare che finalmente si faccia luce su quello che è stato frettolosamente archiviato come suicidio, ma che per noi e la sua famiglia tale non è.

L’associazione Antimafie Rita Atria continuerà a sostenere la moglie Carla e i suoi figli nella ricerca di una verità negata o quantomeno mai debitamente provata, perché, nella strage di Ustica, non ci sono solo vittime ufficiali ma anche quelle che vengono dimenticate o non considerate tali, condannate alla solitudine e all’isolamento.


Da admin Il 23/03/2017 08:09
NO MUOSIl Gip del Tribunale di Palermo respinge per la terza volta la richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero del processo Gullo accogliendo per la terza volta l’opposizione a tale richiesta di archiviazione  proposta dalla vice presidente nazionale Nadia Furnari dell’ Associazione Antimafie Rita Atria a mezzo del suo difensore avvocato  Goffredo D’Antona.
Da admin Il 13/03/2017 07:48
Il 26 giugno del 2016, alla vigilia del 36° anniversario della strage di Ustica, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dichiarava: “Rimuovere le opacità persistenti”.
Abbiamo sperato che, finalmente, ci fosse una presa di posizione netta ma, ancora oggi, sull'“opacità” grave della falsa radiazione del Capitano Ciancarella dalle forze armate non si è tentato minimamente di riportare la trasparenza.

Eppure falsificare un atto di radiazione e soprattutto la firma di un Presidente della Repubblica (allora era Sandro Pertini) dovrebbe essere, a nostro avviso, una delle prima opacità da ripulire con molta energia, visto che già la sentenza del Tribunale di Firenze, ha levato ogni ombra di dubbio.[...]

Da admin Il 10/03/2017 15:20
In seguito all'articolo apparso sul Tirreno del 10 marzo in cui si parla della riapertura delle indagini sulla morte del Maresciallo Dettori, stiamo ricevendo richieste di commento. Come si può immaginare eravamo già a conoscenza della riapertura ma riteniamo, in linea con quello che è lo stile dell’Associazione, come nel caso della riapertura delle indagini per la morte di Marcucci e Lorenzini (anche questo caso legato ad Ustica), di non compiere alcuna ulteriore dichiarazione, in ossequio alla Magistratura inquirente e al riserbo delle indagini. Possiamo dire però che esprimiamo viva soddisfazione per il riscontro della Procura sul nostro esposto. 


Associazione Antimafie Rita Atria e Barbara Dettori

Da admin Il 11/02/2017 12:55

Parco Commerciale Barcellona P.G.

Fin da quando abbiamo presentato nel 2011 l’esposto sul Parco commerciale di contrada Siena a Barcellona P.G., più di una volta ci hanno accusato, in tutte le sedi, di essere mossi da motivazioni politiche.

Accuse e illazioni  emerse, più o meno velatamente, anche nel dibattimento del processo penale scaturito da quell’esposto, da ultimo proprio da parte dell’ex senatore Domenico Nania che, all’udienza del 13 gennaio 2017, ha rispolverato il suo teorema LAM (Lumia-Atria-Mazzeo) oggetto di ben due sue interrogazioni parlamentari degli anni passati, alle quali abbiamo già ampiamente risposto.[...]

Da admin Il 02/02/2017 09:47
Sandro Marcucci e Silvio LorenziniSandro Marcucci e Silvio Lorenzini per noi sono stati uccisi. Oggi, alla luce di quanto sta emergendo dalle indagini svolte dalla Procura di Massa in seguito al nostro esposto presentato nel settembre del 2012, possiamo dirlo. La giustizia ancora sta indagando, facendo perizie, sentendo testi... ma per noi è tutto chiaro.


La storia di Sandro Marcucci è troppo lunga per essere sintetizzata ma anche lui muore all'ombra della Strage di Ustica. 

Dopo 25 anni dalla sua morte, però, possiamo sicuramente dire che per Sandro non c'è stato nessun familiare di Vittima che abbia lottato per il "sangue dei figli degli altri" così come ha lottato lui che non lo era. Non c'è stato nessun sbandieratore della legalità che ci abbia detto I Care....e la politica si è girata dall'altra parte.

Da admin Il 21/01/2017 08:27

L’amministrazione milazzese ha ritenuto di non dover accogliere la nostra istanza di accesso agli atti, circostanza della quale prendiamo atto, traendone le relative valutazioni politiche, perché abbiamo anche il vizio della memoria, e ricordiamo come in campagna elettorale l‘allora candidato del Partito democratico, e oggi sindaco, Formica tra i suoi slogan rilanciava anche quello del “

Rispettare le regole”, ulteriormente specificato con le parole: “accesso agli atti, streaming del consiglio comunale e commissione di controllo contro le infiltrazioni malavitose” aperta alle associazioni.
Da admin Il 19/01/2017 08:55

Conferenza Stampa MOntecitorio CiancarellaIeri, 18 gennaio si è svolto l'atteso Question Time sul caso Ciancarella. Un Question time annunciato dagli onorevoli Claudio Fava e Davide Mattiello nella conferenza stampa a Montecitorio del 10 novembre. Mattiello e Fava, gli unici due parlamentari, che nell'ottobre del  2016 hanno accolto l'invito dell'Associazione Antimafie Rita Atria ad occuparsi sul piano politico della scandalosa vicenda.

Non faremo il riassunto delle puntate precedenti perché il nostro sito è pieno di dettagli* ma sentiamo l'obbligo innanzitutto di dire grazie per il coraggio politico a Davide Mattiello che ha accolto subito l'invito dell'Associazione Antimafie Rita Atria ad occuparsi di quello che è ormai diventato "il caso Ciancarella"; dobbiamo ringraziare Claudio Fava per essere l'unico superstite della stagione politica del 92 a mantenere la Memoria Viva su questa vicenda accogliendo subito l'invito di Mattiello a camminare insieme. E così nasce una conferenza stampa, il 10 novembre, a Montecitorio e un Question Time. [continua...]

Da admin Il 15/12/2016 11:39
c.a. Organi di Stampa
OGGETTO: Morte di Mario Alberto Dettori, testimone diretto della strage di Ustica.
Nuovi elementi fanno presumere che non si sia trattato di suicidio: presentazione di un esposto alla Procura di Grosseto.
L'Associazione Antimafie Rita Atria, da più di tre anni, sostiene fattivamente i familiari del Maresciallo Dettori, radarista a Poggio Ballone la notte della strage di Ustica, colui che chiamò il Capitano Ciancarella dopo il 27 giugno dicendo “Siamo stati noi” e che disse ai familiari che "stava scoppiando la terza guerra mondiale". [...]
Da admin Il 17/11/2016 09:45
Un maresciallo radarista. Un capitano pilota. Un tenente colonnello pilota. Un'associazione antimafia intitolata a Rita Atria. Un viaggio spesso in solitudine di 36 anni irto di ostacoli enormi alla ricerca della verità sulla Strage di Ustica. Prove sparite, testimoni morti in circostanze tutte da indagare , il capitano Ciancarella radiato con la falsificazione della firma dell'allora Presidente Pertini. Chi e perchè ha commesso la strage di Ustica? Con una lunga e approfondita ricerca sugli atti processuali l'autrice ha provato a rispondere alle molte domande che in Italia ci si pone da quasi quattro decenni su uno dei più atroci crimini della storia italiana. Per amore della verità, dei compagni e delle compagne di lotta, delle vittime morte forse uccise e vive che hanno perso tutto. Con amore.
Da admin Il 12/11/2016 20:37

Ci siamo dati un minimo tempo per riflettere e rielaborare questa tanto voluta notizia, dopo decenni di lotta bisogna avere il tempo anche di assimilare le vittorie per poi ricalibrarsi.

Ormai è già noto quello che il nostro Capitano Ciancarella ci ha riferito stamattina e cioè che ha finalmente ricevuto la comunicazione dagli Uffici della ministra Pinotti che la procedura di reintegra è stata avviata.


Da admin Il 26/10/2016 17:24
Egregio signor Presidente, 
chi le scrive è Santa Latella, la Presidente, nonché legale rappresentante, dell'Associazione Antimafie “Rita Atria”. 
Mi rivolgo a Lei, a nome e per conto dell'Associazione che presiedo, affinché si faccia garante della Nostra Costituzione e ne salvaguardi i Principi Fondatori, che furono dell'Assemblea Costituente. 
Le sottopongo, nel particolare, per i provvedimenti che, siamo certi, Lei riterrà di adottare, la vicenda di Mario Ciancarella. Mario Ciancarella al momento della strage di Ustica era Capitano Pilota dell’A.M. nonché leader del Movimento Democratico dei militari (che nasceva dalla contaminazione delle forze armate con la cultura sociale e democratica). Convocato e ricevuto, nel 1979, al Quirinale dal Presidente Pertini, insieme a Sandro Marcucci e Lino Totaro, era divenuto referente delle rivelazioni da tutta Italia delle vere o false ignobiltà che si compivano nel mondo militare. In questo contesto, anche il maresciallo Mario Alberto Dettori, radarista a Poggio Ballone la notte di Ustica, decise di fidarsi di lui e di confidargli: "Capitano siamo stati noi..." "Capitano dopo questa puttanata del mig libico...". Mario Alberto Dettori verrà trovato impiccato nel 1987  e l'inchiesta verrà chiusa dicendo che si era trattato di un suicidio. Conclusione che non ha mai convinto i suoi familiari e le persone a lui vicine. 
Per questo suo ruolo di esponente di punta, il Capitano Ciancarella divenne talmente scomodo da indurre "qualcuno molto in alto" a falsificare, nell'ottobre 1983, la firma del Presidente Pertini nel Decreto Presidenziale di radiazione. Un vero e proprio colpo di Stato. La copia del decreto di radiazione gli verrà consegnata, su sua richiesta, solo 9 anni più tardi e dopo la morte di Pertini. 
L'Associazione Antimafie Rita Atria, con orgoglio, da 22 anni (da quando è stata fondata), lotta accanto a Mario Ciancarella senza mai retrocedere di un solo passo. 

Il giorno 30 del mese di luglio u.s., il Tribunale Civile di Firenze, II Sezione Civile, con la sentenza n. 2812/16, ha confermato i dubbi del Capitano Ciancarella (e anche i nostri): la firma del Presidente Pertini che compare sul quel decreto e' un volgare falso. Tanto e' stato accertato sulla base di due perizie - una di parte ed una disposta dal Magistrato - che hanno potuto rilevare come il falso sia tanto evidente quanto eseguito con assoluta approssimazione. [...]

Da admin Il 19/10/2016 07:16
Mario Ciancarella au moment DE la tragédie Ustica était Capitaine pilote des forces armées, il était aussi un leader du mouvement démocratique militaire (un mouvement naît de la contamination des forces armées avec la culture sociale et démocratique). Convoqué et reçu en 1979 au Quirinale chez le Président Pertini, avec Sandro Marcucci et Lino TotaroMario Ciancarella était devenu le référent de toutes les révélations de toute l'Italie sur les vrais ou fausses manoeuvres médiocres commis dans le monde militaire.
Da admin Il 12/10/2016 09:29
Associazione Antimafie Rita Atria Vota NO

L’associazione antimafie “Rita Atria” si schiera in pieno sostegno delle ragioni del No in occasione della consultazione referendaria in materia di revisione costituzionale del prossimo 4 Dicembre 2016. 

Il nostro No, nel merito della riforma costituzionale, è un SI alla democrazia. 
Tra i valori statutari della nostra associazione vi è la Resistenza nata dall’Antifascismo, ed proprio con quello spirito che ancora una volta ci schieriamo al fianco dell’ANPI, ci schieriamo al fianco del comitato “Io Voto NO” e ai milioni di italiani che si stanno mobilitando affinché venga respinta questa riforma conservatrice e autoritaria, nonostante l’enorme disparità di spazi e mezzi di cui dispongono i fautori delle ragioni del SI, capeggiati dal Governo nazionale (fatto di per sé di enorme gravità). [continua...]


Da admin Il 10/10/2016 11:00
L'Associazione Antimafie 'Rita Atria" - di cui Ciancarella è socio fondatore - e lo stesso Mario Ciancarella convocano per il giorno 22 Ottobre 2016 una conferenza stampa alle ore 10,30 a Lucca, in Viale Regina Margherita 113 presso la Libreria LuccaLibri Il Caffe' Letterario, per documentare quanto è accaduto, interrogarsi sui motivi che hanno potuto suggerire un simile scempio del diritto e prospettare le conseguenze politiche e giudiziarie del recente pronunciamento del Tribunale di Firenze. [leggi tutto il comunicato]

Da admin Il 19/09/2016 12:45
Antimafia è una parola ormai inflazionata, perché molti professionisti della politica di questa parola ne continuano ad abusare per conquistare un “attestato antimafia”, molte volte sottoscritto e legittimato, dalla società civile – quella della “gente perbene”.
Da admin Il 12/09/2016 21:59

[...] L'Associazione Antimafie Rita Atria sta dalla parte della ragazza, perchè nessuna se la può cercare una violenza del genere, fisica e psicologica, e nessuno dovrebbe accettare che dei mostri del genere possano essere assolti oltre che dalla legge anche da una società che si definisce civile. ...

Da admin Il 08/08/2016 13:52
Il prossimo 25 agosto, a Milazzo all’interno dell’Atrio del Carmine, con inizio alle ore 19,30 si terrà un convegno dal titolo “La libertà di stampa e di espressione… le inchieste delle donne”. L’impronta al femminile vuole porre l’accento sulle discriminazioni di genere ancora oggi fortemente presenti nella professione giornalistica. Le donne incontrano maggiori difficoltà nell’accedere a posizioni apicali rispetto ai colleghi uomini.
Da admin Il 28/07/2016 13:45

Un’altra bocciatura per Nino Di Matteo, l’ennesima, dopo quella dell’8 aprile 2015, data in cui il CSM nominò tre Sostituti Procuratori alla Direzione Nazionale Antimafia (Di Matteo arrivò undicesimo in graduatoria senza oggettivi elementi che ne giustificassero una tale valutazione) e dopo il respingimento del TAR del Lazio al ricorso presentato dal PM proprio sulla stessa delibera del CSM (sentenza dell’ 8 Luglio 2016). [...]

Da admin Il 21/07/2016 05:54

Egregio Presidente,

in data odierna siamo venuti a conoscenza che il prossimo 22 luglio la Commissione parlamentare speciale di indagine sull'emergenza ambientale nel comprensorio della Valle del Mela dell'Assemblea regionale siciliana terrà, presso l'Aula consiliare del Comune di San Filippo del Mela (ME), un'audizione delle associazioni del terzo settore in merito alle criticità ambientali insistenti nel comprensorio della Valle del Mela.

Con profondo rammarico siamo costretti ad evidenziare come tra le associazioni invitate non si siano presenti né l’Associazione Antimafie Rita Atria, né l'Associazione I Cittadini di Villafranca Tirrena.

Da admin Il 15/07/2016 14:58

Dopo quattro anni di udienze, – la prima si tenne il 6 febbraio 2012 – l'ex Procuratore Generale di Messina Antonio Franco Cassata è stato condannato, in via definitiva, per diffamazione pluriaggravata nei confronti del professor Adolfo Parmaliana.

Ad un’ammenda di 800 euro, anche se il pm aveva chiesto una condanna a tre mesi – e al risarcimento alla famiglia da stabilire in sede civile, certo.

Ma comunque una sentenza storica.


Da admin Il 10/07/2016 11:46
L'Associazione Antimafie "Rita Atria" esprime piena solidarietà all'uomo e al magistrato Antonino Di Matteo, ribadendo che al Suo fianco, al fianco dei magistrati del Pool antimafia ci sono milioni di cittadini onesti. Al loro fianco c’è lo Stato perché lo Stato siamo Noi.
Da admin Il 14/06/2016 06:17
Il bilancio della strage consumata la notte di sabato 11 giugno al  “Pulse” (Orlando – Florida) è di 53 feriti e 50 morti (compreso l’attentatore). Il locale è tra i più noti nella comunità gay e la gran parte delle vittime sono dichiaratamente omosessuali, ed è per questo che anche a distanza di ore a piangere queste vittime siano prevalentemente i famigliari, la comunità Lgbt mondiale, le associazioni e i cittadini manifestamente a sostegno del riconoscimento dei pieni diritti civili di tutti gli individui. 

L’imponente fronte della solidarietà, colorato da bandiere e animato da slogan virali, il fragore della rete che si riconosceva comunità con un semplice “Click” stride con l’assordante silenzio di quanti oggi sembrano non accorgersi di quanto sia accaduto. Forse perché banalmente...
Da admin Il 20/05/2016 09:55
OGGETTO: Comunicato stampa su udienza processo su costruzione abusiva del MUOS

In data odierna, avanti il tribunale monocratico di Caltagirone si è tenuta l’udienza che vede imputati i soggetti autori della costruzione del MUOS. L’udienza è stata rinviata al 22 luglio per omessa notifica a due imputati.

L’Associazione Antimafie Rita Atria, parte offesa nel procedimento e rappresentata dall’Avv. Goffredo D’Antona del foro di Catania (presenti all’udienza anche la Presidente Santina Latella e la vice-presidente Nadia Furnari), ha annunciato e depositato la costituzione di parte civile.

Tra le parti offese, l’unica a non essersi neanche presentata, è stata la Regione Siciliana. Si tratta a nostro avviso di un dato politico estremamente grave e di un segnale in controtendenza rispetto ai proclami di legalità del Presidente Crocetta. A nostro avviso, se si vuole essere credibili, la legalità deve essere perseguita indipendentemente dagli imputati e dall’oggetto del reato.

Associazione Antimafie...
Da admin Il 18/05/2016 22:19


La dinamica dello sgombero del mercatino dei senegalesi a Pescara ha suscitato alcuni interrogativi che abbiamo riportato nel nostro precedente comunicato (che rialleghiamo a questo nuovo comunicato) . Le serali dichiarazioni alla stampa, in cui l’area di risulta è stata paragonata a Scampia, con tanto di “vedette”, e si è esplicitamente fatto riferimento ad “ombre” della camorra, al “principale snodo della contraffazione del Sud Italia” e addirittura di “prostituzione maschile” inquieta. E rende gli interrogativi ancora più ineludibili e pesanti.



-        Davanti alla fine di una “soluzione provvisoria” che la stessa politica cittadina aveva individuato, abbiamo scritto  che “la politica dovrebbe interrogarsi su se stessa e fare una profondissima autocritica, di cui non si vede traccia alcuna in queste ore”. Quanto dichiarato alla stampa porta alla conclusione che non ci troviamo solo di fronte alla fine di una “soluzione provvisoria” che non ha risolto nulla, ma a qualcosa di molto più grave. Fare autocritica, interrogarsi su se stessa e ammettere la reale dimensione di quanto deciso è adesso ancora più indispensabile, necessario, non accantonabile. E tutto questo deve portare a precise assunzioni di responsabilità, con le massime conseguenze possibili. La comunità senegalese sta pagando il prezzo più alto possibile, gli unici finora…

...
Da admin Il 18/05/2016 15:30


L’imponente blitz di questa notte, con il quale è stato sgomberato il mercatino dei senegalesi a Pescara, con un dispiegamento di uomini e mezzi a dir poco mastodontico (i cui costi, dalla trasferta dei reparti giunti da Napoli e Bari agli straordinari di operai e vigili di Pescara, sono a carico della collettività) suscita profonda amarezza e molta perplessità. Non aggiungiamo nulla alle prese di posizione già prese in questi anni, dai sit in di solidarietà al comunicato dell’estate scorsa nel quale abbiamo fatto riferimento anche allo sgombero annunciato nei caldi giorni del ferragosto (di un’estate che moltissimi pescaresi ricorderanno per la questione, ancora oggi d’attualità, della “salute” del mare…). Quanto accaduto non si può liquidare, secondo la nostra associazione, come una mera questione di legalità e di ordine pubblico. Ci sono interrogativi, politici e sociali, che non possiamo tacere:



-        Come è possibile che ci fosse chi sapeva già (tanto da essersi preparato ad una...
Da admin Il 11/05/2016 06:20

L'Associazione Antimafie terrà in data 13 maggio presso lo Studio Legale D'Antona alle ore 11.00 (Via Umberto I, 303, 95129 Catania CT) a Catania la conferenza stampa in cui si illustrerà quello che è stato e sarà l''iter processuale avanti il Tribunale di Caltagirone e di tutte le iniziative portate avanti in questi anni per la lotta No MUOS: esposti,  memorie,  deposito, video e documentazione che hanno anche queste comportato, fermo restando in primis le meticolose indagini della Procura di Caltagirone, il sequestro del MUOS ed il processo per il gli imputati. 

Alla Conferenza Stampa potranno partecipare ESCLUSIVAMENTE agli organi di stampa.

Associazione Antimafie "Rita Atria"

Da admin Il 09/05/2016 21:27
Il direttivo dell'Associazione Antimafie ed Antifascista RITA ATRIA

, si è riunito a Bari il giorno 7 Maggio 2016 per valutare la posizione da assumere nella vicenda di Pino Maniaci, indagato per estorsione nei confronti di alcuni Sindaci, ed abbiamo valutato e deciso che ...[...]

Da admin Il 06/05/2016 19:40
L’Associazione Antimafie "Rita Atria" ritiene di non commentare la sentenza del CGA che statuirebbe la legittimità del MUOS di Niscemi, limitandosi ad evidenziare che un atto amministrativo (nelle specie le autorizzazioni regionali) potrebbe essere formalmente legittimo ma ciò non significa che sia lecito dal punto di vista penale, fermo restando il potere del Giudice Penale di disapplicare (nel senso di non considerarlo valido) l’atto amministrativo.

Concetti questi che spiegano e legittimano il sequestro penale del MUOS di Niscemi.

Concetti ribaditi dalla Corte di Cassazione nella sentenza che confermava proprio  il sequestro penale del MUOS.

Rendiamo noto, invece, che in data 6 maggio 2016 l’avvocato dell’Associazione Antimafie "Rita Atria", Goffredo D’Antona, ha depositato la lista testi per il processo sulla realizzazione...
Da admin Il 04/05/2016 13:40
Apprendiamo la notizia delle misure restrittive a Pino Maniaci e delle accuse contestate dalla Procura della Repubblica di Palermo. Abbiamo visto e sentito pezzi delle intercettazioni....inutile dire che mentre su alcuni aspetti è corretto lasciare la parola alla magistratura e alla difesa, su altri ci si può esprimere da subito. Ed è per questo che l'Associazione Antimafie "Rita Atria" ha convocato con la massima urgenza il direttivo nazionale che si svolgerà a Bari nel fine settimana. Al momento, non abbiamo altro da aggiungere.


Associazione Antimafie "Rita Atria"

Da admin Il 08/04/2016 08:59


L’Associazione Antimafie Rita Atria è da sempre un’associazione impegnata per la difesa della democrazia, la cittadinanza attiva e l’antifascismo. Un antifascismo che non è retorica nostalgia ma da interpretare come impegno concreto, quotidiano, vivo e attivo per i fortissimi ideali che hanno animato i partigiani di ieri e di oggi. L’Italia, la storia di questi decenni ne ha dato continuamente dimostrazione, non è mai stata una democrazia compiuta. Ma in questi ultimi decenni la situazione è drammaticamente precipitata, con una crisi totale degli istituti democratici accompagnati da una apatia vorace nei confronti della partecipazione popolare dei cittadini. Sono stati demoliti progressivamente diritti acquisiti, mentre altri vengono continuamente negati. Non ci possiamo, anzi non dobbiamo, arrenderci a questa deriva. A partire dal referendum del prossimo 17 aprile, nel quale come già espresso pubblicamente sosteniamo un si forte e convinto, e dal referendum dell’autunno prossimo nel quale auspichiamo...
Da admin Il 07/04/2016 13:17

La strage di Ustica ispira registi, scrittori e giornalisti tranne che la Verità e la Giustizia.

Mario Alberto DettoriNon desideravamo intervenire sull’uscita di questo film anche perché non lo abbiamo ancora visto ma siamo costretti ad intervenire su un capitolo vergognoso, almeno per noi, del giornalismo italiano che nel tentativo di spiegare ben 16 motivi per non andarlo a vedere mortifica e offende Vittime e famiglie di queste ultime. Ci riferiamo all’articolo del sig. Rocca (http://www.iltempo.it/cronache/2016/03/30/sedici-buoni-motivi-per-non-vedere-il-film-ustica-di-renzo-martinelli-1.1523684) apparso su “Il Tempo”.  Ovviamente all’articolo non è allegato il Curriculum del sig. Rocca (ha riesumato antiche e dimostrate bugie dell’Amministrazione Aeronautica) quindi non ce ne voglia se gli faremo notare in questo nostro comunicato la sua palese ignoranza.[...]

Da admin Il 23/03/2016 17:00

 

L'Associazione Antimafie Rita Atria sostiene e partecipa ai comitati locali impegnati per il Si al referendum del prossimo 17 Aprile e invita tutti a questo impegno democratico e in difesa dei nostri territori

Da admin Il 13/03/2016 10:39

[...]Ma a noi, complottisti della prima e dell'ultima ora, non piace proprio questo ironizzare del Magistrato sui Servizi, sulla Spectre e su Paperinik (responsabili forse di aver sparso reperti attorno al luogo dell'attentato?), mentre altri cercano di capire la reale dinamica di una strage efferata, mentre si cerca di arrivare alla Verità ultima ed Unica (come è sempre della Verità) per la morte di un Magistrato di sua moglie, e di tre uomini della loro scorta. Anzi un simile ironizzare ci offende e ci fa sentire umiliati, in un Paese nella cui dignità non vorremmo perdere fiducia, nonostante tutto, nonostante tutti.[...]

Da admin Il 10/03/2016 12:38
Notizia Last Minute. Notificata oggi ad una serie di soggetti tra cui la nostra Associazione (Antimafie Rita Atria) decreto di citazione diretta a giudizio avanti il tribunale di Caltagirone in relazione al procedimento sul MUOS di Niscemi. In altre parole il MUOS è pubblicamente sotto processo. (prima udienza 20 maggio)

Una notizia che ci riempie di soddisfazione e che premia l'impegno dell'Associazione Antimafie "Rita Atria" a tutela della Pace, della salute pubblica e dell'Ambiente.

Altri soggetti definiti parte offesa: Comune di Niscemi  Regione Siciliana  Associazione Antimafie Rita Atria  Ass. Movimento NO MUOS Sicilia  Legambiente  Giuseppe Maida

...
Da admin Il 26/02/2016 07:58

Più in basso di così non si poteva arrivare.
Non parleremo d'Amore, termine ormai svilito, deprivato della sua grandezza, martoriato, denigrato, ridotto alla mera capacità di poter sfornare o meno figli in maniera meccanica, come se la famiglia si possa definire tale solo se composta da individui in possesso di vagine funzionanti e di spermatozoi attivi e da prodotti di copulazioni secondo “natura”.

E non lo vogliamo fare proprio per il rispetto che portiamo al significato profondo di questo sentimento, che resiste nonostante tutto e grazie al quale nessuno potrà mai fermare chi sceglie di amarsi.

No.

[...]

Da admin Il 02/02/2016 17:48
L’esito del referendum di domenica 31 gennaio che, nonostante una schiacciante vittoria del No, ha tuttavia registrato un’affluenza solo del 42,9 per cento nel comune più importante, San Filippo del Mela, determinandone quindi l’invalidità e quindi la conseguente inutilità, per il mancato raggiungimento del quorum, ha evidenziato come un certo modo di organizzare passerelle mediatiche e “chiamate alle urne” ha unicamente prestato il fianco a strumentalizzazioni politiche e puntato a dividere il fronte delle opposizioni.
Da admin Il 02/02/2016 13:41

Sandro MarcuccciUn nuovo 2 Febbraio a scandire il passare inesorabile del tempo e confermare l'impunità in questo Paese di corrotti, stragisti,

affiliati a cosche e conventicole per l'esclusiva ed ossessiva ricerca del potere.

Un altro 2 Febbraio molto probabilmente senza Verità e Giustizia per Alessandro Mrcucci e Silvio Lorenzini, senza una verità certificata
su quella firma di Pertini, perché tutto rimanga nel buio e nell'indicibile e dell'inconfessabile. Per queste due vicende ma anche
per tutte le altre che le fanno da corollario.
Da admin Il 25/01/2016 10:40
L’Associazione Antimafie "Rita Atria" esprime  grande soddisfazione per il dispositivo con il quale la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso dell’Avvocatura dello Stato sul sequestro del MUOS e ribadisce che il Muos è e rimarrà assolutamente abusivo, anche dopo la sentenza non definitiva del CGA e qualsivoglia sia  l’esito di quella pantomima che sembra essere diventata la verificazione.
Da admin Il 19/01/2016 09:17

Leggiamo dalla Gazzetta di Lucca nell'articolo dal titolo "Ciancarella aveva ragione: era falsa la firma di Sandro Pertini sul suo decreto di espulsione dall'Aeronautica Militare" anticipazioni circa la perizia affidata dal tribunale di Firenze sulla vicenda della radiazione di Mario Ciancarella dall'Aeronautica Militare. Articolo ripreso anche da un sito "nonsolomarescialli".[...]

Da admin Il 15/01/2016 10:10
MUOS: l'Associazione Antimafie Rita Atria denuncia alla Procura di Caltagirone le incongruenze della Verificazione


In relazione al rinvio delle operazioni  di verificazione del MUOS di Niscemi,  disposte di concerto dalla Prefettura di Caltanisetta unitamente al collegio dei verificatori, l’Associazione Antimafie Rita Atria, esprime preoccupazione nel constatare  che neanche gli stessi verificatori  vogliono assumersi la responsabilità di decidere ed indicare quali siano le misure opportune da adottare  per la tutela dell’incolumità e della salute pubblica.[...]
 

Da admin Il 08/01/2016 11:20

A proposito del “caso tenda all’università“ di Messina, l’Associazione Antimafie Rita Atria, anche se in maniera informale attraverso le parole condivise di un membro del Direttivo, ha sin dall’inizio espresso solidarietà ai due attivisti Irene Romano e Sergio Runci.

Come si ricorderà la mattina del 31 agosto 2015, a seguito dell’intervento dei vigili urbani, presso l’aiuola antistante l'Università centrale, al fine di rimuovere una tenda installata da alcuni dimostranti, si ebbero momenti di tensione che si conclusero con l’arresto dei due attivisti con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto di indicare le proprie generalità, lesioni aggravate, oltraggio a pubblico ufficiale.
Alle luce delle motivazioni della  sentenza depositata in questi giorni non si può che confermare, stavolta formalmente, la solidarietà già espressa, confidando che alla fine del processo i due attivisti vengano definitivamente assolti anche per i residui reati che li vedono ancora imputati.
Ma le motivazioni  della sentenza debbono far compiere delle ulteriori riflessioni che non attengono solo alla posizione processuale di Irene e Sergio.[...]

Da admin Il 12/12/2015 09:37

[...] Questa è la nostra Memoria Attiva di una Vittima che attende che sia fatta Piena Giustizia: Graziella Campagna 17 anni vittima di mafia.

Graziella Campagna
Noi dell'Associazione Antimafie “Rita Atria” ricorderemo Graziella in questo triste anniversario lontano dai riflettori e dalle passerelle di una politica dalla quale attendiamo una presa di posizione sul contesto istituzionale e politico e sulla masseria di don Santo.
Ed è proprio questo che vogliamo ricordare alla politica che oggi "partecipa"... a 30 anni dalla morte di Graziella. [...]
Da admin Il 08/12/2015 11:50
L’Associazione Antimafie Rita Atria sarà presente al processo a sostegno del giornalista Mazzeo – che sarà difeso dall'avvocato Carmelo Picciotto, che è anche legale dell'Associazione. Confidiamo che verrà fatta giustizia nel nome della libertà di informazione e del diritto di cronaca perché troppo spesso la stampa libera è sotto attacco di querele e minacce, non per ottenere rimedio a un torto subito, che qui non c’è stato secondo il pm, ma per intimorire con lo spauracchio del risarcimento danni chi cerca di raccontare la verità.
Da admin Il 18/11/2015 09:06
Oggi l’Associazione Antimafie Rita Atria ha presentato al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il proprio documento di osservazioni e opposizione al progetto di riconversione della centrale termoelettrica di San Filippo del Mela di proprietà della società Edipower/A2A.
Da admin Il 13/11/2015 12:44

Che in Italia si preferisca commemorare i morti piuttosto che tutelare i vivi è ormai un dato di fatto incontrovertibile; d'altronde i vivi disturbano, parlano, criticano, lottano per la legalità, mentre i morti, invece, consentono passerelle, belle parole, slogan, comizi e portano voti.

            Ci sembra impossibile poter fare memoria di Falcone, di Borsellino e di tanti altri servitori dello Stato se poi si ignora e si condanna al silenzio chi proprio in questi anni sta proseguendo il loro lavoro, conducendo le stesse battaglie, esponendosi agli stessi rischi e ricevendo le stesse delegittimazioni, le stesse minacce.[...]\

Da admin Il 09/11/2015 20:28
L'Associazione Antimafie Rita Atria ritiene che la Spa Tirrenoambiente (capitale misto pubblico-privato con prevalenza di capitale pubblico) vada sciolta. Si ricorda che tra gli azionisti privati la Tirrenoambiente annovera alcuni dei più grossi gruppi industriali nel settore dei rifiuti, come Gesenu (10%), Ederambiente (21%), A2A (3%) e altre società fino a raggiungere il 49% del pacchetto azionario.
Da admin Il 03/10/2015 12:09
In relazione alle notizie di stampa  relative ad una aggressione omofoba  accaduta in provincia di Catania che avrebbe visto autore e responsabile  un Carabiniere in servizio  presso la locale  stazione dei carabinieri, l’Associazione Antimafie "Rita Atria" non può che ribadire  che l’omofobia,  come ogni forma di aggressione  e violenza compiuta nei confronti di chi viene additato come diverso e in ogni caso contro i soggetti più deboli, donne, bambini, è un crimine  contro l‘umanità, un abominio assoluto.
Da admin Il 25/09/2015 12:58

Lo scorso 18 settembre la società Edipower SpA ha depositato presso il Ministero dell'Ambiente la documentazione per la pubblica consultazione, relativa alla "Procedura di valutazione di impatto ambientale" per ottenere l'Autorizzazione integrata ambientale (procedimento congiunto VIA-AIA) dal Ministero dell'Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, relativa al progetto "Centrale Termoelettrica di S. Filippo del Mela (ME): progetto Impianto di Valorizzazione Energetica CSS, proponente Edipower SpA".  

Da admin Il 09/09/2015 16:59

Lo scorso 8 luglio il Giudice per le indagini del Tribunale di Patti, dott.ssa Ines Rigoli, ha rigettato la richiesta di archiviazione della querela intentata dal Comune di Falcone nei confronti di Antonio Mazzeo, ordinando di formulare l’imputazione a carico del giornalista, il Pubblico ministero ha pertanto disposto la citazione a giudizio per il reato di cui agli artt. 81 e 595 comma 3 del codice penale, fissando l’udienza davanti al Giudice di Patti per il 10 dicembre 2015. 

Da admin Il 08/09/2015 13:00

L’Associazione Antimafie Rita Atria – da oltre vent’anni presidio di legalità sul territorio – ha sempre denunciato in tutte le sedi opportune ogni fenomeno di corruzione, malaffare o connivenza mafiosa. Nello specifico il territorio della zona tirrenica della provincia di Messina – come ampiamente dimostrato dagli organi competenti – è caratterizzato da una forte presenza mafiosa e da una diffusa connivenza tra le consorterie mafiose e la politica.  

Da admin Il 08/09/2015 11:54

Per senso di opportunità e rispetto di tutte le parti, in primis la Magistratura,   allorquando deposito un esposto  evito qualsiasi ulteriore commento, in attesa delle statuizioni dell’Autorità alla quale mi sono rivolto.

Per una volta  e anche nell’interesse  della mia assistita, l’associazione antimafie Rita Atria,  ritengo di dover  fare alcune precisazioni, senza alcuna polemica,  alla luce delle dichiarazioni del SiG. Presidente del Consiglio  Giustizia Amministrativa. Raffaele Maria De Lipsis.

Da admin Il 07/09/2015 09:41

Oggi (7 settembre 2015) l’Associazione Antimafie Rita Atria, tramite il proprio difensore avvocato Goffredo D’Antona, ha depositato un esposto alla Procura della Repubblica di Palermo nei confronti di  Marco Lipari e Gabriele Carlotti, rispettivamente Presidente del Collegio del Consiglio di Giustizia Amministrativa ed estensore della sentenza, non definitiva,  sul MUOS  per verificare la sussistenza del reato di abuso in atti di ufficio ex art. 328 C.p. [...]

La denunzia scaturisce dalla lettura della sentenza non definitiva del CGA depositata il 3 settembre 2015 con la quale, tra l’altro, veniva ordinata una nuova verificazione riguardante la costruzione ed il procedimento amministrativo del MUOS di Niscemi.

Da admin Il 03/09/2015 22:50
In data odierna (3 settembre, ndr) il CGA ha depositato la Sentenza n. 581/2015 relativa alla vicenda del MUOS di Niscemi. Si tratta di una Sentenza non definitiva con la quale accoglie parzialmente sia Motivi d’Appello del Ministero della Difesa, sia motivi di appello incidentale del Comune di Niscemi e di Legambiente.

In estrema Sintesi, il CGA, pur riconoscendo l’invalidità della cosiddetta “revoca delle revoche” del governo Crocetta del luglio 2013 annulla le revoche (correttamente qualificate dallo stesso CGA come annullamenti d’ufficio) del marzo 2013 sulla scorta della considerazione che il governo regionale non avesse compiuto una sufficiente istruttoria sull’effettiva carenza degli studi sugli effetti del Muos su salute umana ed ambiente, tale da giustificare gli atti di annullamento.

Quindi, per il Consiglio di Giustizia Amministrativa restano da esaminare le questioni riguardanti i vizi delle autorizzazioni originarie (del giugno 2011) denunciati dalle parti ricorrenti ed al riguardo ritiene...
Da admin Il 03/08/2015 10:50

Pubblichiamo la richiesta di replica sulle Considerazioni su articoli apparsi sul Corriere della Sera a firma Angelo Panebianco e     Maurizio Caprara sul tema del MUOS e sul pronunciamento del Generale Arpino sullo  stesso tema e tenore alla emittente Formiche.net.

Consapevoli che mai ci daranno spazio... mettiamo a disposizione le nostre analisi... 

Da admin Il 29/07/2015 11:48
Stefania Mulè La tappa del viaggio con Rita Atria e Stefania Noce  volge al termine e occorre ripartire e rimettere lo zaino sulle spalle portando con sé il diario e le immagine di nuovi vissuti. E quando si riparte occorre salutare e ringraziare chi ha permesso che la sosta diventasse nuova ripartenza e non riposo senza Memoria.

Ma non sempre chi viaggia è un viaggiatore, è chi ti fa “volare” che trasmette le energie nuove permettendoti di ripartire e così non possiamo prescindere da alcuni ringraziamenti. 

Ringraziamo l’immaginARTE, l’ARCI Palermo, SEN e Casablanca per aver condiviso una esperienza meravigliosa… 

Ringraziamo in particolare Stefania Mulè perché...
Da admin Il 14/07/2015 17:57
In data 13.07.2015 il G.I.P. del Tribunale di Massa, dott. Ermanno De Mattia, ha rigettato la richiesta di archiviazione da parte del P.M. del procedimento penale a carico di ignoti per il reato di cui agli artt. 81 cpv e 575 cp commesso il 02.02.1992 e il 05.03.1992 ai danni di Marcucci Alessandro e Lorenzini Silvio.
Il Giudice, accogliendo l'atto di opposizione alla richiesta di archiviazione suddetta, depositato dal difensore della famiglia Lorenzini e dell’Associazione Antimafie Rita Atria, Avv. Goffredo D'Antona, ha disposto quindi, nuove indagini, avendo valutato che vi siano ancora in essere possibili nuovi spunti investigativi su aspetti poco chiari della vicenda avvenuta a Campo Cecina 2 febbraio 1992.
Da admin Il 10/07/2015 16:33

PALERMO: 25 luglio 2015, Giardino dei Giusti - via Alloro 

26 luglio 1992 –26 luglio 2015. Ventitre anni da quel Volo. Ventitre anni in cui la Memoria di Rita Atria ha resistito all’oblio, alla retorica, al ricordo che non fa Memoria ma che annulla le Idee spesso trasformandole in candele artificiali che si spengono e si accendono in cerimoniali stanchi. Idee filtrate in base alle circostanze.
Per noi Memoria Attiva significa innanzitutto parlare della Vita, delle Idee, delle paure di un Viaggio seppur breve su questa Terra ma infinito nell’Universo “altro”. E in questo Universo “altro” si incontrano realtà che senza Rita, Stefania, Paolo, Giovanni, Adolfo, Pippo, Graziella, Sandro… non si sarebbero mai incontrate. Così abbiamo pensato ad un dialogo ideale tra Rita Atria e Stefania Noce attraverso un Viaggio di Idee, Sogni e Speranze che raccontano innanzitutto le loro Vite. In questo modo ricordare la loro “partenza” diviene pietra miliare che segna Impegno; specchio della propria coerenza.

Da admin Il 02/07/2015 14:21
Si è conclusa l’udienza avanti al GIP del Tribunale di Massa inerenti la richiesta della Procura di ulteriori termini di indagine relative alla morte (Campo Cecina 2 febbraio 1992) del Tenente Colonnello Alessandro Marcucci e dell’avvistatore Silvio Lorenzini.

Il difensore della famiglia Lorenzini e dell’Associazione Antimafie Rita Atria, Avv. Goffredo D’Antona, ha ribadito: la fondatezza Alessandro Marcuccidell’esposto con il quale è stato riaperto il caso, l’inconsistenza scientifica di quella che è stata definita dagli organi di stampa la “super perizia” e soprattutto la necessità di sviluppare ulteriori indagini alla luce delle controperizie presentate dai consulenti dell’Associazione Antimafie “Rita Atria”.

L’Avv. D’Antona ha sottolineato nello specifico come alcune affermazioni contenute nella perizia dei consulenti della...
Da admin Il 27/06/2015 09:43
Il Sindacato Autonomo di Polizia (SAP) ha fatto pubblicare su alcuni quotidiani una intera pagina per stigmatizzare la possibilità di istituire nel nostro ordinamento il reato di tortura, sostenendo che esistono già previsioni di reato (violenza privata e simili) che consentirebbero di reprimere atti violenti consumati eventualmente da operatori delle Forze dell'Ordine. In esso si sostiene che per le vicende della Caserma Diaz la mancata punizione dei responsabili sarebbe da attribuire solo ai tempi di prescrizione eccessivamente brevi rispetto alla lungaggine dei nostri processi e non all'assenza della fattispecie di reato di tortura.
Da admin Il 24/06/2015 20:34

Iniziative da parte di un ente pubblico volte a “valorizzare il patrimonio paesaggistico, culturale e storico”, favorendo “iniziative di spettacolo e culturali”, dovrebbero sempre essere ispirate dal presupposto fondamentale che vi sia un sostanziale equilibrio tra entrate e uscite e che, soprattutto, queste ultime non gravino sulla collettività.

Da admin Il 06/06/2015 11:26

Nel precedente comunicato stampa congiunto, Zero Waste Sicilia e le altre associazioni ambientaliste ed antimafia firmatarie hanno stigmatizzato l’idea del presidente Crocetta di trasformare i rifiuti in combustibile pulito (il CSS). Non solo perché non esiste il combustibile pulito, specialmente se solido, ma soprattutto perché si reitera un comune errore della politica italiana, ovvero trasformare RISORSE PUBBLICHE – quali sono i rifiuti! – in lucro di pochi potenti (i padroni delle discariche e degli inceneritori).

Da admin Il 03/06/2015 11:45
COMUNICATO STAMPA

Gentili redazioni,

all'indomani delle commemorazioni del 23 Maggio u.s. in memoria delle vittime della strage di Capaci, tenutesi nella città di Bari alla presenza del Sindaco Antonio Decaro in Viale Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, 

l’Associazione Antimafie “Rita Atria” – Presidio di Bari ha inviato una lettera al Sindaco in cui ricorda che in data 18 Aprile u.s. questa Associazione ha omaggiato i cittadini e le cittadine baresi consegnando all'Amministrazione comunale uno striscione con la scritta:  “BARI CONTRO TUTTE LE MAFIE. Solidarietà al PM Antonio Di Matteo e al pool antimafia”  chiedendo che fosse esposto dai balconi di Palazzo di Città, certa di fare cosa gradita e di incontrare il parere positivo di questa Amministrazione.

A distanza di un mese, atteso invano una risposta, denunciamo...
Da admin Il 31/05/2015 11:20
Le associazioni ambientaliste e antimafia sottoscritte, che da anni denunciano le illegalità perpetrate anche con il silenzio e l’avallo della regione Sicilia, rivolgono questo appello al Governatore e alla sua Giunta, distratta in merito alle normative europee sulla gestione dei rifiuti.
Da admin Il 30/05/2015 18:05
Ai Rappresentanti de

                                                                       LE  FORZE  POLITICHE PARLAMENTARI

                                                                       della REPUBBLICA  ITALIANA

                                                                       da Associazione Antimafie “Rita Atria”

Oggetto: Dichiarazioni alla stampa della Console Generale Statunitense sulla questione MUOS.

Egregie/i Signore/i Parlamentari,

                                                   Non sappiamo se, nelle convulse circostanze alla vigilia del voto popolare - espressione massima della sovranità popolare costituzionale non limitata di questo Paese - abbiate avuto modo di fare attenzione alle dichiarazioni contenute nell'intervista – (http://www.lasicilia.it/articolo/muos-il-console-usa-gamba-tesa-ora-pi-attenzione-e-meno-pazienza)...
Da admin Il 28/05/2015 10:32
Goffredo D'Antona e Nadia FurnariIl GIP del Tribunale di Palermo, ha nuovamente rigettato la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Palermo in relazione alla denunzia avanzata dall’associazione antimafie RITA ATRIA relativa alla revoca della revoca delle autorizzazioni regionali sul MUOS di Niscemi. Nel  luglio 2013  l’associazione RITA ATRIA  denunziava il dirigente regionale Gullo, per falso ideologico e abuso in atti di ufficio,  il quale estrapolando e decontestualizzando una parte della relazione dell’  Istituto  Superiore della Sanità ( ISS),  attribuiva a questo ente  una affermazione di assoluta non pericolosità del sistema MUOS. Vi era stata un prima  richiesta di archiviazione della Procura di Palermo alla quale l’associazione a mezzo di Nadia Furnari componente del direttivo nazionale, e del proprio difensore avvocato...
Da admin Il 27/05/2015 21:31
Si svolgerà domani (28 maggio) davanti al Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, in composizione collegiale la seconda udienza dibattimentale del processo contro Leopatri +12.. per i fatti relativi all'approvazione del piano per il Parco Commerciale della Di.Be.Ca società riconducibile alla famiglia di Rosario Pio Cattafi. 

Ricordiamo che nel maggio del 2014 il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) ha accolto la richiesta di costituzione di parte civile dell’Associazione Antimafie “Rita Atria” nel processo sul parco commerciale istruito, quest’ultimo, a seguito dell’inchiesta scaturita da un nostro esposto che provocò, fra l’altro, nel 2012, anche l’accesso al comune di Barcellona Pozzo di Gotto della Commissione Prefettizia per la verifica di eventuali infiltrazioni mafiose.  

Associazione Antimafie “Rita Atria”  

Ringraziamo...
Da admin Il 27/05/2015 10:56


L’Associazione  Antimafie "Rita Atria" diventa sempre più grande.  E’ con orgoglio che diamo il benvenuto nella nostra  impegnativa famiglia ai nuovi soci, che a Sciacca hanno fortemente voluto l’apertura del nuovo presidio. Sciacca è la città in cui ha studiato Rita Atria e per noi assume quindi un significato particolare.

L’età media dei soci continua ad abbassarsi e ciò ci dà la certezza che il messaggio di Rita troverà sempre nuova linfa vitale per continuare ad essere portato avanti con forza e determinazione, e che quella che per lei era una speranza, ovvero che un mondo onesto potrà un giorno esistere, possa davvero diventare realtà.

Santina Latella

(Presidente dell’Associazione Antimafie Rita Atria)

Il Comunicato del presidio di sciacca

L'Associazione Antimafie "Rita Atria" avrà un nuovo presidio in Sicilia: è quello di Sciacca, in provincia di Agrigento,...
Da admin Il 26/05/2015 13:05

Nadia Furnari... il 28 maggio, Nadia Furnari, come accade ormai da quasi 10 anni, dovrà comparire davanti al tribunale di Messina per la chiamata in giudizio promossa dall’ex Prefetto di Messina, Stefano Scammacca, contro l’Avvocato Repici che, in due lettere rivolte al Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2007, denunciava fatti e circostanze che coinvolgevano lo stesso ex prefetto. Lei, in particolare, è stata citata nel procedimento per una richiesta di risarcimento danni, in quanto accusata di essere, attraverso il sito www.ritaatria.it, l’organo divulgatore delle lettere.

Il 25 novembre 2014 avevamo scritto un comunicato per l'udienza che si sarebbe tenuta due giorni dopo... e che poi è stata rimandata al 28 maggio in attesa di decisioni "tecniche"... Siccome nulla di nuovo è accaduto e volendo comunque dare un segnale di presenza a Nadia, abbiamo pensato di riproporre integralmente il comunicato della Presidente Santina Latella.

Si ringrazia l'Avv. Nino La Rosa per il decennale impegno e per l'immensa pazienza... ovviamente a costo zero (per noi).

Da admin Il 13/05/2015 13:43
In data odierna (13 maggio 2015), l'associazione antimafie Rita Atria, attraverso il sui legali avv.ti Carmelo Picciotto, Goffredo D'Antona e Nino La Rosa, ha depositato querela per il reato di diffamazione aggravata nei confronti di Giuseppe Marano, candidato alla carica di sindaco nella città di Milazzo.

Le motivazioni che ci hanno indotto a questa azione legale sono da ricercarsi nelle gravi espressioni adottate dallo stesso nei confronti di Nadia Furnari, membro del Direttivo Nazionale dell'Associazione, che ne hanno leso il senso di dignità personale, l'onore, il decoro e la reputazione attribuendole un uso strumentale e personalistico del proprio impegno nell'antimafia. Tali affermazioni risultano, inoltre, anche lesive dell'operato dell’Associazione stessa, la quale, nell'esprimere piena solidarietà alla compagna di tante lotte, ribadisce il proprio ruolo in prima linea nella lotta contro ogni forma di illegalità, una lotta di denuncia e non certo finalizzata a scopi personali o per l'accaparramento...
Da admin Il 07/05/2015 09:16
Giuseppe Tusa

In Italia troppe volte gli autori o i responsabili delle Stragi sono rimasti impuniti. Anche per questo oggi 7 maggio 2015 secondo anniversario della strage del porto di Genova dove morirono nel crollo della torre dei piloti nove persone l’Associazione antimafie RITA ATRIA, rinnova al sua vicinanza e la sua solidarietà a tutte le vittime di quella tragedia. Tra queste la mamma di Giusppe Tusa, un ragazzo di Milazzo, di soli trent’anni, Adele Chiello Tusa. A Lei al Suo coraggio alla ricerca della Verità, va tutta la stima dell’Associazione. [...]

Da admin Il 26/04/2015 17:04

Giovanni Lo Porto è morto quattro mesi fa, ucciso come vittima “collaterale” da un drone statunitense in azione contro un avamposto di Al Qaeda

Ora, a fronte delle scuse del Presidente Obama - tardive come l'informazione sulla sua uccisione -, ci si può affrettare tutti alle “dichiarazioni di comprensione” per l'incauto errore compiuto da chi ha diretto il tiro del drone sotto diretta disposizione del Presidente Statunitense. Ci si può affrettare a celebrare questo eroe civile, pienamente consapevole del rischio che correva nel suo impegno pacifico e pacifista. I nostri politici sono infatti campioni della celebrazione retorica e priva di significato e di verità sostanziale... esattamente come fanno con tutte le ricorrenze in cui “piangono” vittime di mafie e isolano chi oggi la combatte senza sconti istituzionali.

Da admin Il 24/04/2015 12:07
Il movimento “No Muos” arriva nelle aule del parlamento europeo di Bruxelles grazie un convegno che ha visto attorno allo stesso tavolo istituzioni regionali, nazionali ed europee tutte insieme a discutere sulla inopportunità della costruzione dell’impianto, insieme ai massimi esperti della questione.
Da admin Il 10/04/2015 10:03
Che in Italia la storia non insegni ormai è cosa nota, indiscutibile.

Che in Italia si preferisca commemorare i morti piuttosto che tutelare i vivi è ormai un dato di fatto incontrovertibile; d'altronde i vivi disturbano, parlano, criticano, lottano per la legalità, mentre i morti, invece, consentono passerelle, belle parole, slogan, comizi e voti. [...]

Da admin Il 08/04/2015 11:32
Stamattina, davanti al GIP Ziino del tribunale di Palermo, si è tenuta l'udienza sulla opposizione alla richiesta di archiviazione del PM sulla denuncia, ad opera dell'Associazione Antimafie "Rita Atria", al dirigente Gullo che ha firmato la revoca della revoca relativa ai permessi  del MUOS. Presenti Nadia Furnari del direttivo nazionale e firmataria della denuncia e l'avvocato Goffredo D'Antona. Un anno fa lo stesso GIP aveva rigettato la prima richiesta di archiviazione chiedendo al PM di compiere specifiche indagini. Nell'udienza è stato evidenziato che, di fatto, sono state disattese le indicazioni del GIP ed è stato evidenziato che il PM non ha valutato la perizia del Prof. D'Amore (consulente del TAR) e le dichiarazioni del Prof. Zucchetti che,di fatto, confermavano la falsità ideologica dell'atto emesso dal Gullo.  Occorre precisare che il PM, nonostante la denuncia contenga nome e cognome della persona che ha compiuto l'atto amministrativo di revoca, ha ritenuto opportuno aprire un fascicolo contro ignoti....
Da admin Il 03/04/2015 17:02
Ottenuto il sequestro del Pilone 40 dell’ Elettrodotto Sorgente Rizziconi, le associazioni ambientaliste alzano il tiro; su iniziativa delle associazioni messinesi si è costituito un Coordinamento Nazionale con comitati presenti su tutto il territorio per combattere i nuovi mostri d’acciaio che Terna vuole diffondere nel paesaggio italiano.
Da admin Il 01/04/2015 15:30
l'Associazione Antimafie "Rita Atria" apprende con orgoglio che ha ancora senso credere nelle istituzioni. Il MUOS è stato sequestrato. Le nostre denunce avevano un fondamento. A dirlo la procura di Caltagirone. Adesso i poteri non si arrenderanno perché nel giro di due mesi il Movimento NO MUOS fatto di gente normale e una piccola associazione antimafie che esiste da 21 anni... hanno vinto sul colosso mondiale bellico USA.

Grazie al nostro avvocato Goffredo D'Antona, a Nadia Furnari che ha firmato tutte le denunce, agli Avv. Nello Papandrea, Paola Ottaviano, Nicola Giudice che supportano l'azione di denuncia del movimento. Grazie ad Antonio Mazzeo per aver denunciato in tempi non sospetti cosa stava nascendo a Niscemi; grazie ai Prof. Zucchetti e Coraddu.... grazie ai ragazzi di Niscemi, alle Donne NO MUOS, alle mamme NO MUOS,... grazie a quei tanti che non abbiamo elencato e che ci hanno creduto.Cosa proviamo in questo momento?

UNA GRANDE EMOZIONE!


Ci vediamo il 4 aprile a Niscemi. Sarà una GRANDISSIMA FESTA!

Da admin Il 22/03/2015 00:22
Il racconto dell'insolita sosta della candelora dei fruttivendoli - uno dei cerei che accompagna Sant'Agata durante la festa della patrona di Catania - nei pressi dell'abitazione di un boss. Un articolo che è costato una querela a due giornalisti della testata online MeridioNews, Luisa Santangelo e Dario De Luca. A sporgerla per diffamazione aggravata è l'associazione Cereo degli ortofrutticoli.  A Luisa e Dario va la solidarietà dell'associazione Antimafie Rita Atria. La querela quale tentativo per intimorire è uno strumento da condannare, senza alcuna esitazione. La difesa dei valori di democrazia passa anche da battaglie come queste, a difesa di un giornalismo che deve essere libero. 

Ecco il link all'articolo: http://catania.meridionews.it/articolo/31374/santagata-candelora-ferma-in-via-torre-del-vescovo-annacata-di-fronte-alla-casa-del-presunto-boss-salvo/
Da admin Il 15/03/2015 13:32

Con riferimento alla conferma del sequestro del Pilone 40 da parte del Tribunale di Messina ed alla nota emessa dalla Società Terna S.p.A., acriticamente pubblicata da molti giornali, le associazioni ed i comitati, che dal 2010 contrastano il progetto dell’opera, precisano punto per punto quanto segue:

Da admin Il 14/03/2015 11:45
 

Oggi, 14 marzo, l'Associazione Antimafie "Rita Atria" ha presentato, attraverso il suo legale, Goffredo D'Antona, l'ennesima denuncia contro le illegalità commesse dalle istituzioni per la costruzione e "protezione" del MUOS(riferimento alla sentenza del TAR che ha dato ragione ai NO MUOS e che ha reso immediatamente esecutiva la chiusura del cantiere). Abbiamo ritenuto GIUSTO e doveroso denunciare quelle istituzioni che nonostante abbiano giurato sulla Costituzione stanno umiliando e offendendo quel giuramento. Abbiamo denunciato quella polizia di stato che anzi di identificare chi continua ad operare nel cantiere del MUOS li scorta. A Niscemi la illegalità viene scortata dalla polizia di stato. Ecco perché abbiamo ritenuto doveroso denunciare quella parte di Istituzioni che ha tradito il popolo italiano e il suo giuramento. Alla luce...
Da admin Il 05/03/2015 21:43

Oggi l'Associazione Antimafie Rita Atria, insieme all'associazione Zero Waste Sicilia – cofirmataria della richiesta di audizione presentata lo scorso novembre – è stata convocata, insieme ad altre associazioni ambientaliste, davanti alla IV Commissione Ambiente e territorio dell'Assemblea regionale siciliana.

Il punto all'ordine del giorno era costituito delle problematiche ambientali della provincia di Messina, con particolare riguardo alla valle del Mela e alla discarica di Mazzarrà Sant'Andrea.

Da admin Il 05/03/2015 21:39

 

E’ morto recentemente Carmine Schiavone, il “pentito” della Terra dei Fuochi. Ben 12 sono le pagine che si possono riempire solo con quanto la Commissione Parlamentare che l’audì negli Anni Novanta scrive dell’Abruzzo, delineando anche il quadro dei traffici e degli sversamenti di rifiuti della camorra nella Regione. Passano gli anni ma di questo non sembra essercene conoscenza e conoscenza nella nostra Regione. Intanto la Relazione annuale della Procura Nazionale Antimafia delinea una Regione dove prostituzione, lavoro nero, traffici di droghe sono pesantemente attivi. 

Da admin Il 05/03/2015 14:29

Apprendiamo da un comunicato emesso il 3 marzo dall’ufficio stampa della base di Sigonella, che ogni azione avviene nel pieno rispetto della normativa italiana, compresa la sentenza del TAR e che le attività di collaudo e monitoraggio sono svolte in collaborazione con le autorità italiane. Sottolineano inoltre che gli studi sul MUOS e le antenne NRTF sanciscono che non vi sia alcun pericolo per la salute della popolazione, e che le emissioni delle antenne NRTF non superano i limiti previsti dalla legge. [...]

Da admin Il 23/02/2015 15:55

Oggi 23 febbraio 2015 l'Associazione Antimafie “Rita Atria” attraverso il  suo legale  Goffredo D’Antona ha depositato presso la Procura della Repubblica di Caltagirone, una integrazione  alle denunzie in relazione alla costruzione del  MUOS di Niscemi.[...]

Da admin Il 21/01/2015 21:04
“Il giornalista, seppur utilizza toni particolarmente forti ed espressioni suggestive, a parere di quest’ufficio, non travalica il limite di critica politica/storica posto che nella ricostruzione della storia del Comune di Falcone richiama fatti da sempre ricollegati al paese nonché problematiche sociali che attengono alla realtà del territorio locale”. Così scrive la dottoressa Francesca Bonanzinga, Pubblico ministero del Tribunale di Patti (Messina), nella richiesta di archiviazione depositata il 7 febbraio 2013 nei confronti del giornalista Antonio Mazzeo, querelato dal Comune di Falcone per un’inchiesta pubblicata sul periodico I Siciliani giovani (n. 7 luglio-agosto 2012), dal titolo “Falcone comune di mafia fra Tindari e Barcellona Pozzo di Gotto”.
Da admin Il 27/12/2014 21:49

L’Associazione Antimafie Rita Atria apprende con grande soddisfazione la notizia che la sentenza del Tar di Catania N. 01258/2014 del 24 aprile scorso - che aveva annullato la delibera del Consiglio comunale di Barcellona P.G. n. 59 del 16.11.2009 di approvazione del "piano regolatore particolareggiato della zona territoriale omogenea d.2.3. – parco commerciale" e gli allegati verbali della commissione edilizia n. 58 del 03.06.2008, n. 30 del 14.07.2009 e n. 33 del 21.07.2009 - è diventata definitiva.

Da admin Il 03/12/2014 19:27
l'Associazione Antimafie "Rita Atria", da sempre vicina a Telejato e al suo direttore, Pino Maniaci, esprime solidarietà a tutta la redazione per quello che è avvenuto: sabato avevano dato fuoco alla vecchia macchina; oggi, 3 dicembre, hanno ucciso prima e impiccati dopo, i due cani Billy e Cheri.
Da admin Il 25/11/2014 16:06
Il 27 novembre Nadia Furnari  dovrà nuovamente comparire davanti ad un Tribunale per la chiamata in giudizio promossa dall’ex Prefetto di Messina, Stefano Scammacca, contro l’Avvocato Repici che, in due lettere rivolte al Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2007, denunciava fatti e circostanze che coinvolgevano lo stesso ex prefetto. Lei, in particolare, è stata citata nel procedimento per una richiesta di risarcimento danni, in quanto accusata di essere, attraverso il sito www.ritaatria.it, l’organo divulgatore delle lettere.

Da admin Il 24/11/2014 19:03

Le manifestazioni avranno luogo dalle 16 alle 20  in piazza Stesicoro, lato est , sotto la statua di Bellini.

Il 25 novembre, Giornata dedicata a tutte le donne vittime di violenza, alcuni gruppi, associazioni e movimenti di donne e uomini di Catania hanno deciso di dare vita ad una serie di azioni, performance, reading per ribadire come alla base della violenza fisica e psicologica contro le donne ci sia un modello culturale che giustifica la sopraffazione di un genere sull’altro e un errato sentimento di amore che parla piuttosto di smania di possesso.


Da admin Il 24/11/2014 12:07
Il Pubblico Ministero di Palermo  ha chiesto nuovamente l’archiviazione del procedimento relativo al dirigente regionale della regione Sicilia, che aveva revocato la revoca delle autorizzazioni regionali per la costruzione del MUOS di Niscemi. 
Denunzia presentata nell’agosto del 2013 dall’associazione antimafie  RITA ATRIA. 
Da admin Il 20/11/2014 08:25
Il presidio partannese dell’Associazione Antimafie “Rita Atria” esprime vicinanza a Giuseppe Cimarosa, giovane che si è reso protagonista di un gesto tutt’altro che scontato di condanna nei confronti della mafia.
Da admin Il 17/11/2014 21:00
L’Associazione Antimafie Rita Atria ha incontrato la preside del Liceo Scientifico “Michele Cipolla” di Castelvetrano, Tania Barresi, per avere un chiarimento sulla sua posizione in merito all’intitolazione dell’aula magna dell’istituto a Rita Atria e Peppino Impastato. 
Barresi, insediatasi lo scorso primo settembre quale dirigente, ha dichiarato di non essersi mai detta contraria all’intitolazione dello spazio alle due vittime di mafia – come riportato da più organi di stampa – bensì di essersi attivata per l’esplicamento delle procedure necessarie.
Sebbene la delibera sull’intitolazione fosse stata approvata sul finire dello scorso anno scolastico, sotto il suo predecessore Francesco Fiordaliso, “per il completamento dell’iter sono necessari una serie di adempimenti burocratici”, tra cui la richiesta di autorizzazione al Provveditorato degli Studi. Adempimenti ai quali la preside non si sta sottraendo – abbiamo visionato la documentazione – seppure oberata di lavoro, a causa dell’accorpamento degli istituti scientifico, classico e pedagogico, e di numerose problematiche cui si è trovata a far fronte non appena assunto il nuovo incarico. 
Da admin Il 28/10/2014 22:50
Oggi, nel corso della seconda giornata della missione in provincia di Messina della Commissione nazionale antimafia, presieduta dall’On. Rosy Bindi, si è tenuta l’audizione dell’Associazione antimafie “Rita Atria”. È la seconda volta che l’Associazione antimafie “Rita Atria” viene sentita dalla Commissione. Recentemente sono state recepite alcune nostre proposte in tema di Testimoni di giustizia.[...]
Da admin Il 30/09/2014 06:53

[...] Giudichiamo positivo il fatto che la procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto abbia avviato un’indagine sull’incidente di sabato, che non è isolato, sussistendo diversi precedenti. In un’occasione la perdita di nafta durante il rifornimento da una nave pare abbia portato un’alunna del vicino Istituto d’Arte a ricorrere alle cure del pronto soccorso e altri avevano avvertito nausea 

e bruciore ad occhi e gola, mentre è ancora vivo nella memoria il grave incidente del 1993 che costò la vita a sette operai inceneriti nell’esplosione dell’impianto Topping 4. L’Associazione Antimafie Rita Atria valuterà pertanto ogni possibile azione legale a tutela del diritto dei cittadini di Milazzo e della valle del Mela a vivere in un ambiente sano e pulito.[...]


Da admin Il 19/09/2014 06:35

L'Associazione Antimafie Rita Atria rafforza il presidio in provincia di Messina e modifica l'assetto del coordinamento affidando al direttivo nazionale (Nadia Furnari, Santina Latella, Bruno Rohl e Mario Ciancarella) e ai referenti territoriali la gestione delle attività.

Da admin Il 08/09/2014 10:43

[...] Chiediamo direttamente al Presidente Crocetta il curriculum di Vincenzino Culicchia. Lo chiediamo a Crocetta visto che proprio lui a Gela ha inaugurato, quando era sindaco, la casa di Rita Atria e visto che più volte ha speso parole di elogio per Rita Atria... la Picciridda che accusava proprio Culicchia. Vero, Culicchia è stato assolto. Ma noi abbiamo letto le carte e non possiamo di certo condannarlo sul piano giudiziario ma lo possiamo fare su quello politico. No. Per noi  Culicchia non è un uomo di grande spessore né politico, né umano. Chiediamo al Presidente Crocetta di indicarci lui lo spessore politico e umano. Chiediamo che il Presidente Crocetta vada a cercare lo spessore politico e umano nella Relazione della Giunta per le Autorizzazioni a Procedere dell’11 maggio del 1992 (trasmessa al Ministro Martelli e il 15 giugno 1992 presentata alla Presidenza, nr. 25 di Casablanca). [...]

Da admin Il 07/09/2014 22:05
Anche se con ritardo esprimiamo la nostra indignazione per la mozione votata dal consiglio comunale (in pieno agosto) per l’istituzione di una festa della “famiglia naturale”. Indignazione perché quella mozione contiene palesi elementi di discrimine verso l’intera comunità LGBT che, per il principio induttivo, non è considerata, dai consiglieri che l'hanno votata, “naturale”. 

Potremmo aprire ampi dibattiti su ciò che è naturale o meno. Anche l’intelligenza dovrebbe essere “naturale”, anche la coerenza di un consiglio comunale che vota prima il registro delle unioni civili e poi delibera per la festa della “famiglia naturale” dichiarando la propria “opposizione a qualunque tentativo di introdurre dell’ordinamento giuridico disposizioni normative tali da alterare la stessa natura della famiglia, comprimere i diritti dei genitori....”.... Dovrebbe essere "naturale". 

Da admin Il 06/08/2014 08:10
L’ 8 e il 9 Agosto l’Associazione Antimafie Rita Atria, con il patrocinio del Comune di Milazzo e nell’ambito di “Life in Milazzo 2014” festeggerà i suoi primi vent’anni di “Memoria Attiva”.

La due giorni sarà dedicata a Simona Scibila, una generosissima attivista dell’associazione scomparsa prematuramente nel febbraio scorso, a Salvatore Coppola (editore siciliano scomparso nell’autunno del 2013), all’amico ispiratore Sandro Marcucci e ai tantissimi compagni di viaggio di questi venti lunghi anni di attività. Ma non sarà un ricordo retorico e con lo sguardo verso il passato, non ci sarà alcun reducismo o celebrazione. Perché il vero ventennale protagonista della giornata non sarà quello già trascorso ma quello che verrà. Con l’antimafia sociale, con i Movimenti No Muos, con chi lotta veramente contro tutte le mafie senza opportunismi, con le R-Esistenze vive in quest’Italia sempre meno democratica, con i Movimenti antifascisti (in un Paese dove, come anche l’Associazione ha denunciato molte volte, i fascismi...
Da admin Il 23/06/2014 12:12
L’Associazione Antimafie “Rita Atria”, sta depositando tramite il proprio  legale avvocato, Goffredo D’Antona del foro di Catania denunzia contro il sottosegretario di stato alla difesa on. Gioacchino Alfano per il reato di falso ideologico ex art. 479 C.p..
Da admin Il 22/05/2014 13:01
Dopo il rigetto da parte del Gip di Palermo della richiesta di archiviazione della denuncia di questa Associazione contro il dirigente regionale che aveva firmato la “revoca della revoca” delle autorizzazioni per il Muos di Niscemi, in data odierna il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) ha accolto la richiesta di costituzione di parte civile dell’Associazione Antimafie “Rita Atria”...
Da admin Il 15/05/2014 18:37

Riceviamo, presso lo studio del nostro legale Avv. Goffredo D'Antona (che ringraziamo di vero cuore), la comunicazione che Il Gip del Tribunale di Palermo ha respinto la richiesta di archiviazione formulata dalla Procura sulla denunzia presentata dall’Associazione Antimafie "Rita Atria" contro il dirigente regionale che aveva revocato la revoca delle autorizzazioni regionali relative alla costruzione del Muos di Niscemi.


Da admin Il 26/04/2014 17:42
Questa Associazione apprende con grande soddisfazione la notizia che il Tar ha annullato la delibera del 2009 del Consiglio Comunale di Barcellona Pozzo di Gotto istitutiva del Parco commerciale. Questa sentenza conferma la bontà dell’impianto dell’esposto che il 4/01/ 2011 fu presentato dall’Associazione Antimafie “Rita Atria” e dalla associazione “Città Aperta” al Prefetto di Messina e alla Procura della Repubblica di Barcellona P.G..
Da admin Il 02/04/2014 17:43
Oggi, 2 aprile 2014, l’Associazione Antimafie “Rita Atria” ha provveduto ad inviare al comune di Monforte San Giorgio una richiesta di accesso agli atti su:
Piano regolatore,
situazione lavori del Cimitero,
gestione rifiuti.

[...]

Da admin Il 27/03/2014 21:29
L’Associazione Antimafie “Rita Atria” esprime piena solidarietà al sindaco di Monforte San Giorgio (ME), Giuseppe Cannistrà e all’associazione Gener-azione 98041 alla quale il sindaco appartiene e della quale è espressione politica. I due proiettili fattigli recapitare non sono altro che uno squallido tentativo di intimidazione perpetrato da chi, evidentemente, non si rassegna ad un vero e autentico cambiamento politico-amministrativo, fatto di atti concreti trasparenti e coerenti con i valori di legalità e giustizia. L’associazione Antimafie “Rita Atria” invita il sindaco Giuseppe Cannistrà e i suoi collaboratori a non mollare e a continuare nell’opera di risanamento culturale e politico di Monforte San Giorgio iniziato ben prima della sua elezione a sindaco con le importanti iniziative organizzate dall’associazione Gener-azione 98041 e proseguite con impegno subito dopo il suo insediamento alla carica di primo cittadino. Sappiano gli autori di questo vile atto che il sindaco non ha al suo fianco solo chi, come...
Da admin Il 08/03/2014 20:20
Comunicato stampa: L'Associazione Antimafie “Rita Atria” sul Registro delle unioni civili al Comune di Catania

L’Associazione Antimafie “Rita Atria” chiede al Comune di Catania di istituire al più presto il progettato Registro delle unioni civili, come promesso dal sindaco Enzo Bianco e dalla sua maggioranza durante la campagna elettorale. Vogliamo ricordare in particolare alla maggioranza del Sindaco, scissa proprio su questo punto, che è paradossale rigettare le proposte che partono dalla propria compagine quando già facenti parte di un programma condiviso. Vogliamo inoltre ricordare che l’Italia non è uno stato confessionale, e che non è possibile chiedere a tutte le cittadine e tutti i cittadini di vivere secondo modelli stabiliti in base a credi religiosi. Altrimenti non bisognerebbe nemmeno permettere il matrimonio in sola sede civile, in quanto esso non passa dalla approvazione di una religione.

Nessun diritto delle coppie tradizionali viene leso, se si estendono i diritti anche alle coppie...
Da admin Il 07/03/2014 11:01

Oggi (7 marzo 2014), l'Associazione Antimafie “Rita Atria” attraverso i suoi legali Goffredo D’Antona e Nello Papandrea, ha depositato presso la procura di Caltagirone, una ulteriore denuncia sui nuovi fatti emersi  dai ricorsi pendenti al TAR Palermo.

Già a luglio del 2013 avevamo denunciato che i lavori di costruzione del MUOS fossero iniziati, come da documentazione ufficiale del Program Executive Office (PMW-146 -  organo ufficiale che segue la realizzazione degli impianti) già nel 2009 e quindi, ben due anni prima del rilascio delle autorizzazioni ambientali da parte della Regione Siciliana avvenuto nel giugno 2011.[...]

Da admin Il 07/03/2014 11:01

Oggi (7 marzo 2014), l'Associazione Antimafie “Rita Atria” attraverso i suoi legali Goffredo D’Antona e Nello Papandrea, ha depositato presso la procura di Caltagirone, una ulteriore denuncia sui nuovi fatti emersi  dai ricorsi pendenti al TAR Palermo.

Già a luglio del 2013 avevamo denunciato che i lavori di costruzione del MUOS fossero iniziati, come da documentazione ufficiale del Program Executive Office (PMW-146 -  organo ufficiale che segue la realizzazione degli impianti) già nel 2009 e quindi, ben due anni prima del rilascio delle autorizzazioni ambientali da parte della Regione Siciliana avvenuto nel giugno 2011.[...]

Da admin Il 07/03/2014 11:01

Oggi (7 marzo 2014), l'Associazione Antimafie “Rita Atria” attraverso i suoi legali Goffredo D’Antona e Nello Papandrea, ha depositato presso la procura di Caltagirone, una ulteriore denuncia sui nuovi fatti emersi  dai ricorsi pendenti al TAR Palermo.

Già a luglio del 2013 avevamo denunciato che i lavori di costruzione del MUOS fossero iniziati, come da documentazione ufficiale del Program Executive Office (PMW-146 -  organo ufficiale che segue la realizzazione degli impianti) già nel 2009 e quindi, ben due anni prima del rilascio delle autorizzazioni ambientali da parte della Regione Siciliana avvenuto nel giugno 2011.[...]

Da admin Il 26/02/2014 08:31
2014 - ore 17,30
"Spazio Montegiordano 59" (Via Monte Giordano 59)

Presentazione del libro

"QUELLO CHE RESTA. Storia di Stefania Noce.
Il femminicidio e i diritti delle donne nell'Italia di oggi"
di Serena Maiorana
Da admin Il 11/02/2014 14:01

COMUNICATO STAMPA

Parco Commerciale di Barcellona P.G. : rinviati a giudizio tutti gli indagati.

Il rinvio a giudizio di tutti i 15 indagati  nella vicenda del Parco Commerciale di Barcellona Pozzo di Gotto, una serie di  “colletti bianchi” con in testa l’avv. Rosario Pio Cattafi, conferma le valutazioni espresse dall'Associazione Antimafie "Rita Atria" e dal movimento Città Aperta nell’esposto presentato  nel gennaio 2011. In particolare appare di estrema gravità il fatto che si contesti agli imputati (questo, da ieri ,il loro status),  di aver concorso “nell’ingannare i componenti del consiglio comunale, ingenerando in essi la falsa convinzione della legittimità del Piano  del parco commerciale, determinandone l’approvazione avvenuta con delibera n.59 del 16 novembre del 2009, con un conseguente ingiusto vantaggio patrimoniale a favore della Di.Be.Ca. Sas” società facente capo al “dominus” di tutta l’operazione, l’avv. Rosario Pio Cattafi.  [...]

Da admin Il 08/02/2014 18:58
Da admin Il 06/02/2014 23:35

COMUNICATO STAMPA
L'avviso di garanzia ricevuto da Nadia Furnari, fondatrice di questa associazione nonché membro del consiglio direttivo nazionale della stessa, "avvisata" ai sensi dell'Art.682 cp, per essersi, in concorso con altri, "introdotta arbitrariamente in un luogo ove l'accesso è vietato nell'interesse militare dello Stato e, nello specifico, all'interno della base statunitense "naval radio Transmitter facility (NRTF) d contrada Ulmo a Niscemi (CL), fatti accaduti in contrada Ulmo a Niscemi(CL) in data 09/08/2013"ci indigna e ci induce a fare le seguenti considerazioni...

Da admin Il 26/01/2014 14:22

L'Associazione Antimafie e Antifascista "Rita Atria" conferma il proprio impegno nella lotta contro la militarizzazione del territorio e quindi contro il MUOS. Riteniamo che una associazione come la nostra non possa dietreggiare rispetto a criteri che rispecchiano a tutti gli effetti quelli mafiosi.

Nadia Furnari Associazione Antimafie Rita Atria
Lottare contro le mafie non significa fare le cerimonie o schierarsi solo nelle battaglie che non toccano gli apparati istituzionali, ma significa non fare sconti a nessuno. Veramente. Non a parole.

In quasi venti anni non abbiamo dietreggiato di un solo passo pagando prezzi altissimi. Li abbiamo pagati e li continuiamo a pagare consapevoli che la dignità dell'essere umano non si misura con il numero degli anni vissuti ma con la qualità delle proprie scelte.

Da admin Il 23/01/2014 12:08

In data 26 settembre il PM Pierangelo Padova ha chiesto l’archiviazione della denuncia presentata dall'Associazione Antimafie "Rita Atria"  contro il dirigente  Gullo firmatario dell’atto amministrativo con il quale si revocava la revoca dei lavori del MUOS. Un fascicolo assegnato al PM mercoledì 18 settembre 2013. Il 26 settembre sempre del 2013, ben 7 giorni solari dopo, il Sostituto avanza richiesta di archiviazione al GIP. Ribadiamo: ben sette giorni (week end compreso). Ne prendiamo atto.  Ai cittadini Niscemesi e a quelli siciliani fare le valutazioni… troppo lapalissiane per descriverle. [...]

Da admin Il 19/01/2014 14:01
E alla fine il “Pinelli” è stato sgomberato. Questa mattina un nutrito stuolo di forze dell’ordine (carabinieri e polizia) molti dei quali in assetto antisommossa, ha sgomberato i sei (6) ragazzi che si trovavano dentro la struttura abbandonata della “casa del Portuale” di Messina. Una struttura abbandonata da anni al degrado e “occupata” dai ragazzi del “Pinelli” che ne hanno fatto  un luogo di teatro, di dibattiti, di discussione e confronto politico, insomma ,un luogo di cultura. Ecco, la “legalità” è ripristinata ma è stata uccisa la Giustizia. I proprietari, pubblici o privati che siano, hanno fatto ripristinare la legalità che riporta quei luoghi, cosi come tutti gli altri luoghi circostanti, al degrado e all’abbandono di decenni, eliminando uno dei pochi spazi di democrazia, in una città dove, per esempio,  è legalità ospitare i migranti in tende immerse nel fango. Ci domandiamo se tutto questo sia Giusto. Il confine fra legalità e giustizia si sta sempre più allargando portando il paese verso  una deriva...
Da admin Il 19/11/2013 23:25

Sono stati due giorni intensi il 15 e il 16 Novembre. Due giorni pieni di emozioni,solidarietà, memoria attiva,democrazia partecipata, amicizia. Due giorni nei quali i giovani del presidio barese dell’Associazione Antimafie Rita Atria, insieme ai vertici nazionali della stessa associazione, hanno girato per scuole, librerie, locali di Bari e provincia. Siamo Stati preso gli istituti superiori “Giulio Cesare e “Socrate” di Bari; presso l’Istituto comprensivo “Gramsci -Pende" di Noicattaro (BA); nell’aula consiliare del comune di Rutigliano (BA); [...]

Da admin Il 19/11/2013 21:46

L' Associazione Antimafie "Rita Atria" esprime piena solidarietà e vicinanza a Miriam, esponente dell'associazione stessa, che il 18 novembre scorso, a Palermo, nel corso della manifestazione a sostegno del dott. Di Matteo e dei magistrati del pool del processo Stato-mafia, ha manifestato con forza la propria rabbia nei confronti del governatore Crocetta, invitandolo a vergognarsi per aver detto che nel movimento NO MUOS ci sarebbero infiltrazioni mafiose e per tutti quegli atti che hanno portato alla revoca della revoca (sbloccando di fatto i lavori del MUOS)

Da admin Il 06/11/2013 21:32
Il presidio di Bari dell' Ass.ne antimafie Atria, esprime la piena solidarietà e sostegno ai commercianti e imprenditori che in queste ore hanno deciso di ribellarsi al fenomeno dell'usura, piaga della nostra città.
Da admin Il 30/10/2013 15:13
Ogni vittima ha il volto di Abele. Appello del Centro di Ricerca per la Pace di Viterbo, del Movimento Nonviolento, dell'Ass. Antimafie Rita Atria e di PeaceLink



Il 4 Novembre sia giornata di lutto e di impegno contro ogni guerra

 

Proponiamo che il 4 novembre si realizzino in tutte le citta' d'Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze. Affinche' il 4 novembre, anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre gli esseri umani viventi esprimono, rinnovano, inverano l'impegno affinche' non ci siano...
Da admin Il 22/10/2013 15:06
In continuità con la lotta finora condotta e riconoscendosi saldamente nei valori e nello spirito fondante, l'Associazione antimafie "Rita Atria" sarà presente all'iniziativa "Muos: Sicilia tra ponte di pace e avamposto militare" promossa per il 23 ottobre p.v. Presso la Sala della Sacrestia di Vicolo Valdina dall’Intergruppo dei Parlamentari per la Pace. 

Durante l'iniziativa il Coordinamento regionale dei comitati NO MUOS (con il supporto dell'Associazione antimafie "Rita Atria", COBAS, ARCI e Rete per il disarmo, Legambiente) presenterà una proposta di mozione in cui sono evidenziate le gravi violazioni degli artt 80, 87 e 11 della Costituzione operate mediante i trattati internazionali di concessione di basi militari ed in particolare dal MUOS. 

Con tale mozione, infatti, i proponenti chiedono al parlamento nazionale la non approvazione dei trattati di concessione delle basi militari, a partire dalla base di trasmissione di Niscemi, impianto che, spiega il coordinamento, "non è voluto dalla popolazione...
Da admin Il 22/08/2013 15:45
La  notizia dell'archiviazione delle indagini sulla morte di Attilio Manca ci arriva in un agosto strano dove i colori del mare fanno a pugni con il nero della storia d'Italia. E così, almeno per adesso, Attilio Manca finisce in quell'insieme di suicidati per i motivi più strani. Attendiamo di leggere le motivazioni ma non saremo cauti nel giudizio sin da subito perché le evidenze per sospettare in un omicidio ci sono, eccome.

Ma, come spesso accade, il dolore di una famiglia, la vita di un essere umano non sono mai stati così importanti per quei poteri che dal dopoguerra veicolano la storia d'Italia incanalandola in binari non proprio casuali. L'Associazione Antimafie "Rita Atria" esprime solidarietà alla famiglia Manca, rinnovando l'impegno affinché Attilio possa avere giustizia. Alla politica chiediamo di finirla con i comunicati stampa e di agire nelle sedi opportune quale, ad esempio, la commissione nazionale antimafia....
Da admin Il 19/08/2013 21:41

31 Agosto 2013

25° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI MAURO ROSTAGNO, ASSASSINATO DALLA MAFIA

LA MANIFESTAZIONE SI TERRA' A CATANIA , CAMERA DEL LAVORO,VIA CROCIFERI DALLE 18,30.

Ciao Mauro, manifestazione organizzata dal periodico Casablanca.. Partecipano, Paolo Brogi, Giuseppe Barbera, Rino Giacalone, Giorgio Zacco, Graziella Proto, Lillo Venezia.


Da admin Il 12/08/2013 12:34
Oggi 12 agosto 2013 l’avvocato Goffredo D’Antona, del foro di Catania, ha depositato formale querela contro il Presidente della Regione Siciliana, per il reato di diffamazione aggravata. I fatti si riferiscono alle affermazioni rese dal Crocetta nei giorni scorsi alla giornale on.line la Voce di New York, e ribadite sul giornale La Repubblica, relative a infiltrazione mafiose nel movimento NO MUOS. I denunzianti sono semplici cittadini, giornalisti, professori universitari, componenti di associazioni antimafia, avvocati, artisti, tutti contrari all’installazione del MUOS.


(ovviamente tra i firmatari ci sono esponenti dell'Associazione Antimafie "Rita Atria")

Da admin Il 11/08/2013 16:53

Ciò che il giorno dopo si racconta della manifestazione è importante quanto la manifestazione stessa: il messaggio che i siciliani e, con loro, tanti altri cittadini hanno capito l’inganno e lo respingono. Ci hanno ingannato raccontandoci che la base NRTF di contrada Ulmo fosse una innocua stazione radio: abbiamo scoperto che non è vero. Ce lo hanno detto chiaro e tondo affermando che è un sito di interesse strategico per la difesa degli Stati Uniti. Ci dicevano che è innocua e neanche questo è vero.

Insomma rifiutiamo l’inganno dell’apparato politico-militare mondiale che si esprime per bocca di ministri, generali e colonnelli secondo cui la Sicilia non può sottrarsi alla sua vocazione di portaerei “naturale” nel mediterraneo.

Da admin Il 06/08/2013 09:00
L’Associazione Antimafie “Rita Atria” nei giorni scorsi ha dato mandato al suo avvocato, Goffredo D’Antona del foro di Catania, di predisporre una denuncia contro il dirigente regionale autore della revoca della revoca al MUOS. La denuncia è stata presentata in data 6 agosto 2013 presso la procura di Palermo, il reato ipotizzato è falso ideologico ex art. 479 C.p..

La denuncia segue quella già presentata qualche settimana fa avanti la procura di Caltagirone per omissione d’atti d’ufficio relativa ai mancati controlli sull’inizio dei lavori del MUOS prima delle autorizzazioni regionali.

L’Associazione Antimafie “Rita Atria” conferma così il suo impegno concreto contro il MUOS e sarà presente alla manifestazione nazionale del 9 agosto che si terrà a Niscemi.

Associazione Antimafie "Rita Atria"
Da admin Il 28/07/2013 15:29

Siamo alle solite! Iniziative organizzate da noi e attribuite per il principio della "popolarità" ad altre associazioni... Iniziative antimafiose e politicamente di alto profilo vengono censurate e occultate da una TV di Stato degna di ben altri tempi. Passa la retorica della memoria e passa il pensiero unico e la globalizzazione del pensiero antimafioso. Di seguito la richiesta di rettifica che non ci risulta sia MAI stata fatta.

Da admin Il 16/07/2013 10:43

Stamattina l'Associazione Antimafie "Rita Atria", attraverso il suo legale Goffredo D'Antona ha presentato alla procura di Catania un esposto in cui si richiede l'accertamento dei fatti indicati nell'articolo del giornalista Antonio Mazzeo "Abusivismi USA per il MUOS di Niscemi". 

Nell'articolo si evince che la marina militare statunitense avrebbe avviato i lavori di realizzazione del MUOS prima della firma delle autorizzazioni da parte della Regione siciliana. A fronte di queste informazioni l'Associazione Antimafie "Rita Atria" avendo nel suo statuto tra i suoi obiettivi la  funzione di osservatorio politico-sociale sul territorio, ha ritenuto opportuno chiedere alla magistratura l'accertamento dei fatti ed eventualmente che vengano identificati e penalmente perseguiti i reati connessi.
Da admin Il 26/06/2013 13:58
Casualmente ogni volta che la nostra Associazione manda comunicati stampa in cui chiede l’accertamento delle possibili compromissione tra politica e mafie nel territorio milazzese…. Scatta la lettera anonima indirizzata al nostro Presidente Santo Laganà.
Da admin Il 20/06/2013 11:56
Al momento, e fino agli esiti delle perizie disposte dal Magistrato, sentiamo di dover ribadire che, da parte nostra, non c'è alcun automatismo tra le indagini sulla morte di Sandro Marcucci e Silvio Lorenzini e la strage di Ustica. Si tratta di collegamenti che, per ora, riteniamo strumentali alla caccia di improbabili scoop e che avvertiamo finalizzati anche a colpire l'unità di intenti e di comportamenti dei soci della Associazione Antimafie “Rita Atria”.
Da admin Il 07/06/2013 13:28

COMUNICATO STAMPA,  Avvocati Paola Ottaviano e Sebastiano Papandrea

Oggi, con grande enfasi, la stampa riporta la notizia dell’imminente apertura dell’Aeroporto di Comiso.

Si tratta di uno scalo di grande importanza per la Sicilia, che potrebbe costituire una valida alternativa all’Aeroporto di Catania quando questo è chiuso per emissioni di cenere lavica.

Da admin Il 10/05/2013 07:11
23 maggio 2013 ore 19 
c/o Circolo Arci Arcobaleno - Via Pullino 1, 00154 Roma
 


Presentazione del libro "Passaggio di testimone. Undici giornalisti uccisi dalla mafia e dal terrorismo" (Navarra Editore - 2012, Collana Fiori di campo). I diritti d'autore del libro saranno devoluti alla rivista Casablanca - storie delle città di frontiera, consultabile sul sito www.lesiciliane.org.
Da admin Il 18/04/2013 15:24
L’attentato intimidatorio che ha distrutto i “Magazzini Lea “ di Barcellona Pozzo Di Gotto certifica che siamo in “guerra”. Una guerra condotta a colpi di pistola, teste mozzate di animali , auto bruciate e, ora, l’incendio di ben quattro piani di un magazzino storico. Una “guerra” dichiarata da una criminalità organizzata che, persi, almeno momentaneamente , i propri riferimenti storici, tenta di riprendersi il territorio con il terrore. 
Da admin Il 14/04/2013 11:45
Non possiamo non dire la nostra su ciò che sta succedendo a Trapani, dove Polizia e Guardia di Finanza hanno sequestrato 30 milioni di euro, tra beni e società, agli imprenditori Francesco e Vincenzo Morici, gli stessi che si sono aggiudicati nel 2005 l'appalto per i lavori da fare in vista della “Coppa America”, in tutto 45 milioni di euro; scontato dire che i lavori non sono ancora stati ultimati.
Da admin Il 28/03/2013 20:34
“No alla deriva petrolifera, Sì all'Abruzzo sostenibile”

Decine di organizzazioni, comitati e movimenti lanciano l'appello per la manifestazione regionale del 13 aprile contro i progetti di sfruttamento degli idrocarburi e per la tutela del mare e del territorio.

“No alla deriva petrolifera, Sì all'Abruzzo sostenibile e alla tutela del suo mare” decine di organizzazioni, comitati e movimenti hanno lanciato l'appello per la partecipazione alla manifestazione regionale che si terrà il prossimo sabato 13 aprile 2013 a Pescara con partenza alle ore 15:30 dalla Madonnina al Porto. La scelta del luogo di partenza è altamente simbolica perché sotto attacco è il Mare Adriatico.


Da admin Il 28/03/2013 16:02

"Turbativa d’asta per gravi violazioni alle normative disciplinanti gli appalti pubblici". Pochissime parole in uno scarno comunicato della Guardia di Finanza piombato stamattina nelle redazioni abruzzesi. La cronaca giudiziaria irrompe nuovamente nella storia infinita del dragaggio del porto di Pescara.

Da admin Il 26/03/2013 17:58
L’associazione Antimafie “Rita Atria” esprime  solidarietà al giornalista Leonardo Orlando de “ la Gazzetta del Sud”  per il grave atto intimidatorio del quale è stato vittima. Prima la testa mozzata di un cavallo ad un carabiniere , ora l’automobile bruciata ad un giornalista. E’ una vera e propria strategia del terrore quella lanciata dalla mafia barcellonese, che mira ad intimidire non solo e non tanto le persone direttamente colpite ma soprattutto cio’ che rappresentano. Le forze dell’ordine, l’informazione. 
Da admin Il 25/03/2013 08:27

Giovedì 21, inizio di primavera, ma nell’Italia Istituzionale per la democrazia è pieno inverno. Il procuratore generale della Cassazione ha promosso l'azione disciplinare nei confronti del pm di Palermo Nino Di Matteo. A Di Matteo si contesta l'avere "ammesso l'esistenza delle telefonate tra l'ex ministro dell'Interno Mancino e il capo dello Stato". 

L’Associazione Antimafie Rita Atria esprime la propria solidarietà al PM Di Matteo e a tutti i PM che hanno avuto il coraggio di applicare il mandato costituzionale che “la legge è uguale per tutti”. Oggi siamo legittimati a pensare che se il Capo dello Stato non avesse avuto nulla da temere non avrebbe avuto problemi a diffondere quelle intercettazioni. E invece cosa succede? Si tace di fronte ad una azione disciplinare ingiusta e palesemente punitiva verso chi ha osato fare il proprio dovere. (speriamo che si possa ancora esprimere la propria opinione)
Da admin Il 08/03/2013 07:45
Coordinamento regionale dei comitati NO MUOS Comunicato stampa del 6 marzo 2013

Pacta servanda sunt
I patti vanno rispettati
Vorremmo rivolgerci direttamente al console Moore per ricordargli l’accordo, da lui stesso sollecitato, secondo il quale lui si è impegnato, per conto dell’amministrazione americana, con il presidente Crocetta  e quindi col popolo siciliano, a fermare i lavori dentro la base NRTF di Niscemi. In modo analogo e in virtù di ciò, noi ci siamo impegnati col presidente Crocetta e con le forze dell’ordine, insieme alle mamme No MUOS, a consentire ai militari americani (e solo ai militari) il fisiologico cambio turno. Un cambio che non vorremmo dover impedire per il senso di umanità che nutriamo nei confronti del personale americano esposto, come del resto noi residenti siciliani, ai rischi per la salute e l’integrità fisica che la vicinanza con il micidiale impianto comporta.
Da admin Il 07/03/2013 22:01
7 Marzo 2013 ..... Lo stabilimento di Bari della Multinazionale Bridgestone chiude i battenti, lasciando mille dipendenti e le loro rispettive famiglie senza futuro. Il presidio di Bari dell'Associazione Antimafie Rita Atria esprime la sua solidarietà ai lavoratori, e si unisce alla loro lotta contro una situazione disperata e senza prospettive, che mina i delicati equilibri del rispetto della legalità e dell'onestà lavorativa.
Da admin Il 07/03/2013 21:00
Il presidio di Bari dell' Associazione Antimafie " Rita Atria", si costituisce in data 26/01/2013 ,sposando pienamente lo spirito e il codice etico,che da sempre contraddistingue l'Associazione a livello nazionale.

[...]

Il presidio di Bari, cercherà di sviluppare azioni sul territorio barese attraverso manifestazioni culturali,mostre,concerti, incontri nelle scuole,nelle piazze, cercando di coinvolgere i ragazzi della città di Bari a una coscienza antimafiosa,antifascista e propensa allo sviluppo culturale della stessa.

https://www.facebook.com/pages/Associazione-Antimafie-Rita-Atria-Presidio-di-Bari/129655440548735

Da admin Il 19/02/2013 10:48

L'Associazione Antimafie "Rita Atria" da sempre antifascista lancia l'allarme contro l'escalation neofascista e s'impegnerà per contrastarla, insieme a tutte le formazioni democratiche e antifasciste. In Abruzzo e in tutta Italia.

L'Associazione Antimafie "Rita Atria" da sempre ha nell'antifascismo e nella difesa della democrazia i capisaldi della propria azione e degli ideali a cui si ispira. Una sincera e democratica lotta alle mafie e agli orrori di Stato non può esimersi dalla denuncia e dalla mobilitazione contro i neofascismi, che nella Storia repubblicana italiana (non dimentichiamolo mai!) sono stati anche manovalanza, alleati e saldatura tra organizzazioni criminali e "pezzi eversivi" dello Stato.

Da admin Il 18/02/2013 21:46
L’Associazione Antimafie “Rita Atria”, raccogliendo l’invito rivoltole dal Sottosegretario  di Stato, Prefetto dott. Carlo De Stefano, in occasione dell’incontro del 4 febbraio u.s. presso il Viminale in Roma, ha inviato, in data odierna, alla Sua attenzione e a quella dei suoi più stretti collaboratori, un documento più articolato a sostegno di quanto sinteticamente illustrato nell’incontro di cui sopra, avente come oggetto : “Testimoni di Giustizia – proposte integrazione/modifica legge 45/2001.
Da admin Il 07/02/2013 13:16

Come Coordinamento Regionale dei Comitati No MUOS apprendiamo della decisione del Governo Regionale, presa in seguito alla seduta di ieri delle commissioni dell’Assemblea regionale siciliana all’Ambiente e alla Sanità, di dare mandato all'assessore al Territorio e Ambiente, Mariella Lo Bello, di revocare le autorizzazioni concesse nel giugno 2011 per la realizzazione del MUOS di Niscemi, sistema di antenne e telecomunicazioni satellitare della marina militare Usa.[...]

Da admin Il 07/02/2013 11:40
L’Associazione antimafie “Rita Atria” esprime enorme soddisfazione per l’attenzione e la sensibilità dimostrate dal Sottosegretario di Stato Dott. Carlo De Stefano nell’ascoltare e recepire alcune proposte  e osservazioni in merito alla tematica inerente ai diritti dei Testimoni di Giustizia. Tali proposte e osservazioni sono state presentate al Sottosegretario dall’ Associazione Antimafie “Rita Atria” in un incontro che si è svolto nell’ufficio del Dott. De Stefano presso il palazzo del Viminale in Roma in data 4 febbraio 2013. 
Da admin Il 24/01/2013 20:05

Pochi minuti fa il Giudice di Pace di Reggio Calabria ha emesso la sentenza di condanna nei confronti del Procuratore Generale di Messina Franco Cassata accusato di essere l'autore del falso dossier contro il Professore Adolfo Parmaliana, morto suicida il 1° Ottobre del 2008. A darci la notizia è stata una emozionatissima Cettina Merlino, moglie del prof. Parmaliana. Condividiamo la sua emozione e quella dei tanti onesti che aspettavano questa notizia. Sta finendo un'epoca? Sembreerbbe di si. Intanto esprimiamo la nostra soddisfazione e la nostra vicinanza a Cettina, ai figli ai fratelli e ai familiari tutti del Prof. Adolfo Parmaliana.

 

Da admin Il 23/01/2013 17:45

Ieri 22 gennaio si è tenuta a Niscemi una seduta della Commissione Ambiente dell'Ars, per discutere della questione Muos con il contributo di esperti, comitati NoMuos e cittadini . Alla presenza del presidente Trizzino e dell'assessore all'ambiente Lo Bello, è stata sentita l'esauriente relazione del prof. Coraddu, che facendo seguito a quella già stilata insieme al prof. Zucchetti, ha ribadito tutti i gravi rischi legati al sistema satellitare che gli americani stanno costruendo a Niscemi, fornendo ulteriori preoccupanti considerazioni sugli ultimi aggiornamenti delle rilevazioni ARPAS (ARPA Sicilia).[...]

Da admin Il 11/01/2013 19:19
Associazione Antimafie Rita Atria, comunicato stampa:

Sono tre gli aspetti che maggiormente colpiscono in questa nuova vicenda legata alla questione MUOS:

 Il primo e' il rifiuto intransigente della Politica e dello Stato di aprire un dibattito democratico su questo “mostro” e sulle incidenze che esso determinera' sulla vita personale e di relazione dei Cittadini.

Il secondo e' l'atteggiamento di criminalizzazione di ogni forma, pur pacifica, di antagonismo e contrasto agli indirizzi ed alle scelte politiche.

Il terzo, e peggiore, e' la dimostrazione di una costante svendita di sovranita' del nostro Paese agli interessi di altri Stati e Governi. La medesima che ci ha regalato i successi delle Mafie, le stragi impunite della fine del secolo scorso, e la sudditanza ad un Euro che e' stato accettato e subito come moneta unica senza alcun paracadute di una vera Banca Centrale. [...]


 

Da admin Il 11/01/2013 08:41

Il presidio partannese dell’Associazione Antimafie Rita Atria esprime il proprio dissenso nei confronti della decisione del governo di dichiarare il sito di Niscemi, sede designata per l’installazione del MUOS, “di interesse strategico per la difesa militare della nazione e dei nostri alleati”. Secondo la nota indirizzata al governatore Crocetta dal Ministro dell’Interno Cancellieri, infatti, "non sono accettabili comportamenti che impediscano l'attuazione delle esigenze di difesa nazionale e la libera circolazione connessa a tali esigenze, tutelate dalla Costituzione". Parole che, nei fatti, si tradurrebbero nell’ennesima legittima violazione dei diritti della popolazione siciliana, esposta a comprovati rischi per la salute, minando ancora una volta lo sviluppo economico e sociale di una terra preda di interessi tutt’altro che nobili. [...]

Ultima ora: è passata stanotte la Gru della morte. Attivisti fronteggiati da truppe antisommossa... dopo il 43 la colonizzazione continua con la complicità dello Stato Italiano.

Da admin Il 22/12/2012 22:51

La nostra associazione nacque nel 1994 con l’eco delle bombe ancora risuonante tra le strade di questa disgraziata isola, un frastuono fastidioso, forte ma insignificante al cospetto della dirompente potenza delle idee che uomini, magistrati di questo Stato, hanno affidato e deposto nelle nostre mani come armi di pace per annientare i “vostri” ordigni di morte.[...]

Da admin Il 09/12/2012 11:09

Nadia FurnariEsprimiamo tutto il nostro sostegno a Nadia Furnari (nella foto), fondatrice e anima dell’Associazione Antimafie Rita Atria e da tantissimi anni punto di riferimento dell’intera associazione e di tantissime altre persone impegnate nell’antimafia sociale. Il 13 dicembre prossimo Nadia dovrà comparire in Corte d’Appello di Messina per la chiamata in giudizio promossa dall’ex Prefetto di Messina, Stefano Scammacca, contro l’Avvocato Repici che, in due lettere rivolte al Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2007, denunciava fatti e circostanze che coinvolgevano lo stesso ex prefetto. Nadia Furnari è stata citata nel procedimento per una richiesta di risarcimento danni, in quanto accusata di essere, attraverso il sito www.ritaatria.it, l’organo divulgatore delle lettere.[...]

Da admin Il 22/11/2012 13:30

Il 26 c.m. l'Associazione Antimafie "Rita Atria" con i suoi presidi di Palermo, Catania e Milazzo sarà presente alle 13.00 presso il Tribunale di Cinquefrondi per stare accanto ad Anna Maria Scarfò e per dire a quelle donne che non hanno il coraggio di ribellarsi che "un altro mondo è possibile". Ci saranno anche due donne d'eccezione: Grazie Proto (direttrice di Casablanca) e Michela Buscemi una delle primissime donne Testimoni di Giustizia al maxi processo di Palermo dell'86.

Da admin Il 15/11/2012 09:03
Protocollata ieri la richiesta formale di incontro con il Presidente Crocetta

Ieri mercoledì 14 Novembre abbiamo depositato formalmente  presso l’Ufficio di Gabinetto  della Presidenza della Regione Siciliana la richiesta di incontro col Presidente On. Rosario Crocetta.  Nel corso della recente campagna elettorale l’on. Crocetta ha dichiarato che tra i primi atti della sua eventuale Presidenza ci sarebbe stata la revoca di tutte le autorizzazioni concesse dalla ex Giunta Lombardo per i lavori delle parabole satellitari del MUOS di Niscemi. [...]

Da admin Il 10/11/2012 18:21

Il presidio romano dell'Associazione Antimafie "Rita Atria" esprime grande preoccupazione per la decisione delle autorità di autorizzare il "corteo euroribelle" organizzato dal Movimento sociale europeo e dalle realtà di destra nazionali ed europee, per le vie della Capitale.
Roma, città insignita dalla Medaglia d'Oro alla Resistenza, in continuità con i principi sui quali si fonda la Repubblica italiana e la sua Costituzione ripudia ogni forma di fascismo e di nostalgie di stampo nazifascista.

Da admin Il 28/10/2012 15:28
Il direttivo nazionale di questa associazione, ritiene che l’autorizzazione e l’attuazione della manifestazione in oggetto, prevista a Perugia il 28 ottobre p.v. configuri il reato di apologia del fascismo previsto dalla Legge 20 Giugno 1952, n. 645 (contenente “ Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale , comma primo, della Costituzione che, all’art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque [...]
Da admin Il 18/10/2012 18:11
Il Forum Catanese Acqua Bene Comune presenta una richiesta di incontro e confronto con l’amministrazione comunale (Sindaco, Vicesindaco e Ass. alle partecipate e ai Capigruppo del Consiglio Comunale) per avere delucidazioni sul piano di dismissione totale e parziale delle 12 società partecipate dal comune stesso varato dalla giunta con delibera del 29\09\2012 (si allega il testo della 
Da admin Il 18/10/2012 15:12
Ogni vittima ha il volto di Abele

Appello del Centro di Ricerca per la Pace di Viterbo, del Movimento Nonviolento, dell'Associazione Antimafie Rita Atria e di PeaceLink - Telematica per la Pace 

Proponiamo che il 4 novembre si realizzino in tutte le citta' d'Italia commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze. Affinche' il 4 novembre, anniversario della fine dell'"inutile strage" della prima guerra mondiale, cessi di essere il giorno in cui i poteri assassini irridono gli assassinati, e diventi invece il giorno in cui nel ricordo degli esseri umani defunti vittime delle guerre gli esseri umani viventi esprimono, rinnovano, inverano l'impegno affinche' non ci siano mai piu' guerre, mai piu' uccisioni, mai piu' persecuzioni.

Da admin Il 11/10/2012 17:13

presidio di Partanna (TP)

Con incredulità apprendiamo che la Provincia di Trapani con delibera del 24 luglio 2012 si ritira come parte civile dai processi per mafia (dal processo Rostagno e dagli altri processi per mafia a carico di Matteo Messina Denaro).

Riteniamo che questa decisione sia assurda e istituzionalmente irresponsabile soprattutto perché avviene in un  territorio macchiato da sempre dalle mafie. Un segnale preoccupante nella provincia del mafioso latitante Matteo Messina Denaro.  Oggi, più che mai, è necessario l’intervento e la presenza delle Istituzioni (quindi dello Stato). I cittadini della provincia di Trapani hanno bisogno di segnali politici concreti volti alla tutela della legalità e della giustizia che prendano le distanze da quella politica oggi sotto processo anche a nelle aule di tribunale della provincia.

Da admin Il 08/10/2012 18:21

[...] E’ una regola che dovrebbe valere per tutti i politici e, a maggior ragione per i familiari di vittime di mafia, che meritano il nostro rispetto per un dolore privato nella dimensione e pubblico nel suo valore, ma per i quali non possono esserci “canali preferenziali”. 

Si dimetta da parlamentare e affronti l’eventuale processo d’appello con la serenità di chi non ha nulla da temere. [... ]

Da admin Il 26/09/2012 19:42

[...]Non abbiamo il minimo dubbio  che si tratti di un errore di comunicazione fatto in perfetta buona fede, ma corre l’obbligo di fare la presente precisazione, per il rispetto che si deve agli attuali vertici sanitari dell’ospedale dove il Lorenzini fu ricoverato e  trovò la morte; per il rispetto della magistratura e, infine, a tutela della serietà di questa associazione e della rispettabilità della dott.ssa Furnari e dei soci tutti. [...]

Da admin Il 12/09/2012 11:29

[...]Se, come afferma lo scrittore Eduardo Galeano, "siamo tutti incamminati verso una terra nuova, dove saremo compatrioti e contemporanei di tutti coloro che hanno desiderio di bellezza"  Zona22 è il nostro cammino, è la punta avanzata del cammino comune. Zona22 è il sogno che camminando insieme sta diventando realtà. E la forza dei sogni, una volta che ne abbiamo acquistato la consapevolezza ed hanno vibrato nelle corde più profonde del nostro cuore, farà si che sarà impossibile rubarli o schiacciarli o soffocarli... [...]

Da admin Il 04/09/2012 18:23

I Testimoni Grasso sono tornati a Roma per un nuovo incontro con i vertici del Ministero. Prontamente ricevuti dal dott. Fabrizio Izzo, dirigente della segreteria della Commissione centrale per i programmi di protezione, cui va un sentito ringraziamento per aver autorizzato che alla riunione fossero presenti due membri del presidio romano dell’Associazione Antimafie "Rita Atria", Giuseppe Grasso e Francesca Franzè hanno esposto le proprie problematiche.  

Da admin Il 28/08/2012 08:36

Apprendiamo con sdegno e indignazione del testo dei manifesti affissi dal partito neofascista Forza Nuova. Il partito di estrema destra afferma che ci sono persone, gli omosessuali, che "non servono" all'Italia, a cui invece servirebbero (riprendendo una campagna portata avanti da Benito Mussolini negli Anni Trenta) "figli". [...]

Da admin Il 26/08/2012 23:17

Esprimere solidarietà ad Antonio Mazzeo e alla testata de “I Siciliani giovani” è cosa dovuta, ma non vogliamo limitarci all’effetto, preferiamo analizzare le cause e individuare le storture.

Purtroppo la negazione del male è una storia che si ripete: un giornalista riferisce “fatti” tratti da atti processuali e cita dichiarazioni pubbliche che denunciano la presenza inquietante del malaffare nel tessuto economico-politico di una città e gli amministratori di quella città invece di lavorare alla bonifica e chiedere alla magistratura di non risparmiarsi e di andare fino in fondo… che fanno? Denunciano il giornalista.[...]

Da admin Il 13/08/2012 11:21

In questo clima di esasperato attacco alla Procura di Palermo ed ai Giudici Ingroia e Scarpinato (ma non solo: basterà ricordare l'azione avviata contro i Magistrati Messineo e Di Matteo) noi, come Associazione Antimafie “Rita Atria” riteniamo doveroso esprimere non solo semplice solidarietà a questi Magistrati di frontiera - troppo spesso lasciati soli dallo Stato nelle loro battaglie di Legalità Democratica e di Giustizia, ed oggi addirittura aggrediti dallo stesso Stato - ma cogliere l'occasione per cercare di risvegliare le sopite coscienze del nostro Popolo troppo spesso scippato di memoria e di tensione civile.  [...]

Da admin Il 01/08/2012 22:14
L'Associazione Antimafie Rita Atria, da anni impegnata sui tempi della difesa dei diritti, dell'ambiente e della legalità in tutta Italia, segue con apprensione e sgomento quanto sta accadendo in queste ore a Taranto. Esprimiamo pieno sostegno all'azione della magistratura, intervenuta a difesa della legalità e dei diritti dei cittadini. In questi anni le Istituzioni hanno totalmente fallito il loro compito e, solo oggi, grazie all'azione della Magistratura Taranto assurge alle cronache nazionali.  
Da admin Il 27/07/2012 14:23
Sembra che sul Quirinale Italiano gravi, da Cossiga in poi, la infausta maledizione dell'approssimarsi del semestre bianco quando volge al tramonto l'alto mandato della piu' alta Magistratura dello Stato ed i Presidenti di turno ritengono di potersi e volersi “togliersi sassolini dalle scarpe” contro chi avvertono come avversario politico, di poter urlare “Io non ci sto” per indagini giudiziarie che sfioravano la sua figura in precedenti incarichi da Ministro dell'Interno, o di poter sottintendere come fa oggi il Presidente Napolitano che la morte di D'ambrosio - già affetto da gravi pregiudizi cardiaci - possa essere stata determinata da una “campagna violenta e irresponsabile di insinuazioni e di escogitazioni ingiuriose cui era stato di recente pubblicamente esposto, senza alcun rispetto per la sua storia e la sua sensibilità di magistrato intemerato, che ha fatto onore all’amministrazione della giustizia del nostro Paese”. 
Da admin Il 25/07/2012 13:29

“ Molto spesso le cose erano lì ma non sono state viste”. Facciamo nostre queste significative parole del Procuratore Lo Forte, dette nella conferenza stampa di ieri per descrivere l’operazione Gotha III, che ha visto 15 arresti della mafia barcellonese  fra i quali spicca quella dell’avv, Rosario Pio Cattafi, ritenuto da molti pentiti “il capo dei capi”.

La nostra associazione, insieme ad altre associazioni, da anni le cose le vede e le denuncia. E, dunque, motivo di grande soddisfazione prendere atto della brillante operazione condotta ieri dagli organi inquirenti e dalle forze dell’ordine di Messina.

Da admin Il 24/07/2012 12:59

fonte:centonove

MESSINA. I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Messina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip Massimiliano Micali, su richiesta del procuratore capo Guido Lo Forte e dei sostituti della Dda, nei confronti di 15 persone indagate per associazione mafiosa, omicidio, estorsioni e intestazione fittizia di beni, aggravati dalle finalità mafiose. Sono stati anche sequestrati beni per un valore di oltre 15 milioni di euro.

Da admin Il 24/07/2012 12:43

COMUNICATO STAMPA

RITA ATRIA VENT’ANNI DOPO

Partanna e Roma, le due città che hanno segnato la giovane vita di Rita Atria, unite da un filo invisibile di legalità e resistenza.
L'appuntamento è per il 26 luglio p.v. quando il presidio romano dell'Associazione antimafie Rita Atria ne celebrerà il ricordo nel ventennale della morte con un momento di memoria e testimonianza, ritrovandosi proprio in viale Amelia, dove dal settimo piano di una palazzina anonima Rita spiccò il volo. "Un fiore per Rita - Vent'anni 

Archivio

Archivio
<ottobre 2017>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mese
Vai