Archivio News dell'Associazione Antimafie Rita Atria Archivio News - Comunicato Stampa: Confermata la sentenza di primo grado, del gennaio 2013, che aveva condannato l'ex giudice Antonio Franco Cassata per diffamazione pluriaggravata nei confronti del prof. Adolfo Parmaliana.

Ricerca

View_Blog

Comunicato Stampa: Confermata la sentenza di primo grado, del gennaio 2013, che aveva condannato l'ex giudice Antonio Franco Cassata per diffamazione pluriaggravata nei confronti del prof. Adolfo Parmaliana.

giu 23

Scritto da:
23/06/2015 12:33  RSS

Adolfo ParmalianaIl Tribunale di Reggio Calabria ha rigettato l’appello presentato dall’ex procuratore generale di Messina.

In alcuni passi delle motivazioni di quella sentenza si leggeva come «Adolfo Parmaliana si era creato – a causa del suo valore morale e del suo impegno pubblico – un certo numero di avversari. tra questi avversari c’era sicuramente l’imputato…» e che «…tale ritrovamento [di una carpetta con un’annotazione manoscritta: “copie esposto Parmaliana” nell’ufficio del procuratore generale] è evidente spia di un lavoro di dossieraggio che vedeva l’imputato raccogliere carte per usarle contro la memoria del professore…» «…non vi è dubbio infatti che l’imputato con coscienza e volontà abbia offeso l’onore e la reputazione del defunto prof. Adolfo Parmaliana…», «il contenuto dell’anonimo, contenendo falsità… costituisce un chiaro segno di disprezzo e di offesa alla reputazione della persona verso la quale sono state scritte» «sussiste pure, l’elemento psicologico, essendoci nel Cassata la consapevolezza di ledere attraverso lo scritto la reputazione della persona offesa. anzi, nella specie, appare evidente la sussistenza di una volontà di diffamare, pur non necessaria per l’integrazione della fattispecie de qua, per la quale è sufficiente un dolo generico…».

Siamo vicini a alla famiglia Parmaliana – che è stata assistita in questo lungo processo dall’avvocato Fabio Repici – e alla vedova di Adolfo, Cettina Merlino, la cui presenza nella nostra associazione è motivo di vanto e orgoglio.

La conferma della condanna arriva all’indomani della visita del neo sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto, Roberto Materia, al Museo Etnoantropologico “Cassata”. A ricevere Materia l’ex magistrato e l’intero staff del museo. Visita conclusa con una reciproca volontà di collaborazione nel solco di origini comuni, dando segnali politici netti e – per quanto ci riguarda – offendendo la memoria di Adolfo Parmaliana e dei suoi familiari, facendo nascere non pochi dubbi sulle intenzioni della nuova amministrazione del Longano di continuare quel percorso di trasparenza e rottura con certe logiche del passato, intrapreso dalla precedente giunta Collica, e che aveva visto, tra le altre iniziative poste in essere, l’assunzione del ruolo di parte civile nel processo pendente davanti il tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto relativo alla vicenda del Parco commerciale di Contrada Siena, un percorso che oggi andrebbe completato ponendo in essere tutti gli atti idonei a impedire che altre speculazioni del genere abbiano a verificarsi in futuro.

Associazione Antimafie Rita Atria

Archivio

Archivio
<novembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
Mese
Vai