Archivio News dell'Associazione Antimafie Rita Atria Archivio News - Questa è l'Italia: giornalista denunciato perché ha offeso un mafioso

Ricerca

View_Blog

Questa è l'Italia: giornalista denunciato perché ha offeso un mafioso

feb 3

Scritto da:
03/02/2015 09:30  RSS

Solidarietà al giornalista Rino Giacalone

Apprendiamo che il nostro amico Rino Giacalone è stato denunciato dalla moglie di un mafioso... e che mafioso! per averlo diffamato... è il segno dei tempi... A Rino la nostra massima solidarietà. La solidarietà dell'Associazione Antimafie "Rita Atria" .


fonte: 

http://www.articolo21.org/2015/02/si-apre-oggi-il-processo-al-giornalista-rino-giacalone-per-aver-offeso-la-reputazione-ad-un-mafioso-ed-eccoci-come-promesso-pronti-a-raccontare-uno-dei-tanti-paradossi-del-sistema-giudiziario-italia/

Si apre oggi il processo a Rino Giacalone. Ha offeso la reputazione di un mafioso…

Rino-Giacalone

Ed eccoci, come promesso, pronti a raccontare uno dei tanti paradossi del sistema giudiziario italiano. Oggi, martedì 3 Febbraio, inizia il processo nei confronti del giornalista Rino Giacalone(portavoce del Circolo di Articolo21 di Trapani, ndr), presso il Tribunale di Trapani, accusato di aver offeso la reputazione del boss mafioso di Mazara del Vallo, Mariano Agate.

A rivolgersi ai magistrati è stata la moglie di Agate. La signora Rosa non avrebbe gradito alcune affermazioni rivolte al marito nell’ articolo, firmato dal giornalista e pubblicato dal blog Malitalia con il titolo “Don Mariano Agate è arrivato al capolinea”. Nel pezzo a conclusione di un breve racconto sulla storia personale del boss intrisa di sangue, di morti ammazzati, di tritolo inviato in tutta Italia, si traevano delle conclusioni apostrofandolo come un “pezzo di merda”, proprio sulla scorta delle idee di Peppino Impastato che definiva la mafia “una montagna di merda” e i mafiosi dei “pezzi di merda”.

Proprio il boss mazarese non rappresentava un qualunque affiliato a Cosa Nostra, di lui vi è traccia in molti delitti eccellenti nel trapanese e nei grossi traffici di droga. A detta di molti se non ci fosse stata la famiglia Denaro nel trapanese il ruolo di capo assoluto della provincia sarebbe spettato a lui.
Oggi il giornalista trapanese dovrà rispondere all’accusa di aver offeso la reputazione di Don Agate dinanzi il Giudice Monocratico del Tribunale di Trapani, dott. Visco. Ad assistere Giacalone ci saranno il suo legale Carmelo Miceli e Enza Rando, quest’ultima appartenente all’ufficio legale dell’associazione Libera.

2 febbraio 2015

Archivio

Archivio
<settembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mese
Vai