Archivio News dell'Associazione Antimafie Rita Atria Archivio News - 9 Maggio 1978....9 Maggio 2014. Dedica a Peppino Impastato

Ricerca

View_Blog

9 Maggio 1978....9 Maggio 2014. Dedica a Peppino Impastato

mag 9

Scritto da:
09/05/2014 19:06  RSS

9 Maggio 1978-9 Maggio 2014. Peppino Impastato,vittima di mafia, vittima di uno Stato che troppe volte ha lasciato inascoltato il grido di molti che hanno combattuto il cancro delle mafie. Peppino era uno di quelli che ha combattuto in prima linea  la costruzione della pista di Punta Raisi, al fianco dei contadini e dei più deboli. Peppino era uno di quelli che ha dimostrato con i fatti di volersi distaccare dalle logiche mafiose della propria famiglia. Peppino era uno di quelli che ha ospitato all'interno del proprio circolo, il collettivo femminista e il collettivo AntiNucleare. .....Quanto era avanti rispetto a noi Peppino. Peppino era uno di quelli che si batteva per un voto pulito. Un voto ricco di significato e di speranza. Ecco perché decise di candidarsi al consiglio Comunale di Cinisi, ma il potere criminale aveva già deciso. Aveva ordinato la sua Morte. 9 Maggio 1978. Venne trovato lo stesso giorno Aldo Moro. Che strana coincidenza. Quel giorno i tg erano intasati dalla notizia del ritrovamento del cadavere di Moro, ma di Peppino se ne parlò poco, forse solo a Cinisi. Oggi, Peppino sarebbe schifato dalla classe politica dirigente che ci governa, così come lo era nel 78. Ma lui aveva un sogno, portare il suo tipo di lotta di antimafia sociale,all'interno del Consiglio Comunale. Un tipo di lotta che si sviluppa nei territori con la gente del posto,contro la gestione criminale dei rifiuti, le maxi discariche, la difesa dei beni comuni  e contro la loro privatizzazione, in difesa dei territori, dell’ambiente e in difesa del lavoro e della sua dignità contro ogni tipo sfruttamento,contro il voto di scambio. Peppino, quante persone oggi ti nomineranno? Tantissime,ma quante davvero riescono a fare un minimo di quello in cui tu hai creduto? Pochissime. Perché è più facile essere uno fra tanti,è più facile girarsi dall'altra parte, è più facile dire che la mediazione in politica è la scelta migliore, perché lo si fa per il bene del paese, perché quella persona che sto per votare mi ha promesso un posto di lavoro e intanto gli ho venduto la mia libertà, perché è più facile dire che l'immigrazione è il vero cancro del nostro paese piuttosto che combattere le mafie. Perché alla fine, Peppino, tanti si indignano per le mafie ma poi acquistano coca o erba e alimentano le mafie, vanno a prostitute alimentando un mercato di sfruttamento infame. Caro Peppino, nella tua Sicilia soffia forse un vento di speranza. Hai visto la lotta al Muos? Mamme, figli, anziani, ragazze e ragazzi tutti uniti contro quel mostro di cui nessuno vuole prendersi la responsabilità. Che dire?  Forse un minimo di speranza, ce l'abbiamo ancora di cambiare le menti di questo paese. 

Claudio Altini (Presidio di Bari)

https://www.facebook.com/notes/claudio-altini/9-maggio-19789-maggio-2014-dedica-a-peppino-impastato/10152373614396007


Archivio

Archivio
<maggio 2019>
lunmarmergiovensabdom
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
Mese
Vai