Archivio News dell'Associazione Antimafie Rita Atria Archivio News - MUOS: Lettera aperta del Prof. Zucchetti a Repubblica

Ricerca

View_Blog

MUOS: Lettera aperta del Prof. Zucchetti a Repubblica

mag 23

Scritto da:
23/05/2013 18:39  RSS

Riporto qui anche:
LETTERA APPENA SPEDITA A REPUBBLICA DI PALERMO
palermo@repubblica.it

Gentile Redazione,

per quanto riguarda il vostro articolo:
http://palermo.repubblica.it/dettaglio-news/17:19/4349270
Titolo: "fonti Usa, certi che studio Iss confermera' sicurezza Muos"

Vorrei fare alcune precisazioni, riprendendo quasi frase per frase, perché purtroppo l'articolo è pieno di inesattezze.

Per quanto riguarda il Muos, sono stati fatti degli studi preventivi che hanno escluso danni per la salute e interferenze con i sistemi di comunicazione del vicino aeroporto di Comiso.

Non è vero. Gli studi preventivi si sono rivelati inattendibili, tanto che la regione Sicilia ha deliberato di revocare le autorizzazioni per il MUOS, come noto. Tanto è vero che è proprio stato commissionato uno studio al ISS, a che pro se no sarebbe stato commissionato? Gli studi inoltre non parlavano per nulla di interferenze aeree: nell'audizione davanti alla IV e VI Commissione del ARS, un rappresentante dell'ENAV (Ente della Navigazione Aerea) ha confermato che - in assenza di informazioni - non poteva garantire la sicurezza delle navigazioni aeree.
Tutte le informazioni nei miei studi qui:
http://staff.polito.it/massimo.zucchetti/RelazionRischiAssociatiRealizzazioneMUOS1.pdf
e quello più recente per ISS qui:
https://docs.google.com/file/d/0B4zoX5HeBQpgcUxQN1VFZzJkbGc/edit?usp=sharing

Interferenze che al momento non si sono verificate nell'aeroporto di Wheeler, a meno di 7 km dalle antenne del Muos nella base delle Hawaii. Sia questa base, come quelle in Virginia e Australia sono operative e non hanno causato danni alla salute, ricordano all'ambasciata.

La legislazione USA è più permissiva di quella italiana, dato che non tutela dagli effetti a lungo termine delle onde elettromagnetiche, ed infatti ha limiti assai superiori alla nostra. Le basi MUOS sono operative da pochissimo tempo, asserire che "non hanno causato danni alla salute", se si parla di quelli appunto a lungo termine, è privo di fondamento. Dategli tempo.

A Niscemi i lavori per il Muos sono fermi dall'11 aprile.

Non è vero. Sono continuati con quelle manovre che pietosamente sono state definite "lavori di predisposizione".

Le tre grandi antenne satellitari che dovranno essere installate a Niscemi, spiega il funzionario militare, ''non potranno avere una inclinazione superiore ai 5 gradi'' e non saranno mai dirette verso l'abitato, anche perche' dovranno puntare verso i satelliti.

Secondo gli stessi "studi preventivi" citati dal funzionario, l'alzo del MUOS sarà di 18 gradi sull'orizzonte. Ed è ovvio che quando si parla di "essere diretti sull'abitato" si fa riferimento a malfunzionamenti e situazioni incidentali. Che non sono state minimamente considerate in una seria analisi del rischio.

Del resto, come ricorda il professor John Oetting della John Hopkins universita', esperto di sistemi di comunicazione militare, le emissioni elettromagnetiche di questo tipo di antenne sono inferiori a quelle dei forni a microonde e dei tralicci per i telefoni cellulari.

John Oetting non è un "professore", ma un ricercatore a contratto di quell'Università. Il Contratto è sul MUOS e Oetting è Project Manager e Lead Systems Engineer del progetto MUOS. Non è uno scienziato indipendente.
http://blog.ilmanifesto.it/scienziato/2013/05/09/muos-e-conati-di-vomito/

Le informazioni sul Muos, disponibili sul sito dell'ambasciata americana, sono state recentemente fornite durante una visita di una delegazione parlamentare del Movimento 5 stelle alla base di Niscemi, cui seguira' un'altra vista di parlamentari di Sel il 28 maggio.

Le informazioni sul MUOS disponibili sul sito sono largamente insufficienti per prevedere qual è la sua pericolosità nella zona di campo vicino, entro 67 kilometri dall'impianto. Se non si toglie il segreto militare e si forniscono dati seri, non si possono fare valutazioni: lo dicono gli esperti del ISS, non solo io.
http://caltanissetta.blogsicilia.it/muos-niscemi-esperti-togliete-il-segreto-militare-sui-dati-tecnici/185185/
Consegnarle in gran pompa è inutile. Lo ribadirò io stesso il 28 maggio, dato che farò parte degli esperti aggregati ai parlamentari SEL che ispezioneranno la base.

A chiusura un commento:
1) Ben altre sono le ragioni di preoccupazione per quanto riguarda il MUOS, e sono stupito del pressapochismo di queste dichiarazioni.
Si veda di nuovo:
https://docs.google.com/file/d/0B4zoX5HeBQpgcUxQN1VFZzJkbGc/edit?usp=sharing
ma anche il recente documento del Consiglio Nazionale dei Chimici
http://www.chimici.it/cnc/fileadmin/doc/avvisi/MUOS2.pdf

2) Trovo assai scorretto ritenersi "certi" dell'esito di un lavoro scientifico in corso, e soprattutto dichiararlo pubblicamente sa molto di ingerenza e tentativo maldestro di influenzare degli scienziati indipendenti, cui evidentemente gli USA non sono abituati ad avere a che fare. Mi sembra un'interferenza grave, un'offesa alla professionalità ed onestà di chi sta lavorando seriamente e scientificamente sulla questione. Mettono le mani avanti perché hanno una gran paura.

Un saluto cordiale ed un augurio di buon lavoro.

Massimo Zucchetti

Archivio

Archivio
<febbraio 2020>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728291
2345678
Mese
Vai